L'8 febbraio 2022, il dottor Luc Montagnier, virologo vincitore del premio Nobel, è morto.
Sin dai primi momenti dell'apparizione di COVID-19, Montagnier è stato diffamato e ridicolizzato per aver messo in discussione i presupposti di fondo sulla causa della malattia e sui rimedi, nonostante i continui strali del Deep State che cercavano di chiudere la porta a tutte queste discussioni pericolose.
Più importanti delle affermazioni di Montagnier sulle origini di laboratorio di una malattia, tuttavia, si trovano in un dominio trascurato della biofisica ottica che il buon scienziato ha completamente rivoluzionato negli ultimi 15 anni della sua vita fruttuosa.
È questo aspetto meno compreso, ma infinitamente più importante del contributo di Montagnier alla conoscenza umana che è caduto nel radar di troppi analisti e cittadini, da cui credo vorrebbe essere ricordato.

Che cos'è la biofisica ottica e cosa ha scoperto Montagnier?
La biofisica ottica è lo studio delle proprietà elettromagnetiche della fisica della vita. Ciò significa prestare attenzione alle emissioni di luce e alle frequenze di assorbimento da parte di cellule, DNA e molecole di materia organica, e come queste si interfacciano con l'acqua (che costituisce oltre il 75% del corpo umano) e moderate dall'array embricato di campi magnetici situati al livello quantistico e che si estende fino al livello galattico.
Per non scartare la natura biochimica della vita che è egemonica nel regno delle scienze della salute, la biofisica ottica si chiede: quale di questi è PRIMARIO nella crescita, nella replicazione e nella divisione del lavoro di singole cellule o intere specie di organismi: gli attributi chimici della materia vivente o le proprietà elettromagnetiche?
Permettetemi di spiegare un po' di più il paradosso.
Ci sono circa 40 trilioni di cellule altamente differenziate nel corpo umano medio, ognuna delle quali svolge funzioni molto specifiche e richiede un immenso campo di coerenza e intercomunicazione. Ogni secondo circa 10 milioni di quelle cellule muoiono, per essere sostituite da 10 milioni di nuove cellule che nascono. Molte di queste cellule sono costituite da batteri e gran parte del DNA e dell'RNA all'interno di tali cellule è costituito da virus (per lo più dormienti), ma che possono essere attivati/disattivati con una varietà di metodi sia chimici che elettromagnetici.
Ecco la grande domanda:
COME potrebbe questo sistema complesso essere mantenuto dai soli processi chimici, nel corso di un giorno, un mese o un'intera vita?
La semplice fisica del movimento degli enzimi che trasportano le informazioni nel corpo da un luogo all'altro semplicemente non si avvicina a rendere conto del coordinamento delle informazioni richiesto tra tutte le parti. È qui che entra in gioco la ricerca di Montagnier.
Dopo aver vinto il Premio Nobel nel 2008, il dottor Montagnier ha pubblicato nel 2010 un documento rivoluzionario ma eretico chiamato "DNA Waves and Water" che ha preso d'assalto la comunità medica. In questo articolo, Montagnier ha dimostrato come il DNA batterico e virale emettesse una radiazione elettromagnetica a bassa frequenza nella parte dello spettro delle onde radio, e come tale luce fosse in grado sia di organizzare l'acqua che di trasmettere informazioni! I risultati dei suoi esperimenti sono stati mostrati meravigliosamente in questo video di 8 minuti:

