«A noi servono 14 miliardi per il reddito di cittadinanza, se non bastano facciamo un pò di deficit» parole del diplomato Luigi Di Maio (in guerra con storia, geografia, lingua inglese e congiuntivi italiani), capo per conto terzi del movimento 5 stelle. Un fatto è certo: introdurre subito il reddito per tutti è impossibile. Allora perché promettere soprattutto in campagna elettorale qualcosa che non si può mantenere? Soltanto per sgraffignare il voto degli italidioti considerati da chi comanda veramente alla stregua di camerieri a vita?



Innanzitutto, i pentastelluti - che pretendono di stanziarsi a Palazzo Chigi - dove andranno a prendere i soldi pubblici per distribuirli a chi è senza reddito? In soldoni il progetto M5S prevede di integrare il reddito di ogni italiano sotto i 780 euro fino a questa soglia. Almeno sulla carta, chi è senza reddito riceve 780 euro, chi ne prende già 700, soltanto 80. Secondo l’Istat, in media, il trasferimento di denaro dovrebbe essere 480 euro a famiglia. A parere dei 5 stelle per beneficiare tutti i bisognosi potenziali (5 milioni di famiglie, ovvero 10 milioni di persone) ci vogliono 15 miliardi di euro. Invece per l'Inps i 15 miliardi di euro derivano da simulazioni Istat che attribuiscono alle famiglie proprietarie di una casa, un reddito fittizio equivalente all’affitto che potrebbero incassare dall’immobile, così da equiparare proprietari e inquilini.
 
I pentastelluti hanno indicato le seguenti fonti di risorse da cui attingere: taglio di 5 miliardi di agevolazioni fiscali e 2,5 miliardi di non meglio precisati “tagli agli sprechi”. In totale si arriva così a 7,5 miliardi di euro. E l’altra metà? La vulgata grullina pretende di finanziare il resto in deficit, con il consenso della Commissione europea, in base ad un trucco contabile: i beneficiari del reddito di cittadinanza risulterebbero tutti disoccupati, mentre attualmente molti sono classificati come inattivi. Insomma, più disoccupati e più deficit: tale approccio ovviamente non è mai stato validato da Bruxelles. Mister Di Maio, il presunto aumento del prodotto interno lordo come fa a ridurre il predetto deficit? Prima di sparararle grosse è consigliabile studiare seriamente economia e finanze all'università, conseguendo almeno una laurea con il massimo dei voti.
 
Ecco una soluzione praticabile se il belpaese fosse indipendente. Perché non dimezzare le spese militari italiane che si aggirano sui 30 miliardi di euro annui, soltanto per fare le guerre sparse in mezzo mondo, in base alle direttive di Washington? Forse l’Italia non ha più alcuna sovranità? Dignità fa rima con libertà.