Joseph P. Farrell, è un ricercatore statunitense, professore di teologia nel Nord Dakota, musicologo, e autore di ricerche di "Storia alternativa" su scienze di confine, ricerche segrete, Deep State, potere globale. Autore di numerosi saggi, in campo economico ha scritto Babylon's Banksters: The Alchemy of Deep Physics, High Finance and Ancient Religion Financial Vipers of Venice: Alchemical Money, Magical Physics, and Banking in the Middle Ages and Renaissance
Riportiamo due passaggi dal suo blog Gizadeathstar.com sul fenomeno dell'interessante e promettente esperimento economico delle valute locali, o complementari, negli USA in cui ormai cominciano ad essere accettate in diversi Stati. La sua recente evoluzione: banconote locali contenenti una piccola quantità di oro fisico, per acquisti di importi ridotti. Questo riporterebbe in forma nuova la moneta aurea a corso legale, o quanto meno una moneta realmente gold-backed, sia pure in forma parziale, in cui almeno una parte del valore della moneta è garantito dal suo controvalore in oro, immediatamente disponibile.  
Nel 2020 Farrell scriveva a proposito della nuova valuta locale a Tenino, Washington: 

"Ho parlato dell'emergere di valute locali come risposta alla perdita di fede nel modello monetario "Big Central Banking-Frode". Ho inoltre ipotizzato che, mentre la maggior parte delle valute locali è appoggiata alle valute nazionali, potrebbe arrivare un punto in cui tale sostegno cambierà dalla valuta nazionale agli asset hard e soft locali .

Bene, le valute locali sono tornate nelle notizie e, secondo questo articolo inviato da VT, ci sono un paio di ragioni molto interessanti per cui stanno emergendo come soluzioni locali (e sospetto fortemente, eventualmente anche regionali) al completo casino delle cose i bankster hanno fatto. Il guaio è che i due motivi sono menzionati solo di sfuggita, ma sono saltati fuori pagina quando li ho letti: 

A corto di soldi, le città di tutto il mondo provano a farle da sole

Ora, ovviamente, se questa tendenza a passare a soluzioni valutarie locali e regionali continua, non passerà molto tempo prima che il signor Central Bankster assuma i suoi scagnozzi per alcuni omicidi e mandi i suoi gorilla a distruggere stampanti e strutture e distruggere qualche rotula o, come lo sfortunato intermediario di mutui di qualche anno fa, "aiutare" le persone a commettere "suicidio" brandendo una sparachiodi alla nuca (ricordate quella?) E sì, è per questo sviluppo, secondo me, che il signor Globaloney e il signor Bankster parlano di sequestri di armi, secessione e "reset" finanziari (guarda attentamente due articoli nelle "menzioni d'onore" di domani. Il virus magico ha così tanti usi!). Come afferma l'articolo, la tendenza delle valute locali è in aumento.

La vera domanda è perché? L'articolo menziona brevemente due motivi e, dopo una piccola riflessione, si può vedere che sono entrambi correlati. Ecco il motivo numero uno, in un piccolo contesto:

Dopo il lancio a maggio, città dall'Arizona al Montana e alla California sono state in contatto con Tenino per consigli sull'avvio delle proprie valute locali. "Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo nel 2020", aggiunge Fournier. "Ma città come la nostra devono trovare modi di nicchia per essere sostenibili senza fare affidamento sul mondo più ampio". Tali cosiddette valute complementari - un termine ampio per una galassia di alternative locali alle valute nazionali - esistono da secoli; secondo una  ricerca  pubblicata sulla rivista Papers in Political Economy nel 2018, sono stati registrati da 3.500 a 4.500 di questi sistemi in più di 50 paesi in tutto il mondo. In genere sono valuta localizzata che può essere cambiata solo tra persone e aziende all'interno di una regione, città o persino un singolo quartiere. Molti sono programmi di adesione limitati a coloro che si sono iscritti al programma; in genere funzionano insieme piuttosto che sostituire la valuta nazionale ufficiale. Prendono molte forme diverse. Relativamente pochi si basano sulla carta moneta; molti ora sono puramente digitali o vengono scambiati tramite smart card. I loro obiettivi possono anche abbracciare molteplici obiettivi economici, sociali e ambientali. Alcune valute complementari mirano a proteggere le imprese locali indipendenti. Alcuni promuovono visioni più eque e sostenibili della società. Altri sono stati fondati in risposta a crisi economiche quando i sistemi finanziari tradizionali si sono arrestati. Poiché la pandemia di coronavirus provoca un'ondata di tumulti sociali ed economici, tutte e tre le sfide sembrano essere in gioco contemporaneamente. “In un momento di crisi come quello in cui ci stiamo buttando, il problema principale è la mancanza di liquidità, anche quando c'è lavoro da fare, domanda e offerta di lavoro”, afferma Paolo Dini, ricercatore associato. presso la London School of Economics e uno dei massimi esperti mondiali di valute complementari. “ È spesso un problema di flusso di cassa. Pertanto, qualsiasi dispositivo o strumento che consente di risparmiare liquidità aiuta". 