Utilizzando un dispositivo di fotoamplificazione inventato dal Dr. Jacques Benveniste negli anni '80 per catturare le emissioni di luce ultra basse delle cellule, Montagnier ha filtrato tutte le particelle di DNA batterico da un campione di soluzione acquosa e ha scoperto che le soluzioni ultra-filtrate, che non contengono particelle di materiale, hanno continuato a emettere onde a bassissima frequenza! Il tutto divenne più affascinante quando Montagnier dimostrò che nelle condizioni specifiche di un campo di fondo di 7 Hz (lo stesso della risonanza di Schumann che si verifica naturalmente tra la superficie terrestre e la ionosfera), il campione d'acqua non emittente, che non aveva mai ricevuto materiale organico, poteva essere indotto ad emettere frequenze quando posto in prossimità della provetta emittente! Ancora più interessante è che quando proteine di base, nucleotidi e polimeri (elementi costitutivi del DNA) sono stati messi nell'acqua pura, si sono formati cloni quasi perfetti del DNA originale!
Il Dr. Montagnier e il suo team hanno ipotizzato che l'unico modo per far sì che questo accada è che il “blueprint” del DNA sia in qualche modo impresso nella struttura stessa dell'acqua, dando luogo a una forma di "memoria dell'acqua" che era stata precedentemente sperimentata dall'immunologo Jacques Benveniste (1935-2004), i cui risultati sono mostrati in questo incredibile documentario del 2014 "Water Memory".

Proprio come Benveniste ha subito una delle più brutte cacce alle streghe dei tempi moderni (guidata in gran parte da Nature Magazine nel 1988), il premio Nobel di Montagnier non lo ha protetto da un destino simile poiché una campagna internazionale di diffamazione lo ha seguito negli ultimi 10 anni della sua vita. Quasi 40 premi Nobel hanno firmato una petizione per denunciare Montagnier per la sua eresia e il grande scienziato è stato persino costretto a fuggire dall'Europa per sfuggire a quella che ha definito una cultura del “Terrore intellettuale”. In risposta a questa campagna di calunnie, Montagnier ha dichiarato alla rivista LaCroix: 

“Sono abituato agli attacchi di questi accademici che sono solo burocrati in pensione, chiusi da ogni innovazione. Ho le prove scientifiche di quello che dico”.

Descrivendo le maggiori sfide per portare avanti questa ricerca, Montagnier ha dichiarato:

“Abbiamo scelto di lavorare con il settore privato perché nessun finanziamento poteva arrivare dalle istituzioni pubbliche. Il caso Benveniste ha fatto in modo che chiunque si interessi alla memoria dell'acqua sia considerato... Voglio dire, che puzza di zolfo. È l'inferno".

 

L'onda lunga della scoperta (e lo scontro di due scienze)

La lotta di Montagnier è solo un'ombra di uno scontro molto più grande all'interno della stessa scienza occidentale. Mentre molte persone pensano semplicisticamente che ci sia un unico filone della scienza da Galileo a Cartesio a Newton fino ad oggi, la realtà ad un esame più attento ci mostra che ci sono in realtà due paradigmi opposti - uno dei quali è stato oscurato sistematicamente da una caccia alle streghe politicamente motivata fin da prima dei giorni dell'X Club di Huxley e della fondazione della rivista Nature nel 1869.
Dal momento che questa lotta è così spesso trascurata, alcune parole andrebbero spese in questo frangente.
In opposizione alla tradizione materialista che ha tentato di imporre “cause materiali” ai fenomeni naturali, la più potente scuola di biofisica ottica incarnata da Montagnier è stata messa in moto nientemeno che da Louis Pasteur. Molto prima che sorgesse la controversia Beschamp-Pasteur e molto prima di condurre il lavoro sulla pastorizzazione, il primo lavoro scientifico di Pasteur è stato plasmato dalle scoperte sulle proprietà ottiche della materia vivente e sui fenomeni di manualità della vita. In breve, durante il suo primo periodo di creatività potente, Pasteur scoprì che le soluzioni che avevano materiale organico disciolto al loro interno avevano l'incredibile proprietà di ruotare la luce polarizzata a "sinistra" mentre le soluzioni liquide prive di materiale organico non avevano tale capacità.

