2021 Lettera agli azionisti

Cari colleghi azionisti della Cathedra Bitcoin Inc:

Nel 1798 un economista britannico era preoccupato che l'incessante incremento della popolazione avrebbe portato l'umanità ad esaurire il cibo. Come soluzione ha sostenuto una serie di misure volte a frenare il tasso di crescita della popolazione (ad esempio tasse sul cibo) per migliorare il tenore di vita di quegli esseri umani che sarebbero sopravvissuti. L'economista in questione, Thomas Malthus, è cresciuto in una casa di campagna nel Surrey ed ha studiato al Jesus College di Cambridge, in seguito è diventato membro della Royal Society nel 1818 e, in parole povere, ha sostenuto politiche volte a porre un limite (o porre fine) alla vita umana per prevenire questa bomba demografica.

“Invece di raccomandare l’igiene ai poveri dovremmo incoraggiare abitudini contrarie. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, ammassare più gente nelle case e incentivare il ritorno della peste».

– Thomas Malthus, “Saggio sul principio di popolazione” (1798)

Guardando indietro, possiamo osservare come tali previsioni (fortunatamente) non si siano realizzate. La popolazione umana è cresciuta di nove volte da quando Malthus ha scritto il suo famigerato pezzo, "Saggio sul principio di popolazione". Nel frattempo, la tecnologia ha fornito all'umanità la capacità di incanalare l'energia in modi inimmaginabili per Malthus, permettendoci di godere di livelli di prosperità che in confronto fanno sembrare l'elitario Malthus un servo della gleba. Nonostante ciò non siamo esenti da problemi.

Come risposta al COVID-19 gli ultimi due anni hanno visto un grado senza precedenti di ingerenza governativa in tutto il mondo, sia attraverso obblighi che stimoli fiscali e monetari da record. Nel frattempo la carenza di cibo ha colpito allo stesso modo i mondi sviluppati e quelli in via di sviluppo. I prezzi delle abitazioni, degli asset e delle materie prime stanno salendo vertiginosamente, avendo anche il Consumer Price Index al livello più alto degli ultimi quattro decenni negli Stati Uniti. Inoltre in tutto il mondo i disordini civili sono in aumento.

Riteniamo che le cause alla radice di questi problemi siano abbastanza semplici: moneta instabile e infrastrutture energetiche instabili. In questa prima lettera annuale agli azionisti di Cathedra Bitcoin, esaminiamo lo stato attuale di entrambi e discutiamo di come sensibilizzino la nostra visione per il futuro dell'azienda.

Macro Update: Energia

La crisi energetica europea

Negli ultimi sei mesi i titoli dei giornali si sono concentrati su una "crisi energetica europea". Mentre l'economia globale resuscitava dopo 18 mesi di blocco si svelava una tempesta perfetta di eventi:

• durante l'estate la Cina ha aumentato le importazioni di gas naturale a seguito di una carenza di carbone, provocando un aumento dei prezzi dell'energia in Europa;

• a settembre una penuria di vento ha assalito il nord Europa, con il conseguente pagamento di ingenti somme per la spedizione di altre forme di produzione ("più sporche");

• la riduzione delle importazioni di gas naturale dalla Russia ha lasciato l'Europa con le relative riserve su quote storicamente basse;

• a dicembre temperature insolitamente fredde hanno colpito il continente, provocando onde d'urto sui mercati energetici (servendo anche da catalizzatrici per i disordini civili in Kazakistan); 

L'invasione russa dell'Ucraina nelle ultime settimane ha fatto salire i prezzi del petrolio e del gas, provocando l’esigenza di una maggiore produzione interna di energia.

Questi eventi hanno “cospirato” per causare un forte aumento dei prezzi dell'energia in tutto il continente. Si è tentati di etichettare uno qualsiasi dei suddetti eventi come "cigno nero" guidato da forze imprevedibili al di fuori del nostro controllo (col senno di poi, sarà ancora più allettante attribuire questa crisi all'invasione dell'Ucraina da parte di Putin). Ma in realtà l'Europa ha sistematicamente smantellato la sua stabile infrastruttura energetica, per oltre un decennio. E purtroppo non è la sola. Prendiamo ad esempio la California: nell'ultimo decennio, lo stato ha visto i prezzi dell'energia aumentare di 7 volte rispetto a quelli del resto degli Stati Uniti e i blackout sono diventati "eventi quasi quotidiani".

Se si guarda più in profondità, si scopre una causa molto più sottile: politiche fuorvianti che sovvenzionano le intermittenti rinnovabili e che bloccano forme di produzione stabili, i cui effetti netti sono l'incertezza energetica e l'aumento dei costi relativi.

La vera “Transizione Energetica”

A partire dai primi anni 2000 i governi di tutto il mondo hanno iniziato a riorientare la politica energetica intorno al cambiamento climatico. Queste politiche "zero emissioni" spingono per una "transizione energetica" dalle fonti di energia produttive di CO2 verso il 100% di energia "rinnovabile", principalmente attraverso sussidi ad una produzione discontinua di energia eolica e solare.