Ecco il motivo numero due, sempre in un piccolo contesto: 

Come a Tenino, la città brasiliana di Maricá, nello stato di Rio de Janeiro, combina una valuta locale con un programma di reddito di base. Circa 80.000 residenti, quasi la metà della popolazione, ricevono 130 reais (35 dollari) ciascuno al mese , senza alcuna condizione su come spendere i soldi. Lanciato nel 2014, il denaro viene distribuito in “Mumbuca ”, la valuta locale della città, che non è accettata nel resto del Brasile. 

"Questo può diventare un modello su come una città può erogare in modo efficiente benefici sociali durante la pandemia, sostenendo le famiglie povere mentre rimangono a casa e anche le piccole imprese durante la crisi", afferma Eduardo Diniz, professore di banche e tecnologia alla Scuola di San Paolo di Business Administration, che dal 2014 ricerca politiche pubbliche utilizzando le valute comunitarie. 

Nel maggio 2020, i residenti di Maricá hanno speso 30 milioni di reais di Mumbuca, secondo Diniz. La chiave del successo di Mumbuca è stata la forte partecipazione del governo locale. “Storicamente, era una città molto povera”, dice Diniz. “La decisione di investire questi soldi attraverso la valuta significa che hanno potuto costruire scuole e ospedali con essa. Gli stessi soldi sono passati attraverso l'economia ancora e ancora".

Altre ricerche hanno dimostrato il valore di mantenere il flusso di denaro vicino a casa: uno  studio in Canada ha mostrato che i rivenditori indipendenti riciclano 2,6 volte più denaro nelle loro comunità rispetto alle catene. Oltre a incoraggiare le persone a fare acquisti a livello locale, le valute complementari possono incentivare modelli di comportamento positivi o filantropici. ( sottolineatura aggiunta) 

Quindi nota ciò che abbiamo: (1) Una risposta alla mancanza di liquidità, a (2) a livello locale. Soluzione: creare liquidità (denaro) che circola localmente. 

Ma aspetta un minuto! Perché dovrebbe esserci una carenza di liquidità (denaro, contanti) a livello locale, quando abbiamo osservato i banchieri centrali creare trilioni di "alleggerimento quantitativo" (e persino  quadrilioni di derivati)? Comunque, dove sta andando tutto quel "quantitative easing"? È un altro caso di soldi mancanti, anche se di tipo leggermente diverso. Supponiamo che Mr. Central Bankster - lo chiameremo IMA Grifter - decida di stimolare l'economia. Per fare ciò, crea enormi quantità di denaro fiat, che viene poi prestato a interessi (ma con uno sconto elevato) a Mr. Big Banker - chiamalo GI Luvmoney (per tutti voi Game of Lifefan). Mr Big Banker prende quei soldi e investe nel mercato azionario (o se è un gestore di fondi pensione sul libro paga della Cina, in alcune società cinesi) e alcuni "titoli" garantiti da ipoteche che sono stati raggruppati in grandi tranche, facendo salire i prezzi delle azioni, mentre il proprietario della fabbrica locale viene chiuso a causa dell'epidemia di piani aziendali. GI Luvmoney quindi preclude alcune fabbriche e le case dei dipendenti, acquista proprietà a buon mercato e le rivende ad altri Big Bankster che hanno anche loro le dita nella torta della banca centrale di IMA Grifter. Si noti che la maggior parte di questa liquidità circola tra le banche e viene utilizzata per manipolare i mercati azionari e acquistare - o sequestrare - beni immobili a buon mercato. Pochissima di questa enorme liquidità arriva "ai deplorevoli". Vale a dire, molto poco di esso trova effettivamente la sua strada verso una località. 

Pertanto, di fronte a una crisi di liquidità causata da artisti del calibro di IMA Grifter e GI Luvmoney, le località stanno semplicemente creando la propria liquidità. Poiché i due sistemi continuano a separarsi, ci si aspetta che il fenomeno della valuta locale cresca e diventi regionale. E il passo cruciale, come ho scritto sul blog nel mio precedente articolo sull'argomento, sarà quando quelle città, contee, stati e province si renderanno conto che il passo chiave per una più ampia circolazione, è semplicemente cambiare il sostegno dalla valuta nazionale ai beni immobili controllano. A quel punto, aspettati un combattimento. Quindi, oltre a investire negli ospedali e nelle scuole (non è affatto una cattiva idea), anche investire per difenderli sarebbe intelligente."

Un suo articolo più recente ci aggiorna su questo sviluppo:  
"Circa due anni fa, all'incirca in questo periodo, ho scritto un paio di brevi blog sull'emergere di un'altra valuta locale, il “Goldback” dello Utah. È arrivato, come ho notato in un post successivo, come parte di un movimento in cui stavano nascendo molte valute locali.Più recentemente abbiamo visto il West Virginia entrare a far parte della crescente lista di stati che hanno approvato leggi sui lingotti come corso legale; non monete, ma  lingotti, poiché gli Stati stanno rimuovendo le tasse su queste commodities nella speranza di suscitare interesse nell'uso come mezzo di scambio, e l'Oklahoma sembra essere il prossimo nella lista degli Stati USA che stanno considerando l'approvazione di tali leggi. 
Con tutto questo in corso, non sorprende che lo Utah Goldback sia tornato d'attualità, e sì gente, significa che la valuta locale è ancora in circolazione: 

La nuova valuta privata utilizza banconote piene di oro reale

La cosa interessante da notare qui è che da quando ho trattato per la prima volta la storia poco meno di due anni fa, l'uso della valuta si è lentamente diffuso; nota questo: Per migliaia di anni, chiunque volesse acquistare beni con l'oro ha dovuto affrontare "il problema della piccola moneta", ha detto Cordon a The Epoch Times. Una moneta d'oro da 1 oncia, del valore di circa $ 2.000, è troppo costosa per l'uso quotidiano, ma una moneta d'oro economica è poco pratica.  

"L'oro è il denaro migliore, ma non può comprare una pagnotta", ha detto. 

Per risolvere questo problema, Cordon ha utilizzato una nuova tecnologia per creare una banconota che racchiude uno strato d'oro sottilissimo tra due strati di polimero: il Goldback. Il risultato può valere fino a $ 3,80. 

In un momento in cui Bitcoin ha divorato la maggior parte del mercato delle valute private e locali, i Goldback sono arrivati ​​in ritardo nel mondo delle valute private. Negli anni '80 e '90, le valute private hanno conosciuto un boom negli Stati Uniti, secondo Loren Gatch, professore dell'Università dell'Oklahoma centrale ed esperto di valuta locale. Ma da allora sono in declino. 

"Questo è qualcosa che [è] praticamente peggiorato negli ultimi due decenni", ha detto Gatch.

Città come  Ithaca, New York, e  Berkshire, Massachusetts; attività come  i campi di estrazione del carbone; e gruppi politici come attivisti di sinistra e enclavi anti-governative libertarie hanno tutti utilizzato valute private. 

Ma anche in mezzo a un calo della valuta privata, Goldback ha $ 20 milioni di banconote in circolazione, secondo Cordon. Sono riconosciuti come moneta a corso legale nello  Utah  e nel Wyoming e sono legali per l'uso nel New Hampshire, Nevada e South Dakota. Questo numero mette i Goldbacks nella fascia più alta di ciò che le valute private hanno mai raggiunto.

"È totalmente fuori scala", ha detto Gatch. "$ 20 milioni sono molto più di quello che penso che tutti gli esperimenti con cui ho familiarità - nell'ultimo quarto di secolo - abbiano mai provato a fare". 

In altre parole, quello che era iniziato come un piccolo sforzo più o meno limitato allo stato dello Utah, si è ora diffuso in altri quattro stati: Wyoming, New Hampshire, Nevada e South Dakota. 
 

Quindi ho intenzione di suggerire qualcosa qui, qualcosa a cui prestare attenzione, che potrebbe più o meno davvero stabilire l'idea delle valute locali in generale, e dei goldback dello Utah in particolare, e cioè, sforzarsi per l'accettazione di tali valute nelle riserve dello Stato. Da lì, è un breve passo per l'emissione di ricevute per i depositi di metalli preziosi, e da lì, un altro  passo molto breve per la negoziazione delle ricevute stesse come mezzo di scambio... come denaro, e nota bene, come denaro reale, non il suo facsimile (debito monetizzato).

In breve, gente, dimenticate le "valute" digitali, che come avverte da anni Catherine Austin Fitts, non sono affatto valute, ma nient'altro che coupon aziendali. La vera rivoluzione è nei depositi di metalli preziosi e nelle valute locali come il goldback. Una volta che arriviamo alla fase dell'utilizzo delle ricevute di deposito di lingotti come mezzo di scambio, il gioco della banca centrale è pronto. 
Ci vediamo dall'altra parte..."