In una lettera del 1870, Pasteur descrisse la sua intuizione cosmologica sulla caratteristica asimmetrica della vita a un amico Jules Raulin affermando:

«Sapete che io credo che esista un'influenza dissimmetrica cosmica che presiede costantemente e naturalmente all'organizzazione molecolare dei principi immediatamente essenziali alla vita; e che, in conseguenza di ciò, le specie dei tre regni, per la loro struttura, per la loro forma, per la disposizione dei loro tessuti, hanno una precisa relazione con i movimenti dell'universo. Per molte di queste specie, se non per tutte, il Sole è il primum movens della nutrizione; ma credo in un'altra influenza che influenzerebbe l'intera organizzazione [geometria], perché sarebbe la causa della dissimmetria molecolare propria delle componenti chimiche della vita. Voglio cogliere sperimentalmente alcune indicazioni sulla natura di questa grande influenza dissimmetrica cosmica. Deve, può essere elettricità, magnetismo…”

Questa proprietà lasciata in vita  confonde ancora gli astrobiologi oltre un secolo dopo.
Con la misteriosa morte nel 1906 di Pierre Curie, che aveva portato avanti le ricerche di Pasteur, e con la prima guerra mondiale che fece deragliare questo corso di indagini (molte delle più brillanti giovani menti d'Europa furono mandate in un tritacarne di quattro anni di guerra di trincea), il testimone fu lasciato cadere in Europa, solo per essere ripreso da due scienziati russo-ucraini che lavorarono insieme strettamente all'Università di Crimea: Vladimir Vernadsky (padre della scienza atomica russa e fondatore della scuola di biogeochimica 1863-1945) e il suo amico Alexander Gurwitsch (1874-1954).

Vernadsky fa rivivere l'intuizione di Pasteur
Vernadsky usò ampiamente il lavoro di Pasteur nella sua costruzione della biosfera e fece sempre notare che le proprietà elettromagnetiche della vita erano la forza motrice della biochimica. Andando più lontano di chiunque altro nel definire i meccanismi della biosfera, Vernadsky spiegò che il vero scienziato non deve iniziare con i singoli organismi e "lavorare dal basso verso l'alto" come troppi darwiniani radicali erano inclini a fare, ma piuttosto iniziare, come Louis Pasteur aveva fatto prima, con la galassia e la consapevolezza della forza motrice delle radiazioni elettromagnetiche/cosmiche che modellano il flusso diretto dell'evoluzione biosferica.
Nel suo libro del 1926, La Biosfera, Vernadsky iniziò la sua descrizione della biosfera con le seguenti osservazioni:

“La biosfera può essere considerata come una regione di trasformatori che convertono le radiazioni cosmiche in energia attiva in forme elettriche, chimiche, meccaniche, termiche e di altro tipo. Le radiazioni di tutte le stelle entrano nella biosfera, ma catturiamo e percepiamo solo una parte insignificante del totale. Non si può dubitare dell'esistenza di radiazioni originarie delle regioni più lontane del cosmo. Stelle e nebulose emettono costantemente radiazioni specifiche, e tutto fa pensare che la radiazione penetrante scoperta nelle regioni superiori dell'atmosfera da Hess abbia origine oltre i limiti del sistema solare, forse nella Via Lattea, nelle nebulose o nelle stelle."

Mentre Vernadsky ha trascorso la sua vita concentrandosi sui macro-stati della biosfera e su come interagiva con la litosfera e la noosfera (i domini annidati della non vita, della vita e della ragione creativa) organizzati all'interno di matrici di campi magnetici che moderano il flusso della radiazione cosmica attraverso l'universo, il suo collega Gurwitsch si è concentrato sull'intersezione di luce e campi magnetici all'interno dei microstati delle cellule viventi.

