Dopo Cagliostro e il Conte di Saint Germain, a cui abbiamo dedicato due articoli rispettivamente su NEXUS New Times nr. 130 e 131, ecco la terza parte della "Triade Ermetica" a firma di Diego Antolini, che vede come protagonista Paracelso, tratta da NEXUS New Times nr. 132, che potete trovare in edicola... ancora per pochi giorni, però!



Paracelso non è stato solo il fondatore della moderna scienza medica: l'alchimista svizzero ha anche ispirato la teoria del magnetismo di Mesmer, la teoria “astrale” dello spiritualismo moderno e la filosofia di Cartesio, oltre a riproporre la teoria “microcosmica” dell'antica Grecia...


[Estratto dallo studio “La triade ermetica: Paracelso”]

       Nella storia dell'alchimia non esiste una figura più pittoresca e incredibile come quella di Auroelus Philippus Theophrastus Paracelstis Bombast von Hohenheim, medico illustre ed esponente della filosofia ermetica che scelse di essere ricordato con il nome di Paracelso.
Egli nacque a Einsideln, vicino Zurigo, nel 1493. Suo padre era figlio naturale di un principe e praticante dell'arte della medicina; pertanto desiderava che il suo unico figlio seguisse la stessa professione.
La prima educazione di Paracelso venne quindi indirizzata verso le scienze mediche, ma queste si impressero più sulla sua immaginazione per parte del mondo alchemico e dei suoi misteri, che sulla pratica vera e propria. Egli comprese immediatamente che le tradizioni mediche del tempo non erano altro che gusci vuoti dai quali ogni sostanza si era da tempo prosciugata. Paracelso disse:

“…Ho considerato con me stesso che se non ci fossero stati insegnanti di medicina al mondo, come avrei potuto imparare il mestiere? In nessun altro modo se non dal grande libro aperto della natura, scritto con il dito di Dio...”

       Essendosi quindi emancipato dai legami di una medicina ortodossa e obsoleta, Paracelso iniziò un percorso personale che lo avrebbe portato a concepire un nuovo sistema in sostituzione del vecchio. Si immerse nel “libro della natura” attraverso un lungo periodo di viaggi, dal 1513 al 1524, che lo portarono a visitare praticamente ogni angolo del mondo conosciuto. Fu imprigionato dai Tartari (ma in seguito accompagnò il figlio del Kahn a Costantinopoli), si confrontò con i maghi dell'Egitto e dell'Arabia, e forse raggiunse persino l'India dei Sufi.
Studiò metallurgia, chimica e medicina, spesso accompagnandosi a vagabondi di ogni sorta. Infine tornò in Svizzera (1524) e si stabilì a Basilea, allora il luogo d'incontro di studiosi e medici, dove ottenne la cattedra di medicina all'Università. Basilea non aveva mai visto un professore più erratico e brillante di Paracelso. Il suo linguaggio esagerato, il suo comportamento eccentrico e lo splendore dei concetti che trasmetteva attraverso una nebbia di codici oscuri attraevano e sconvolgevano allo stesso tempo, portando amici ma anche molti nemici.
L'antipatia di Paracelso per la scuola Galenica si fece via via più aspra, fino a raggiungere l'apice quando egli bruciò pubblicamente i lavori di Galeno e Avicenna in un vaso di bronzo nel quale aveva gettato sodio e zolfo. Con questo atto Paracelso incorse nella collera dei suoi colleghi più conservatori e tagliò definitivamente ogni ponte con la medicina accademica.
Nonostante ciò egli continuò la sua carriera trionfale fino a quando un conflitto con i magistrati cittadini cambiò tutto: Paracelso fu costretto a lasciare Basilea e, da quel momento, vagò di posto in posto guadagnandosi da vivere come meglio poteva.

       La sua morte, avvenuta nel 1541, è avvolta nel mistero. La versione più accreditata vuole che egli fosse stato avvelenato su istigazione della facoltà di medicina di Basilea.
Per quanto interessanti, gli eventi della sua vita fanno solo da corollario alle sue opere. Non solo Paracelso è stato il fondatore della moderna scienza medica, ma la teoria del magnetismo di Mesmer, la teoria “astrale” dello spiritualismo moderno, la filosofia di Cartesio sono tutti concetti che hanno attinto dai fantastici e non sempre logici insegnamenti dell'alchimista svizzero. Fu lui a riproporre la teoria “microcosmica” dell'antica Grecia, tentando di dimostrare come il corpo umano non sia altro che lo specchio quantico del Sistema Solare, collegando i sette organi ai sette pianeti. Fu Paracelso a predicare la dottrina della Volontà e la sua efficacia – potere e immaginazione – con queste parole:

“…È possibile che il mio spirito, senza l'aiuto del mio corpo ma attraverso la sola, ardente volontà, e senza una spada, possa colpire e ferire altri. È inoltre possibile che io possa trasferire lo spirito del mio avversario in un'immagine e tenerlo lì prigioniero oppure torturarlo a mio piacimento...”

“…Vivida immaginazione è l'inizio di ogni operazione di magia...”

“…Poiché gli uomini non credono né immaginano in modo perfetto, il risultato è che le arti sono incerte quando potrebbero essere interamente certe...”