Apparentemente queste politiche sembrano aver funzionato. La produzione di energia da fonti rinnovabili nell'UE è aumentata del 157% negli ultimi dieci anni . Di conseguenza, nel 2020, la produzione del rinnovabile in Europa ha superato per la prima volta quella dei combustibili fossili, fornendo il 38% dell'elettricità della regione (contro il 37% dei combustibili fossili). Inoltre queste politiche tendono ad accelerare: nel luglio 2021, l'UE ha annunciato il suo obiettivo ancora più ambizioso di ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030, puntando ad una triplicazione della produzione eolica e solare da 547 TWh nel 2020 a ~1.500 TWh nel 2030, secondo le stime.

Queste politiche pro-rinnovabili sono state accompagnate dall'abbandono di forme di produzione più stabili. Il carbone continua ad esser sempre meno utilizzato a causa della pesante presenza di carbonio e a causa dell'aumento del costo dei Crediti di Carbonio. Inoltre, nonostante l'apparentemente ovvia importanza dell'energia nucleare in un futuro a zero emissioni di carbonio, le autorità di regolamentazione hanno chiuso i reattori nucleari in tutto il mondo in risposta ai movimenti ambientalisti [1]  (una tendenza che ha subìto un'accelerazione sulla scia del disastro di Fukushima). La sola Germania ha bloccato 16 GW di energia nucleare dal 2011 e prevede di dismettere le sue ultime tre centrali nucleari quest'anno. Nella misura in cui l'energia idroelettrica dipenda dalla geografia e l'accumulo di energia a lungo termine sia un problema tuttora irrisolto, il gas naturale rimane la principale forma praticabile di produzione che sia programmabile. Dati i divieti autoimposti di fracking, l'Europa non ha altra scelta che importare gas naturale tramite LNG o gasdotti (in gran parte dalla Russia).

Tornando in California, vediamo la stessa pericolosa combinazione di politiche. Nonostante i suddetti crescenti costi dell'elettricità e la fragilità della rete, lo stato sta dismettendo la sua ultima centrale nucleare sita a Diablo Canyon, responsabile di circa il 10% dell'elettricità dello stato, riaffermando gli obiettivi di raggiungere le “zero emissioni" entro il 2045.

Purtroppo, anche se le forme stabili di produzione non vengono scartate per obbligo legislativo, i sussidi alle rinnovabili alterano i segnali dei mercati. Questo flusso di entrate ausiliarie da Crediti di Carbonio o Crediti di Energia Rinnovabile consente ai parchi eolici e solari di vendere energia alla rete a prezzi negativi, spesso portando al fallimento la produzione di carico di base non sovvenzionata. Il risultato netto? Lo svuotamento di solide infrastrutture energetiche, che aumenta sia i costi che la fragilità del sistema energetico.

Nel suo libro Shorting the Grid , Meredith Angwin avverte di una "tripletta fatale" che colpisce le reti di tutto il mondo: (1) eccessiva dipendenza dalle energie rinnovabili, (2) eccessiva dipendenza dal gas naturale, spesso utilizzato per seguire il carico delle rinnovabili e (3) eccessiva dipendenza dalle importazioni di energia. Quando la domanda supera l'offerta, a causa della diminuzione della produzione da fonti rinnovabili o dell'aumento della domanda (ad esempio, durante una ondata di freddo), gli operatori di rete cercano di inviare produzione aggiuntiva. Ma le importazioni di gas naturale ed energia sono entrambe vulnerabili alle interruzioni, poiché il gas naturale viene generalmente fornito “just-in-time” tramite gasdotti e le regioni vicine potrebbero subire shock dell'offerta o della domanda correlati (leggi: condizioni meteorologiche). Ciò si traduce in energia più costosa (aumento della domanda che insegue un'offerta limitata) o blackout forzati (ad esempio, Texas nel febbraio 2021).

La "fragilità della griglia" può sembrare un concetto altamente astratto, ma le sue conseguenze nel mondo reale sono gravi. Significa che l'industria si ferma, gli ospedali perdono energia e persino l'accesso all'acqua pulita è minacciato.Tali effetti sono così gravi che i paesi insicuri dal punto di vista energetico tendono a fare affidamento su forme di energia più rudimentali, inclusi costosi generatori diesel di riserva, per mantenere le luci accese. Robert Bryce ha definito questo fenomeno la "Legge di ferro dell'elettricità": persone, imprese e governi faranno tutto il possibile per ottenere l'elettricità di cui hanno bisogno [2] .

Temiamo che queste politiche confuse stiano causando una transizione energetica incanalata erroneamente verso l'insicurezza energetica. I suoi effetti sono evidenti negli Stati Uniti, dove "grandi malfunzionamenti elettrici ed eventi insoliti" sulla rete sono aumentati di 13 volte negli ultimi 20 anni. Nel frattempo, Generac, una delle principali società di generatori di backup alimentati a gas, ha registrato una crescita del 50% delle vendite nel 2021 (vale la pena evidenziare la contraddizione tra gli obiettivi dichiarati di queste politiche a “emissioni zero" e i loro effetti a valle).