Radiazione mitogenica di Alexander Gurwitsch
Vernadsky ha utilizzato ampiamente il lavoro di Pasteur nella sua costruzione della biosfera e ha sempre sottolineato che le proprietà elettromagnetiche della vita erano la forza trainante della biochimica. Mentre Vernadsky ha trascorso la sua vita concentrandosi sui macro-stati della biosfera e su come interagiva con la litosfera e la noosfera (i domini interconnessi della non vita, della vita e della ragione creativa) all'interno di matrici gerarchizzate di campi magnetici che modulano il flusso della radiazione cosmica attraverso l'universo, il suo collega Gurwitsch si è concentrato sull'interazione di luce e campi magnetici all'interno dei microstati delle cellule viventi.
Descrivendo la sua scoperta in uno studio del 2011 sulla bio-radiazione cosmica, il ricercatore Cody Jones ha descritto l'intuizione di base di Gurwitsch:

“Gurwitsch ha sviluppato tre livelli nidificati di strutture di campo, disposte per complessità ed estensione spaziale, che vanno dal molecolare (costellazioni molecolari), al cellulare (relazioni tra cellule), al livello organismico (i diversi organi e sistemi che costituiscono un unico organismo). Ogni campo nidificato potrebbe essere descritto in termini di meccanismi diversi su come la morfologia è avanzata per qualsiasi struttura particolare, ma erano tutti unificati verso la realizzazione di un definito stato futuro di esistenza".

Gurwitsch ha rivoluzionato per la prima volta le scienze della vita dando forma a un elegante esperimento che ha dimostrato che le cellule emettono deboli lampi di luce ultravioletta mentre attraversavano la mitosi. Per provare la sua teoria, Gurwitsch mise su due radici di cipolla che crescevano in direzioni perpendicolari e trovò che i tassi più alti di emissioni di luce, che si verificavano sulla punta più recente delle radici, inducevano una crescita cellulare del 30-40% quando venivano portate in prossimità di una radice di cipolla più vecchia. Anche se durante la sua vita non esistevano strumenti abbastanza sensibili per captare queste frequenze ultra deboli, Gurwitsch dimostrò che la luce dello spettro ultravioletto doveva essere generata da nuove cellule separando le radici di cipolla vecchie e recenti con vari tipi di lenti che bloccavano diversi settori dello spettro luminoso e scoprì che solo quando la luce UV veniva bloccata l'effetto di aumento della crescita cellulare del 30% veniva meno. Gurwitsch chiamò questa "radiazione mitogenica".

Alexander Gurwitsch e il suo originale esperimento con le radici di cipolla. Due cipolle (Z1 e Z2) crescono perpendicolarmente con il punto W che rappresenta il punto di intersezione della radice più giovane emessa da Z1 e la radice più vecchia di Z2 separate da una lente di quarzo che blocca le emissioni di ultravioletti da Z1 a Z2.

 

Mentre Gurwitsch è stato ostracizzato dall'establishment scientifico durante la sua vita, negli anni '50 nella comunità dell’Astrofisica sono emerse tecnologie che hanno permesso agli scienziati di misurare frequenze di luce estremamente deboli nella gamma della radiazione mitogenica di Gurwitsch (ovviamente utili per raccogliere deboli segnali da altre galassie in profondità spazio). Quando gruppi di astronomi italiani hanno applicato la loro attrezzatura al materiale organico, la scoperta di Gurwitsch è stata verificata sperimentalmente per la prima volta.

Si potrebbe pensare che una tale scoperta avrebbe rivoluzionato tutta la biologia, la medicina e le scienze della vita su due piedi - tuttavia, dopo un breve picco di interesse, la scoperta fu presto dimenticata e relegata a una "trascurabile" caratteristica secondaria della vita che non aveva alcun ruolo causale da giocare in alcuna delle meccaniche o comportamenti dell'attività organica. I materialisti e i riduzionisti che volevano sostenere che tutta la vita era semplicemente la somma delle parti ebbero la meglio.
Poi è apparso sulla scena un altro biofisico di nome Fritz-Albert Popp.

Le scoperte biofotoniche di Fritz Popp
Durante gli anni '70, Popp era un ricercatore sul cancro che cercava di capire perché solo uno dei due isomeri del benzopirene causasse il cancro. Un isomero è talvolta noto come configurazione dell'immagine speculare di una molecola che è chimicamente identica, ma le cui proprietà possono differire notevolmente. Secondo la logica materialista/riduzionista, non c'era motivo per cui un isomero (Benzopirene 3,4) che si trova nelle sigarette e nel catrame inducesse la crescita del cancro nel tessuto polmonare mentre un altro isomero (Benzopirene 1,2) sarebbe completamente benigno.
Dopo aver scoperto il lavoro di Gurwitsch, il Dr. Popp ha iniziato a misurare le emissioni di luce ultra-deboli delle molecole di benzpirene e i loro effetti sulla crescita cellulare nei tessuti del fegato e ha scoperto che le proprietà di assorbimento/emissione di luce estremamente elevate del Benzpirene 3,4 erano la causa della disarmonia della regolazione cellulare. Misurare l'attività dei fotoni dalla crescita delle cellule epatiche cancerose rispetto a quelle sane è un modo sorprendente per vedere chiaramente che la crescita cancerosa coincide con le emissioni di fotoni esponenziali mentre le emissioni di fotoni epatici sani sono molto stabili.

Nel corso della sua vita altamente produttiva, il dottor Popp ha scoperto che queste emissioni di luce avvenivano a lunghezze d'onda diverse a seconda dei tipi cellulari, della funzione e della specie. Quando Popp ha avvicinato due campioni biologici, le cose sono diventate anche interessanti poiché il "ritmo" delle loro emissioni di fotoni si sincronizzava magnificamente quando erano ravvicinati e perdevano la sincronizzazione quando erano separati. Questo è stato delineato nel suo articolo Sulla coerenza dei biofotoni.
Descrivendo l'applicazione clinica di queste scoperte, il Dr. Popp ha affermato:

“La luce può avviare, o arrestare, reazioni a cascata nelle cellule e quel danno cellulare genetico può essere virtualmente riparato, in poche ore, da deboli fasci di luce. Siamo ancora sulla soglia di una piena comprensione della complessa relazione tra luce e vita, ma ora possiamo affermare, con enfasi, che la funzione del nostro intero metabolismo dipende dalla luce."

Le scoperte di Popp amplificano quelle del grande scienziato russo A.B. Burlakov che scoprì che le emissioni di luce ultra debole emanate da due serie di uova di pesce fecondate, separate da un vetro, dimostravano un potente effetto armonizzante. Se una serie di uova era più vecchia, allora le uova più giovani maturavano e si sviluppavano molto più velocemente se portate in prossimità. Tuttavia, se la differenza di età tra i due gruppi era troppo grande, lo scienziato ha scoperto che il gruppo più giovane avrebbe visto un tasso più elevato di morte, deformità e ritardo nello sviluppo.
Questo modo di pensare alla vita fa sì che la mente dello scienziato si avvicini alla vita in un modo più simile a quello di un musicista che accorda il suo strumento a un'orchestra o di un direttore d'orchestra che tiene nella sua mente più onde sonore simultaneamente come un'idea musicale intera che è più grande della semplice somma delle sue parti. È un modo di pensare molto più naturale ed efficace dell'approccio materialista/riduzionista oggi dominante nella maggior parte delle università occidentali, che tratta l'organismo come una macchina e il tutto come una somma di parti chimiche.
Una panoramica più completa di queste scoperte è stata presentata in una conferenza del 2013 presentata da questo autore, che può essere visualizzata per intero qui:

Rilanciare la ricerca di Montagnier sotto una nuova luce
Tornando ancora una volta a Luc Montagnier con un rinnovato apprezzamento per l'onda lunga della tradizione scientifica su cui si è collocato, possiamo apprezzare alcune delle conclusioni che egli ha tratto dalle proprietà spesso ignorate ma completamente verificabili delle onde luminose, dell'acqua strutturata, dei batteri e del DNA che potrebbero farci ridefinire per sempre la nostra comprensione di "vita", "malattia" e "medicina". Questo esercizio ci farà forse apprezzare l'importanza di un programma d'urto internazionale nella ricerca della biofisica ottica e nella terapia delle onde luminose/interferenze per trattare le malattie che affliggono l'umanità, compresa la COVID-19.
In un'intervista del 2011, il dottor Montagnier ha ricapitolato le conseguenze delle sue scoperte:

