Roberto Quaglia traccia una cronologia comparativa tra l'emergenza coronavirus e altre situazioni critiche, molto meno visibili, ma non per questo meno pericolose.