Un approccio malthusiano all’energia

Anche l'insicurezza energetica è costosa. La dipendenza dalle energie rinnovabili intermittenti spesso si traduce nel pagare in eccesso per l'energia quando essa diventa più necessaria. Durante la carenza eolica di settembre, il Regno Unito ha pagato 4.000 GBP per MWh per accendere una centrale a carbone, una chiara dimostrazione che non tutti i megawattora siano uguali. La qualità dell'energia conta. Con le energie rinnovabili, l'umanità è ancora una volta in balia delle intemperie.

Questa è la logica che sta alla base di queste politiche “net-zero”: rendere l'energia più cara per usarne meno. In effetti, gli economisti che consigliano la Banca centrale europea vedono l'aumento dei costi energetici ("greenflation") come una caratteristica peculiare, non un bug, una conseguenza necessaria della transizione energetica .

L'aumento dei prezzi dell'energia è una tassa regressiva per i meno abbienti della società. Tutti abbiamo bisogno di energia per sopravvivere (riscaldamento/raffreddamento, cibo, acqua, ecc.), indipendentemente dalla nostra ricchezza. Questi requisiti sono effettivamente un costo fisso; più basso è il proprio reddito, maggiore è la percentuale che si spenda in energia. C'è un punto oltre il quale l'aumento dei costi energetici diventa insostenibile, mandando le persone in strada a lottare per la propria sopravvivenza, come abbiamo visto in Kazakistan dopo l'impennata dei prezzi del GPL. I ricercatori stimano che ogni aumento dell'1% dei prezzi del riscaldamento provochi un aumento dello 0,06% dei decessi dovuti all'inverno, con effetti sproporzionati nelle aree a basso reddito.

"Se l'energia è vita, allora la mancanza di energia è morte."

– Doomberg, “ Shooting Oil in a Barrel ” (2021)

L'energia è l'input cruciale per ogni altro bene e servizio nell'economia, e nel tempo rappresenta la ricchezza complessiva di un'economia. Nella misura in cui l'energia diventi più costosa, tutto il resto si adegua (compreso e soprattutto il cibo), rendendo la società più povera. Questo è l'approccio malthusiano all'energia. Energia "verde" costosa che le élite possono permettersi, mentre le masse “luride” sopportano il peso maggiore di quell’aumento dei costi. Energia per me, ma non per te. Mettiamo in dubbio la sostenibilità politica e sociale di un simile approccio.

Introduzione all’entropia

Il ruolo dell'energia è ancora più fondamentale per l'economia e il benessere umano di quanto molti possano concepire. Come abbiamo discusso altrove, ciò che è comunemente inteso come “produzione di energia” è in realtà solo la conversione dell'energia in una forma più ordinata; è la riduzione dell'entropia localmente eliminando quantità ancora maggiori di entropia altrove. Nonostante l'universalità di questa riduzione dell'entropia, alcune risorse energetiche sono intrinsecamente a entropia inferiore rispetto ad altre (fissione nucleare altamente densa rispetto a energia eolica a bassa densità). Dipendiamo da questa riduzione dell'entropia per sostenerci attraverso il cibo e tramite l'energia di cui abbiamo bisogno per mantenere l'ordine della civiltà.

Questa riduzione di entropia è cumulativa; senza una sufficiente infrastruttura energetica per la riduzione di essa non possiamo mantenere il nostro ordine contingente. Non possiamo creare infrastrutture energetiche per la riduzione dell'entropia senza un'adeguata infrastruttura preesistente. E non possiamo avanzare ulteriormente come civiltà (cioè, creare più ordine) a meno che non sviluppiamo infrastrutture di riduzione dell'entropia ancora maggiori.

“Non sfuggiamo mai al bisogno di energia. Qualunque siano le variazioni a breve termine, la tendenza nel tempo è verso un maggiore utilizzo di energia, per fornire e soprattutto per mantenere e sostituire una sfera umana che è progressivamente più lontana dall'equilibrio termodinamico. Non c'è nessun punto in cui ti siedi e ti riposi".

– John Constable, “Energia, entropia e teoria della ricchezza” (2016)

Non c'è un pranzo gratuito quando si tratta di energia. Se l'economia di un paese cresce riducendo i consumi energetici è solo attraverso la deindustrializzazione, esportando la propria impronta energetica in altri paesi (lo stesso vale spesso per le emissioni di carbonio). La seconda legge della termodinamica è appunto una legge ed è la regolarità meglio attestata nelle scienze naturali, non è un suggerimento provvisorio: l'entropia deve andare da qualche parte.

Sfortunatamente, le distorsioni causate dal nostro attuale sistema monetario hanno convinto molti del contrario, un inganno che ha avuto conseguenze disastrose.

Macro Update: Moneta

Negli ultimi 50 anni il mondo ha partecipato ad un esperimento senza precedenti: uno standard monetario fiat globale. Nel 1974, pochi anni dopo che "Tricky Dick" Nixon aveva stravolto gli altri governi del mondo recidendo la convertibilità del dollaro USA in oro, gli Stati Uniti hanno stretto un accordo con l'Arabia Saudita per consolidare lo status del dollaro come valuta di riserva globale: le nazioni dell'OPEC avrebbero accettato di vendere petrolio esclusivamente per dollari USA e i sauditi avrebbero ricevuto in cambio la protezione dell'esercito americano. Questa disposizione, che sopravvive fino ad oggi, è diventata nota come il "sistema del petrodollaro" ed ha avuto conseguenze economiche, sociali e politiche durature:

• garantire lo status del dollaro come valuta di riserva mondiale;

• aumentare i prezzi delle attività statunitensi tramite il "riciclaggio" dei petrodollari;

• soppiantare le capacità manifatturiere statunitensi e aumentare la disuguaglianza economica tra i salariati americani e i proprietari di beni; 

• contribuire al secolare calo dei tassi di interesse, provocando un accumulo di debiti del settore pubblico e privato e distorsioni nel meccanismo di tariffazione di tutte le altre attività (tipicamente visto in relazione al “risk-free rate” degli interessi sui Treasury).

Negli ultimi anni, le crepe nelle fondamenta di questo sistema sono cominciate ad emergere. Mezzo secolo di politica fiscale e monetaria irresponsabile ha spinto sia il debito sovrano che quello del settore privato sull'orlo dell'insostenibilità e della fragilità dei mercati finanziariLa domanda estera di titoli del Tesoro, un tempo stabile, sta evaporando, costringendo la Fed a iniziare a monetizzare i deficit statunitensi a un ritmo crescente. La quota degli Stati Uniti sul PIL mondiale sta diminuendo e il ruolo del dollaro nelle relazioni commerciali chiave sta a sua volta calando. Anche l'esercito americano, un tempo potente, sulla cui supremazia si basava l'intero sistema dei petrodollari, mostra segni di degenerazione.

La risposta degli Stati Uniti alla pandemia di COVID-19 ha accelerato molte di queste tendenze. Attraverso una serie di azioni legislative ed esecutive nel 2020 e nel 2021, il Congresso e le amministrazioni Trump e Biden hanno approvato quasi 7 trilioni di dollari di spesa per aiuti COVID, la grande maggioranza dei quali ha aumentato il deficit federale. Per non essere da meno, la Fed ha autorizzato le proprie misure di emergenza per un importo di 7 trilioni di dollari.

Nei quasi due anni trascorsi da queste azioni straordinarie, gli Stati Uniti e l'economia globale sono stati caratterizzati da tassi di interesse record (che è parte della spiegazione dell'interesse per le rinnovabili sovvenzionate); interruzioni acute della catena di approvvigionamento (leggi: carenze) nei mercati critici; una continuazione dell'inflazione dei prezzi delle attività dei decenni precedenti; e i livelli più alti di inflazione dei prezzi al consumo degli ultimi 40 anni. Quest'ultimo sviluppo - l'inflazione CPI "non così transitoria" - è forse più significativo poiché rappresenta un allontanamento dalle condizioni economiche dai tempi della Grande Crisi Finanziaria.

La Fed ora deve affrontare una situazione difficile. Con il crescente malcontento del pubblico e dei funzionari politici sul CPI fuori controllo, si fa pressione su Jay Powell & Co. affinché arresti l'inflazione aumentando i tassi di interesse. Ma lo stato attuale dei bilanci del settore pubblico e privato complica le cose. Poiché la Fed aumenta i tassi, aumenta anche il costo del denaro del governo federale, per non parlare di quello di un settore privato che è anche gravato da un debito denominato in dollari. Se le aziende non sono in grado di scontare o rifinanziare il proprio debito, saranno costrette a ridurre i costi con conseguente aumento della disoccupazione. State tranquilli, le tariffe non aumenteranno a lungo. I bilanci globali non lo permetteranno.

Questo ci suggerisce che potremmo entrare in un periodo di repressione finanziaria, in cui l'inflazione può aumentare mentre i tassi di interesse rimangono bloccati vicino allo zero, producendo rendimenti reali negativi e riducendo l'indebitamento dei bilanci per diversi anni. Troviamo anche probabile che la Fed sarà costretta a implementare qualche versione di un programma di controllo della curva dei rendimenti. In base a tale politica, la banca centrale si impegna ad acquistare tutte le obbligazioni necessarie per mantenere i rendimenti delle varie scadenze dei Treasury entro livelli predeterminati. C'è un precedente per una manovra di questo tipo: la Fed ha implementato una versione del suddetto programma negli anni '40 per rigonfiare il debito nazionale durante e dopo la seconda guerra mondiale.

Alla fine del ciclo del debito a lungo termine, l'unica opzione è gonfiare il debito e svalutare la valuta. Ma a differenza degli anni '40 i cittadini, le imprese e i governi ora hanno a disposizione diverse alternative monetarie. Riteniamo pertanto che il prossimo periodo di inflazione strutturale accelererà la transizione verso un nuovo standard monetario.

Arrivano le guerre monetarie

La scritta compare sul muro: il sistema monetario post-Bretton Woods è in agonia. La domanda non è se assisteremo ad un cambiamento di paradigma dall'attuale ordine monetario basato sul dollaro, ma quando. E la domanda molto più interessante, a nostro avviso, è: cosa lo sostituirà?

Riteniamo che il prossimo sistema monetario globale sarà costruito su Bitcoin, con l'asset in Bitcoin e la rete in Bitcoin che lavoreranno insieme per offrire la transazione finale in una valuta di riserva nativa digitale, ad offerta fissa, su binari politicamente neutrali. Bitcoin consente questa proposta di valore in modo univoco e sia la teoria dei giochi che gli incentivi economici costringeranno gli stati-nazione a prendere atto del crollo dell'ordine monetario. Ma tutto ciò non sarà esente da competizione.

Valute digitali della Banca Centrale

Bitcoin è il contraccolpo ideologico ed economico di un altro candidato all'eredità del petrodollaro: la valuta digitale della banca centrale ("CBDC"). Il CBDC retail, la varietà più spesso discussa nei circoli politici, è una forma nativamente digitale di moneta legale che viene emessa, gestita e controllata dalla Banca Centrale. I loro sostenitori affermano che le CBDC consentirebbero molti degli stessi vantaggi delle criptovalute - regolamento finale quasi istantaneo, programmabilità, alta disponibilità, ecc. - senza molti dei relativi "svantaggi" - decentramento, non tracciabilità, ecc.

Le CBDC aprono uno spazio di progettazione completamente nuovo per le autorità monetarie, consentendo loro di attuare politiche creative e a grana sottile che finora sono state limitate a esperimenti mentali masturbatori nei documenti BIS (ad esempio, tassi di interesse negativi). Consentirebbero anche tutti i tipi di politiche fiscali che oggi sono operativamente o tecnicamente irrealizzabili; si possono immaginare parametri imposti dal governo su come e quando venga spesa una determinata somma di denaro CBDC, programmati digitalmente nel proprio portafoglio alla Fed. Un programma di reddito di base universale potrebbe essere effettuato con un solo tasto.

Sotto molti aspetti, il CBDC è lo strumento malthusiano perfetto. La loro programmabilità intrinseca consente un razionamento granulare e dall'alto verso il basso delle risorse per qualsiasi "bene superiore" indicato nell’eesercizio del potere politico. "Mi dispiace signore. La sua carta è stata rifiutata perché ha già superato la sua quota settimanale di carne bovina. Potremmo suggerirle un'alternativa più rispettosa dell'ambiente come un tortino proteico di piselli Bill Gates?" Un tale sistema equivale a un'acquisizione normativa altamente efficiente; i cittadini possono spendere soldi solo per quei beni e servizi favoriti da poteri occulti (o le aziende che li finanziano per interessi). Aspettatevi che le CBDC distorcano ulteriormente il meccanismo dei prezzi, portando a una serie di fallimenti del mercato (come l'attuale crisi energetica). Gli scettici su tali affermazioni devono solo ricordare la storia recente sull’abuso di potere del governo degli Stati Uniti in merito alla limitazione delle attività finanziarie politicamente indesiderabili.

Non dovrebbe sorprendere che il modello CBDC sia stato sperimentato dal Partito Comunista Cinese sotto forma di "renminbi digitale". Non commettere errori: ovunque venga implementata una CBDC essa sarà armata dallo Stato per fini politici. In Occidente, un tale sistema sarebbe facilmente abusato per creare un sistema di credito sociale in stile cinese, anche se mascherato dal linguaggio neoliberista di "inclusione finanziaria", "giustizia climatica" e "antiriciclaggio".

CBDCs: Stanno arrivando in paesi vicino al tuo?

Rimaniamo cautamente ottimisti sul fatto che gli Stati Uniti rinunceranno a implementare questa tecnologia distopica. Gli Stati Uniti rimangono tra le nazioni più libere del mondo, sia politicamente che culturalmente. Una CBDC è del tutto incompatibile con i valori americani e ci aspettiamo che milioni di americani resistano alla completa usurpazione delle loro vite finanziarie da parte dello Stato. Inoltre, una CBDC al dettaglio implementata dalla Fed trasferirebbe il potere dalle banche commerciali, i cui i interessi sono protetti dalla Fed stessa, peraltro concepita appositamente, alla burocrazia federale [3]. E c'è qualche dubbio che gli Stati Uniti ora non abbiano la capacità statale di attuare una CBDC, un'impresa che richiederebbe un alto grado di competenza tecnica e operativa?

Figura 1: In che modo, uomo occidentale? BTC contro CBDC

 

Bitcoin per l’America

Quindi come possono gli Stati Uniti estendere la loro leadership finanziaria del 20° secolo attraverso il decadente sistema dei petrodollari? Gli Stati Uniti sono già i primi in quasi tutto ciò che riguardi Bitcoin: volumi di scambio, attività di mining, numero di hodler, attività imprenditoriali e commerciali, attività sui mercati dei capitali, ecc. Riteniamo che il percorso di minor resistenza sarebbe che l'America si appoggiasse alla sua leadership nel settore Bitcoin e abbracciasse la tecnologia come alternativa rispettosa della privacy, open source, di libero mercato e fondamentalmente americana al totalitario CBDC.

Che aspetto ha "adottare Bitcoin" per un paese come gli Stati Uniti? È probabilmente una combinazione di: (i) autorizzare Bitcoin come moneta a corso legale, (ii) rimuovere onerosi trattamenti fiscali sulle plusvalenze, (iii) sovvenzionare o sponsorizzare operazioni di mining (che a loro volta potrebbero supportare le infrastrutture energetiche nazionali), (iv) acquisto di Bitcoin come asset di riserva da parte della Fed e/o del Tesoro, o (v) rendere il dollaro convertibile in Bitcoin ad un tasso di cambio fisso.

Notiamo i primi segnali che una tale mossa da parte degli Stati Uniti potrebbe non essere così inverosimile. In particolare, i principali politici americani hanno già esternato il sostegno al Bitcoin come importante risorsa monetaria e industria nascente. Il settore delle "criptovalute" è diventato un'importante lobby a Washington e rappresenta un collegio elettorale altamente impegnato e motivato: i politici se ne stanno accorgendo.

A nostro avviso, gli incentivi economici e la congruenza di Bitcoin con i valori americani lo rendono il principale candidato per l'adozione da parte degli Stati Uniti come successore dell'attuale ordine monetario. Poiché l'attuale sistema basato sul dollaro continua a deteriorarsi, siamo entusiasti del potenziale passaggio a uno standard Bitcoin di una coalizione di nazioni amanti della libertà, guidata dagli Stati Uniti.

Moneta, Energia ed Entropia

L'energia è il mezzo fondamentale per ridurre l'entropia nella sfera umana e il denaro è il nostro strumento per indirizzare l'energia verso questo fine. Usiamo il denaro per comunicare informazioni sulla produzione economica, risolvendo l'incertezza su come impiegare le scarse risorse. E cerchiamo fonti di energia altamente ordinate per resistere all'influenza dell'entropia sui nostri corpi e sulle nostre società.

Nella sua conferenza, "Energy, Entropy and the Theory of Wealth", John Constable della Renewable Energy Foundation osserva che tutti i beni e servizi - e in effetti, le civiltà - sono simili in quanto termodinamicamente improbabili. Tutti richiedono energia come input e creano necessariamente ordine (cioè riducono l'entropia) nel dominio umano, spostando lo stato locale più lontano dall'equilibrio termodinamico.

Quindi, la ricchezza può essere intesa come uno stato termodinamicamente improbabile reso possibile dalla riduzione dell'entropia umana. Se la ricchezza materiale è misurata dai beni e servizi che si hanno a disposizione, allora la creazione di ricchezza su un solido standard monetario è la riduzione dell'entropia per gli altri, e la propria ricchezza è una registrazione della propria capacità di ridurre l'entropia per il prossimo.

La moneta instabile (del tipo celebrato dai malthusiani) aumenta l'incertezza - e quindi l'entropia - nei sistemi economici. La gestione attiva della massa monetaria confonde il segnale del prezzo, riducendo le informazioni in esso contenute ed erigendo una Torre di Babele economica. Il denaro Fiat contribuisce quindi a investimenti sbagliati: errori di calcolo imprenditoriali che producono beni e servizi sbagliati e aumentano l'entropia della società.

In nessun luogo questo è più evidente quanto nella nostra infrastruttura energetica: la moneta instabile ha causato investimenti impropri in fonti di produzione non valide. Come notato sopra, mezzo secolo di sussidi governativi e tassi di interesse in calo resi possibili dal sistema del petrodollaro ha indirizzato il capitale verso fonti rinnovabili inaffidabili che invitano ad una maggiore entropia nella fragile sfera umana, trascinandoci sempre più vicino all'equilibrio termodinamico (leggi: collasso della civiltà).

Cathedra Bitcoin Update

Le nostre visioni macro su energia e moneta vi rendono edotti su tutto ciò che stiamo facendo qui in Cathedra. La principale tra esse è la convinzione che il denaro stabile e l'energia a buon mercato, abbondante e altamente ordinata siano gli ingredienti fondamentali per la prosperità umana. La nostra missione aziendale è donare entrambi all'umanità, e quindi guidare l'umanità in un nuovo Rinascimento, guidato da Bitcoin e dalla rivoluzione energetica che crediamo ne conseguirà. Di conseguenza, con Cathedra abbiamo deciso di costruire una società che volendola categorizzare potrebbe essere posta all'intersezione tra mining di Bitcoin ed energia. Una società progettata per prosperare negli anni turbolenti dell'attuale transizione energetica e monetaria e nel mondo iperbitcoinizzato che crediamo sia in divenire.

A dicembre abbiamo annunciato il cambio di nome dell'azienda da Fortress Technologies a Cathedra Bitcoin. Il nostro nuovo nome riflette le nostre aspirazioni per l'azienda e per Bitcoin in generale. La cattedrale gotica è un simbolo di progetti audaci, ambiziosi e a lungo termine; in effetti, ogni singolo partecipe al progetto del monumento sarebbe probabilmente morto prima del suo completamento, ma ha comunque contribuito, perché era un progetto che valeva la pena intraprendere. Così è con Cathedra, e così è con Bitcoin.

Le connotazioni religiose del nome “Cathedra” non ci sono sfuggite. Piuttosto, sono un'indicazione della serietà con cui consideriamo questa missione. La nostra è una ricerca di importanza civile.

Il nostro nuovo nome allude anche a un'altra caratteristica distintiva della nostra attività: concentriamo i nostri sforzi su Bitcoin e solo su Bitcoin. La differenza tra Bitcoin e altre reti "crypto" è tipologica, non di grado. Bitcoin è l'unica rete significativamente decentralizzata nello spazio "crypto", motivo per cui l'asset continuerà a conservare il primato nell'adozione come forma preferita di denaro nativo digitale da parte degli otto miliardi di abitanti del mondo. Bitcoin cerca di distruggere l'istituto del signoraggio una volta per tutte. Il tuo creatore di shitcoin preferito, invece, il signoraggio vuole solo catturarlo per se stesso.

Riteniamo fermamente che la nostra missione a lungo termine di fornire all'umanità denaro solido ed energia a buon mercato e abbondante possa essere raggiunta al meglio attraverso un modello integrato verticalmente. A lungo termine, Cathedra svilupperà e/o acquisirà un portafoglio di asset per la generazione di energia che sfrutterà le sinergie tra la produzione di energia stessa e l'estrazione di Bitcoin a vantaggio di entrambe le attività. In un decennio, Cathedra potrebbe essere un'azienda energetica tanto quanto un miner di Bitcoin.

L'integrazione verticale ci consentirà di controllare la nostra catena di approvvigionamento e il tasso di espansione in misura maggiore, oltre a darci un vantaggio in termini di costi rispetto ai nostri concorrenti. In qualità di produttori di Bitcoin a basso costo, saremo anche posizionati per fornire una suite di prodotti e servizi ausiliari ai clienti nei settori Bitcoin ed energia.

E abbiamo iniziato a fare passi da gigante verso questo obiettivo. All'inizio di quest'anno, il team di Cathedra si è ampliato con tre nuove assunzioni, quelle di Isaac Fithian (Chief Field Operations and Manufacturing Officer), Rete Browning (Chief Technology Officer) e Tom Masiero (Head of Business Development). Ognuno di questi signori porta anni di esperienza nello sviluppo e nella distribuzione di infrastrutture di Bitcoin mining mobili in ambienti off-grid. Con questo team ampliato, abbiamo recentemente iniziato la produzione di data center modulari proprietari per ospitare le 5.100 macchine per il mining di Bitcoin di cui abbiamo programmato la consegna per tutto il 2022. Chiamiamo questi data center "rover", un cenno alla loro mobilità, automazione incorporata e capacità di operare in condizioni ambientali difficili in aree geografiche remote. La modularità e l'ingombro ridotto dei nostri rover ci consentiranno di produrli a un ritmo rapido e di implementarli ovunque si trovi l’energia più economica, sia in ambienti on-grid che off-grid. Siamo orgogliosi di produrre la nostra flotta di rover interamente in New Hampshire, lavorando a stretto contatto col mondo imprenditoriale locale per rinvigorire l’industria metalmeccanica negli Stati Uniti.

Come miner di Bitcoin, ci consideriamo gestori di un portafoglio di hash rate. Come nella tradizionale attività di gestione patrimoniale, la diversificazione può essere una risorsa potente. Mentre la maggior parte dei grandi miner di Bitcoin quotati in borsa stanno perseguendo una strategia simile fra loro, sviluppando e/o affittando spazio in datacenter su griglia iperscalabili in cui far funzionare le loro macchine di mining, abbiamo ottimizzato il nostro approccio per ridurre al minimo i rischi normativi, di mercato, ambientali o di altra natura peculiare all'interno del nostro portafoglio di hash rate. Se si ha il 90% del proprio portafoglio di hash rate concentrato in un unico sito on-grid, il 90% delle proprie entrate può essere interrotto da un guasto alla rete o da un altro evento catastrofico, evenienza che purtroppo sta diventando più comune, come evidenziato nel nostro Energy Update. A nostra conoscenza, Cathedra è l'unico miner di Bitcoin ad oggi quotato in borsa con operazioni sia on che off-grid.

Crediamo sempre più che il futuro del mining di Bitcoin sia off-grid. Le implementazioni on-grid sono già oggi vulnerabili a una miriade di rischi unici e riteniamo che la loro proposta economica diventerà sempre meno attraente nel corso del tempo. Mentre i produttori di energia continuano a integrare l'estrazione di Bitcoin nel sito di produzione, i grandi miner on-grid posizionati "a valle" nella catena del valore dell'energia vedranno aumentare le loro tariffe elettriche. Oggi, "off-grid" descrive qualsiasi disposizione in cui un miner Bitcoin si procuri energia direttamente da un produttore. Le implementazioni più popolari includono “flare and stranded natural gas” e idroelettrica o nucleare “behind-the-meter”. A lungo termine, riteniamo che l'unico modo per rimanere competitivi sarà l'integrazione verticale fino all'attività di produzione di energia.

Il mining di Bitcoin è un'attività ad alta concentrazione di capitale. Per assicurarci di avere accesso al capitale di cui avremo bisogno per realizzare la nostra visione, abbiamo intrapreso diverse iniziative sui mercati dei capitali. A febbraio, Cathedra ha avviato il trading sull'OTCQX Best Market con il simbolo "CBTTF". L’apporre questa pietra miliare rappresenta un miglioramento significativo rispetto alla nostra precedente quotazione sul Pink Market OTC e dovrebbe migliorare l'accessibilità e la liquidità del nostro titolo per gli investitori statunitensi. Intendiamo quotarci su una borsa valori statunitense nel 2022 per aumentare ulteriormente la visibilità, la liquidità e il volume degli scambi delle nostre azioni.