       Il primo principio della sua dottrina era l'estrazione della quintessenza, o mercurio filosofico, da ogni corpo materiale. Paracelso credeva che se la quintessenza fosse stata raccolta da ogni animale, pianta e minerale, il risultato ottenuto sarebbe stato lo spirito universale o “corpo astrale” nell'uomo, e che un sorso dell'estratto potesse restituire la giovinezza. Alla fine egli giunse alla conclusione che i “corpi astrali” esercitavano una reciproca influenza l'uno sull'altro, e dichiarò che lui stesso aveva comunicato con i morti e con i vivi, con questi ultimi anche a distanza considerevole.
Paracelso fu il primo a porre in essere il collegamento tra l'influenza astrale e quella dei magneti, usando la parola “magnetismo” con la sua applicazione moderna. Fu grazie a questo fondamento che Mesmer costruì poi la sua teoria dell'influenza magnetica.

       Sebbene immerso in tali studi esoterici, Paracelso non trascurò la pratica della medicina. Infatti sia l'astrologia che il magnetismo divennero parte integrante dei suoi trattamenti. Quando veniva chiamato da un paziente, il suo primo atto era quello di consultare i pianeti, l'origine della malattia e se, ad esempio, il malato era una donna, egli dava per scontato che la causa del male risiedesse nella Luna. La sua anticipazione della filosofia di Cartesio era nella teoria che armonizzando i vari elementi del corpo umano con quelli della natura – fuoco, terra, acqua, aria, luce – vecchiaia e morte potevano essere ritardati indefinitamente. Il suo esperimento nell'estrazione dell'essenza dei papaveri risultò nella produzione del laudano, che Paracelso usava prescrivere liberamente nella forma di “tre pillole nere”. Non a caso egli è oggi celebrato come il primo medico ad avere usato oppio e mercurio, oltre ad aver riconosciuto il valore dello zolfo.
Un altro grande problema tutt'oggi dibattuto dalla scienza moderna, e che Paracelso studiò estensivamente, è quello della possibilità di ottenere la vita dalla materia inorganica. Secondo l'alchimista questo è possibile; egli lasciò ai posteri una dettagliata ricetta...


... Continua…
su NEXUS New Times
(disponibile in edicola e nel nostro shop)

Per informazioni e acquistoclicca qui

IN QUESTO NUMERO SI PARLA ANCHE DI...
  • VILLAGGIO GLOBALE

Parliamo di una realtà informatica quantistica universale, della sincronicità genitore-bambino, del collegamento tra EMF e aborto e infertilità, dei bilioni mancanti dal Tesoro americano, di un sistema operativo nascosto nel vostro computer, di una guida a Blockchain e Bitcoin, e altro.

  • LE 25 PRINCIPALI NOTIZIE DEL 2016-17 di Project Censored

Un programma di studi di giornalismo, istituito nel 1976 presso la Sonoma State University, in California, è portato avanti da accademici e studenti nella loro ultima revisione annuale delle notizie più importanti che sono state ignorate dai media corporativi americani.

  • GARDASIL: APPROVATO IN FRETTA MA IMPERFETTO di Helen Lobato

Per il cancro cervicale sono state suggerite molte cause, ma ora il papillomavirus umano (HPV) è considerato il colpevole. I vaccini HPV di oggi, Gardasil e Cervarix, sono stati scarsamente testati, hanno additivi non sicuri e sono associati ad eventi avversi.

  • PEER REWIEV A NUDO di Louis Slesin

Interessi costituiti nel settore delle telecomunicazioni hanno progettato di screditare gli scienziati Henry Lai e Narendra Singh e le loro ricerche che collegavano l'esposizione alle radiazioni a microonde con danni genetici. La rivista Radiation Research è stata complice della cospirazione.

  • I GIGANTI DELL'ANTICO EGITTO di Hugh Newman

L’esame di testi storici, geroglifici e opere d'arte, nonché la scoperta di grandi manufatti, resti mummificati e sarcofagi, forniscono prove convincenti che individui molto alti, inclusi famosi faraoni, vivevano in Egitto nell'antichità.

  • SCIENCE NEWS: LE VIRTÙ TERAPEUTICHE DEL GAS DI BROWN di Walter Last con George Wiseman

Ben noto per le sue incredibili applicazioni tecnologiche, il Gas di Brown, o HHO, ha anche potenti proprietà curative. Durante l'elettrolisi per produrre idrogeno e ossigeno, viene creato un terzo gas, che viene espanso elettricamente.
>> LEGGINE UN ESTRATTO QUI <<

  • FENOMENI ANOMALI IN RUSSIA, ASIA CENTRALE E TIBET di Paul Stonehill e Philip Mantle

Anfibi giganti argentati, sfere pulsanti e mezzi sommergibili sono tra gli strani avvistamenti riportati da testimoni militari e civili, registrati in libri e archivi, e preservati nelle leggende in Russia, Asia centrale e Tibet
>> LEGGINE UN ESTRATTO QUI <<

  • TWILIGHT ZONE di Alec Newald

Già I ricordi di un'esperienza di 10 giorni di tempo “mancante” forniscono rivelazioni sulla storia umana, sulle forze oscure che si nutrono della nostra paura, sulle crisi climatiche, sulle basi ET segrete sulla Terra e sulla fiducia che possiamo avere per il nostro futuro.


Articoli simili: