"Sputnik V è sicuro!"; “Putin sta solo 'giocando d'accordo' con la narrativa COVID fino a quando il petrodollaro non crolla!”; "La Russia è l'ultimo baluardo della libertà!"…

I media alternativi hanno creato una realtà alternativa sulla Russia. Il Cremlino ha abbracciato tutte le stesse "misure di salute pubblica" violentissime che attualmente terrorizzano il mondo occidentale, e le persone negano o cercano scuse.

 

"NON ESISTE UNA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA IN RUSSIA!"
Tutti gli 85 soggetti federali della Federazione Russa ora hanno obblighi di vaccinazione, nonché  regole che richiedono certificati digitali sanitari per l'ingresso in determinate attività commerciali, luoghi e istituzioni pubbliche. Molte regioni stanno negando le cure mediche di routine a coloro che non hanno codici QR.
A livello federale, il Cremlino ha espresso sostegno per "qualsiasi misura" che "incoraggia" i russi a farsi inoculare, mentre insiste sul fatto che la  vaccinazione rimane completamente volontaria.
Un esempio di vari sentori regionali della vaccinazione "volontaria" in Russia:
• Nella regione di Novgorod, i bambini i cui genitori non sono stati vaccinati sono banditi dai club di doposcuola e da altre attività extrascolastiche.
• Per utilizzare i trasporti pubblici in Tatarstan saranno necessari passaporti digitali vaccinali. Il nuovo regolamento si applica a tutti i residenti di età superiore ai 18 anni senza esenzione medica.
• A San Pietroburgo, un test PCR negativo non può essere utilizzato per ottenere un codice QR. Ciò significa che teatri, musei e ristoranti nella seconda città più grande della Russia sono riservati esclusivamente ai vaccinati e a quelli con prova di precedente infezione.
• Ai moscoviti di età superiore ai 60 anni è stato ordinato di autoisolarsi fino alla fine di febbraio. Sono esentati dalla regola coloro che sono stati vaccinati o hanno una prova di precedente infezione.
Probabilmente si legge da qualche parte che Vladimir Putin ha vietato la vaccinazione obbligatoria come parte del suo piano generale per distruggere il sistema bancario a riserva frazionaria e portare pace e armonia nel mondo. Qualcuno ti ha mentito. Mi dispiace.

 

“…MA LO SPUTNIK V È SiCURO!”

Il Cremlino ha accesso a un tunnel spaziale che piega il tempo? Perché continuiamo a leggere affermazioni vanagloriose sui risultati inesistenti degli studi di sicurezza ed efficacia a "lungo termine" di Sputnik V, che dovrebbero concludersi il 31 dicembre 2022.
Come altri vaccini COVID, lo Sputnik V ha effettuato uno zoom attraverso gli studi clinici, con un rapporto "temporaneo" composto da dati di sei mesi utilizzati come prova della sua inattaccabile sicurezza ed efficacia a lungo termine. Non ha aiutato il fatto che questo set di dati già limitato fosse  afflitto da controversie (oltre che da un'allarmante mancanza di trasparenza).
Gli studi sui vaccini di fase III richiedono in genere almeno cinque anni di attenta osservazione. Ad esempio, lo studio sulla sicurezza a lungo termine per il vaccino Ebola di J&J, che utilizza la stessa piattaforma di vettori virali Ad26 di Sputnik V, è iniziato nel 2016 e non terminerà fino al 2023.

Alexander Redko, presidente dell'Associazione professionale degli operatori sanitari di San Pietroburgo, ha osservato a luglio che dichiarare lo Sputnik V "sicuro" senza nemmeno aspettare che finiscano gli studi clinici a velocità ridicola è scientifico quanto leggere i tarocchi. Ha torto? Il governo russo la pensa chiaramente così.

Nel dicembre 2020, il ministero della salute russo ha annunciato che stava interrompendo prematuramente la programmazione di studi per Sputnik V, sostenendo che non sarebbe etico somministrare iniezioni di placebo quando era già disponibile al pubblico un vaccino salvavita comprovato.
"Ora tutto è stato dimostrato, mentre la pandemia è in corso", ha spiegato Alexander Gintsburg, direttore del Centro Gamaleya, che ha sviluppato lo Sputnik V, appena quattro mesi dopo l'inizio degli studi di Fase III. "I negazionisti della scienza affermano che è irresponsabile costringere decine di milioni di persone a farsi iniettare un farmaco non testato, ma ciò che questi teorici della cospirazione non capiscono è che eventuali problemi a lungo termine sarebbero diventati evidenti entro quattro mesi. Inoltre, la Russia dispone di un sistema solido e trasparente per segnalare gli effetti collaterali."
Il governo russo non dispone di un database simile al VAERS per la segnalazione e il monitoraggio di sospette reazioni avverse e i medici che mettono in dubbio la sicurezza o l'efficacia del vaccino sono  minacciati di multe esorbitanti e detenzioni.

Il fatto è che in Russia non è registrato proprio nulla. Pertanto, è molto difficile capire quante gravi complicazioni ci siano. I casi sono tanti, e possiamo dire che sono legati al vaccino. C'è molto da dire. Oppure si può mettere la testa sotto la sabbia e dire che non c'è niente di niente,” ha detto Pavel Vorobyov, Presidente della Società Scientifica Moscovita dei Medici, in una recente intervista, facendo di lui un odiato criminale anti-scienza agli occhi del governo russo. 

Il ministero della salute argentino è ugualmente colpevole di gravi “crimini” contro lo Sputnik V. A ottobre, lo stato sudamericano ha rivelato che il vaccino di punta della Russia era il leader della nazione quando si trattava di causare reazioni avverse, battendo Sinopharm e AstraZeneca con margini significativi (il rapporto completo può essere letto qui)

 

Perché l'Argentina odia la Scienza?

Ci sono persino posizioni considerate “irresponsabili” da parte di rappresentanti eletti della Russia. Il deputato della Duma Mikhail Delyagin ha sostenuto in un editoriale di agosto che i dati del governo suggeriscono che la vaccinazione di massa non ha un chiaro effetto neutralizzante e sta peggiorando le cose.
Per mesi, il governo russo ha sostenuto che era praticamente impossibile essere ricoverati in ospedale con COVID se si era completamente vaccinati. Quando è apparso evidente che le cose andavano un po’ diversamente, il direttore di Gamaleya ha affermato che l’80% dei russi colpiti dal virus si erano ammalati di virus e avevano acquistato certificati falsi e mentivano sul loro stato di vaccinazione. 

La favoletta di Gintsburg ha ispirato alcuni coloriti commenti presso i media russi. Così opinava una testata:

"All'inizio dicevano che bastava farsi vaccinare una volta ogni due anni per non ammalarsi affatto, poi una volta all'anno, poi una volta ogni sei mesi. Ora si scopre che la vaccinazione non protegge nemmeno dall'entrare in terapia intensiva o dalla morte. E qual è la soluzione? È vero, il ministro della Salute, il signor Murashko, afferma ancora che non ci sono morti tra i cittadini che hanno ricevuto il vaccino. Ma le persone non vivono su Marte, loro, ahimè, affrontano queste morti dei vaccinati in vita... Al che poi le Pubbliche Relazioni naturalmente smettono di funzionare."


È dubbio che il vaccino Sputnik abbia mai funzionato. Il mese scorso, il vicepresidente della Duma di Stato Pyotr Tolstoj ha ammesso che il governo non era completamente riuscito a convincere il pubblico che lo Sputnik V fosse sicuro ed efficace.
"Ci sono poche risposte alle domande sul perché coloro che sono vaccinati sono malati, perché coloro che sono vaccinati muoiono, perché ci sono problemi e complicazioni dopo le vaccinazioni stesse", ha affermato il legislatore di alto rango.
La totale mancanza di trasparenza ha stimolato la creazione di database informali e canali Telegram in cui è possibile monitorare gli eventi avversi. Invece di intensificare gli sforzi per affrontare i problemi di sicurezza, il governo russo ha paragonato i cittadini preoccupati ai terroristi. Il Cremlino e le sue credule cheerleader sostengono che non c'è bisogno di preoccuparsi della sicurezza a lungo termine perché lo Sputnik V si basa sulla piattaforma delivery del principio attivo basata su vettori virali comprovata e testata nel tempo del Centro Gamaleya. Ad esempio, Kirill Dmitriev, l'ex banchiere di Goldman Sachs che ha studiato ad Harvard e che dirige il Russian Direct Investment Fund (che fornisce finanziamenti per Sputnik V), ha affermato  in un editoriale pubblicato da RT

"La Russia ha beneficiato della modifica per COVID-19 di una piattaforma di vaccini a due vettori esistente sviluppata nel 2015 per la febbre Ebola, che ha attraversato tutte le fasi degli studi clinici ed è stata utilizzata per aiutare a sconfiggere l'epidemia di Ebola in Africa nel 2017."

Ma sul sito web di Sputnik V apprendiamo:

"Circa 2.000 persone in Guinea hanno ricevuto iniezioni di vaccino contro l'Ebola nel 2017-18 come parte della sperimentazione clinica di fase 3."


Dmitriev sta davvero suggerendo che uno studio di Fase III tenutosi nel 2017-18 ha aiutato la Guinea a sconfiggere l'Ebola? È un'affermazione piuttosto coraggiosa, considerando che la Guinea è stata dichiarata libera dall'Ebola nel giugno 2016 a seguito di un'epidemia di due anni prima. Quando il liquame magico di Ebola di Gamaleya è arrivato in Guinea (come parte di una sperimentazione clinica), non c'era più Ebola da combattere. Nel febbraio di quest'anno, la Guinea ha riportato la sua prima morte per Ebola dal 2016. 

Dmitriev o RT possono offrire qualche chiarimento qui? Invia le tue domande al notoriamente impavido e obiettivo Russia Desk di RT.
A proposito: perché Dmitriev (e il sito web di Sputnik V) dovrebbe vantarsi di aver inoculato 2.000 africani come parte di uno studio clinico tenuto un anno dopo che la Guinea è stata dichiarata libera dall'Ebola? Ebbene, perché questo è fondamentalmente il più grande trionfo di Gamaleya, prima di inventare lo Sputnik V a tempo di record. 