Abbiamo recentemente annunciato che Cathedra si è assicurata 17 milioni di dollari di finanziamento del debito dal NYDIG , un prestito garantito da attrezzature per l'estrazione di Bitcoin. Quando si tratta di prendere in prestito in fiat per finanziare asset che producono Bitcoin, un asset che apprezza in media oltre il 150% all'anno, quasi tutti i costi del debito hanno senso. Intendiamo continuare a utilizzare il finanziamento non diluitivo in modo responsabile, ove possibile, con un sobrio apprezzamento per i rischi che il pagamento del debito presenta come costo fisso aggiuntivo.

Accumulare un formidabile bottino di Bitcoin sul nostro bilancio aziendale è una priorità per noi. Se uno crede, come noi, che il prossimo ordine monetario globale sarà costruito con Bitcoin al centro, allora le società con i più grandi titoli del Tesoro di Bitcoin prospereranno. Continueremo a detenere il maggior numero possibile di Bitcoin estratti e, occasionalmente, potremmo anche integrare le nostre attività di mining con acquisti opportunistici di esso.

Al momento in cui scrivo, Cathedra ha 187 PH/s di hash rate attivo e altri 534 PH/s di hash rate contratti tramite l'acquisto di macchine adibite al mining che prevediamo saranno consegnate da aprile a dicembre di quest'anno. Da quando abbiamo sostituito il precedente team di gestione a settembre, abbiamo aumentato il tasso di hash contratto da Cathedra di oltre il 300%. E abbiamo appena iniziato.

Conclusione

Ci troviamo oggi ad un bivio tra due movimenti divergenti definiti da visioni contrastanti per il futuro: il malthusianesimo e il prometeismo.

I malthusiani credono che il progresso sia a somma zero (o addirittura negativa); le risorse sono limitate e la "decrescita" è l'unico percorso percorribile; dobbiamo prima di tutto giudicare l'azione umana dal fatto che disturbi il mondo naturale. Questo movimento è caratterizzato da CBDC totalitari e dal desiderio di rendere l'energia più scarsa e costosa, in modo che le risorse della terra possano essere adeguatamente razionate.

D'altra parte, i Prometeici portano con sé una visione più ottimista: il progresso è a somma positiva; la creatività umana ci consente di liberare e impiegare risorse in modi nuovi, preservando a nostra volta il mondo naturale a nostro vantaggio; e che la prosperità umana è lo standard morale in base al quale dovremmo valutare l'azione umana.

Sono scelte sociali, culturali e spirituali con cui tutti siamo chiamati a confrontarci.

“Il secolo sarà combattuto tra malthusiani (“le risorse sono limitate”; ossessionati dalla sovrappopolazione; mentalità da scarsità; somma zero, giochi finiti) e prometeici (“l'immaginazione umana è la risorsa naturale più preziosa”; mentalità da abbondanza; somma positiva, giochi infiniti)."

–  Alfa Barry  (2020)

Il campo malthusiano vuole una gestione centralizzata e dall'alto delle risorse tramite CBDC e politiche di razionamento energetico. Credono che le nostre risorse energetiche siano fisse; l'unica strada da percorrere è quella a ritroso, coltivando per produrre l'energia utilizzando enormi appezzamenti di terra controllati da pochi privilegiati. "Industrializzazione per me ma non per te". "Non possiedi nulla e sarai felice."  Questi sono gli slogan del movimento malthusiano.

Questo non è il percorso che ci ha portato nello spazio e ha strappato miliardi di persone dalla povertà. Noi, Cathedra, scegliamo l'altra strada. Quella di Prometeo, che rubò il fuoco agli dei a beneficio dell'umanità.

Crediamo in un futuro con moneta stabile che porti i diritti di proprietà a otto miliardi di esseri umani in tutto il mondo. Un mondo di città belle e libere alimentate da forme di generazione di energia dense e altamente ordinate. Piccoli reattori nucleari modulari con miner Bitcoin con bilanciamento del carico (e senza oli di semi). Un futuro in cui la tecnologia è impiegata per migliorare la condizione umana, non solo per coloro che calpestano la terra oggi, ma per le generazioni a venire.

Il mining di Bitcoin è un potente alleato della causa prometeica. In qualità di acquirente di energia di ultima istanza, Bitcoin promuove denaro solido e infrastrutture energetiche solide. Non ci sono due forze tanto cruciali per tenere a bada il disordine e far progredire la civiltà umana.

Noi di Cathedra non siamo soli; ci sono altri Prometeici che lavorano instancabilmente per promuovere questa visione di un domani più libero e prospero. La prosperità umana si guadagna, non è concessa. Insieme, vinciamo.

Drew Armstrong
Presidente e Direttore Operativo

AJ Scalia
Amministratore Delegato

 

(Tradotto da Federico Juvara; fonte: https://www.zerohedge.com/crypto/malthusianism-prometheanism-hyper-bitcoinized-world-come)