Alexander Gintsburg, ampiamente accreditato per aver posto fine all'orribile epidemia di Ebola del 2017 in Guinea


Sputnik V è il primo vaccino "basato su vettori virali" del Centro Gamaleya a ricevere l'autorizzazione all'uso di emergenza al di fuori della Russia. Gintsburg, che è il direttore di Gamaleya dal 1997, non ha ancora introdotto sul mercato un vaccino completamente approvato, nonostante i molteplici tentativi.
In effetti, il primo vaccino adenovirus vettore di Gintsburg, AdeVac-Flu, ha  provocato uno scandalo di appropriazione indebita per migliaia di milioni di dollari.

 

“Gli scienziati [di Gamaleya] hanno fatto un farmaco 'copia-incolla' [Sputnik V] dalla loro ricerca precedente, non accettata dalla comunità scientifica. Nella loro memoria genetica: un procedimento penale, lo scetticismo dell'OMS e zero farmaci introdotti sul mercato". 

Come è stato denunciato sul sito fontanka.ru già nel luglio 2020. Con un curriculum così impressionante, non sorprende che il Centro Gamaleya si definisca  "il principale istituto di ricerca del mondo". Il Centro dispone anche  di strutture leader a livello mondiale. Seriamente, rifatevi gli occhi su queste strutture all'avanguardia.

Molti russi sono anche molto colpiti dal fatto che il fan n. 1 di Sputnik V (e uno degli investitori originali del farmaco) sia un banchiere umanitario che sta cercando di introdurre un sistema di pagamento basato su codice QR in Russia e sta anche sviluppando una valuta digitale in collaborazione con JP Morgan.
Probabilmente il vostro analista geopolitico WordPress preferito esclama "Sputnik V è sicuro!"… la risposta appropriata è guardare ciò che il governo russo sta coprendo. 

 

“…MA IL GOVERNO RUSSO NON INGANNEREBBE MAI IL SUO STESSO POPOLO!”
A giugno, l'emergere di un ceppo di Mosca “altamente mortale” – in seguito riconsiderato come un "fenomeno ipotetico" – ha costretto le autorità a introdurre il primo obbligo di vaccinazione in Russia, nella capitale. Altre regioni hanno seguito l'esempio. A quel punto, la gente brontolò, ma i "casi" di COVID iniziarono immediatamente a precipitare e le “morti” per COVID si sono stabilizzate: è stato un vero miracolo!

Poi è successo qualcosa di veramente strano: le politiche coercitive COVID incredibilmente efficaci (ma altamente impopolari) hanno improvvisamente smesso di funzionare subito dopo le elezioni della Duma a fine settembre. Che strana coincidenza. Ovviamente, il partito al governo Russia Unita, che si era appena assicurato il parlamento per altri cinque anni dopo una vittoria elettorale inaspettatamente decisiva, è stato costretto a imporre politiche COVID ancora più coercitive. Così ora, se ai russi non piace, possono esprimere la loro insoddisfazione alle urne, nel 2026.

La discesa della Russia nella vaccinazione obbligatoria è un caso di studio sulla menzogna su scala industriale e sulla doppiezza del governo. È una storia molto interessante.

 

"...MA... MA... PUTIN!"
A gennaio, il presidente della Russia ha  presentato un discorso programmatico al World Economic Forum, il suo primo discorso davanti allo stimato organismo internazionale dal 2009.
Iniziando il suo discorso con un "caro Klaus" molto amichevole e intimo, Putin ha ricordato come ha incontrato per la prima volta il signor Schwab nel 1992 e da allora aveva regolarmente partecipato agli eventi organizzati dal visionario della Quarta Rivoluzione Industriale.

Putin ha usato questo discorso molto importante per chiedere "l'espansione della scala dei test e delle vaccinazioni" in tutto il mondo, descrivendo il COVID come una minaccia esistenziale che richiedeva una stretta cooperazione internazionale. L'intera economia globale dovrà essere ricostruita da zero dalle banche centrali, perché il virus è così mortale e distruttivo:

“La domanda chiave oggi è come costruire un programma di azioni al fine non solo di ripristinare rapidamente le economie globali e nazionali colpite dalla pandemia, ma per garantire che questa ripresa sia sostenibile nel lungo periodo, si basi su strutture di elevata qualità e aiuti a superare il peso degli squilibri sociali. Chiaramente, tenendo presenti le restrizioni di cui sopra e la politica macroeconomica, la crescita economica si baserà in gran parte sugli incentivi fiscali con i bilanci statali e le banche centrali che svolgeranno un ruolo chiave.”

È così che si dice "Ricostruisci meglio" in russo?
Siamo tutti intrappolati nello stesso panpoopticon controllato  dall'oligarca. Forse è ora di accettarlo, invece di fingere che alcuni carcerieri siano più “giusti” di altri?
Tempi folli. Buona fortuna a tutti.

Da Off Guardian
https://off-guardian.org/2021/11/16/myth-vs-reality-in-covid-russia/

Tradotto da Matt Martini