“L'esistenza di un segnale armonico proveniente dal DNA può aiutare a risolvere questioni di vecchia data sullo sviluppo cellulare, ad esempio come l'embrione sia in grado di compiere le sue molteplici trasformazioni, come se fosse guidato da un campo esterno. Se il DNA può comunicare le sue informazioni essenziali all'acqua tramite radiofrequenza, allora le strutture non materiali esisteranno nell'ambiente acquoso dell'organismo vivente, alcune delle quali nascondono segnali di malattie e altre coinvolte nel sano sviluppo dell'organismo."

Con queste intuizioni in mente, Montagnier ha scoperto che molte delle frequenze delle emissioni elettromagnetiche da un'ampia varietà di DNA batterico si trovano anche nel plasma sanguigno di pazienti affetti da influenza A, epatite C e persino molte malattie neurologiche non comunemente considerate come batteri influenzati come il Parkinson, la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide e l'Alzheimer. Negli ultimi anni, i team di Montagnier hanno persino trovato alcuni segnali nel plasma sanguigno di persone con autismo e diverse varietà di cancro!
Oltre una dozzina di medici francesi hanno preso le idee di Montagnier abbastanza sul serio da prescrivere antibiotici per curare l'autismo nel corso di sei anni e, contrariamente alle teorie convenzionali, hanno scoperto che su 240 pazienti trattati, 4 su 5 hanno visto i loro sintomi regredire o scomparire drammaticamente completamente!
Questi risultati implicano ancora una volta che alcune specie di microbi emettitori di luce difficili da rilevare sono più vicine alla causa di questi mali di quanto la moderna industria farmaceutica vorrebbe ammettere.

Un nuovo dominio del pensiero: perché Big Pharma dovrebbe avere paura
Come ha dimostrato l'esperimento filmato del 2014, Montagnier è andato ancora oltre nel dimostrare che le frequenze delle emissioni delle onde all'interno di un filtrato situato in un laboratorio francese possono essere registrate e inviate per e-mail a un altro laboratorio in Italia dove la stessa registrazione armonica è stata infusa in contenitori d'acqua facendo sì che i campioni italiani iniziassero lentamente a emettere segnali! Queste frequenze del DNA sono state quindi in grado di strutturare l'acqua nei campioni italiani dalla fonte madre a mille chilometri di distanza risultando in una replica esatta del DNA del 98%!
Stando così come siamo, sull'orlo di così tante entusiasmanti scoperte nella scienza medica, dovremmo chiederci: cosa potrebbero significare questi risultati per il complesso industriale farmaceutico multimiliardario che si basa sul mantenere il mondo bloccato in una pratica di farmaci sintetici e vaccini?
Parlando a questo punto, Montagnier ha dichiarato:

“Il giorno in cui ammetteremo che i segnali possono avere effetti tangibili, li useremo. Da quel momento in poi potremo curare i pazienti con le onde. Quindi è un nuovo dominio della medicina che le persone temono ovviamente. Soprattutto l'industria farmaceutica... un giorno saremo in grado di curare i tumori usando le onde di frequenza".

L'amico e collaboratore di Montagnier, Marc Henry, professore di Chimica e Meccanica Quantistica all'Università di Strasburgo, ha dichiarato:

“Se trattiamo con le frequenze e non con i farmaci diventa estremamente conveniente per quanto riguarda la quantità di denaro speso. Spendiamo un sacco di soldi per trovare le frequenze, ma una volta trovate, il trattamento non costa nulla".

Che sia stato prodotto in un laboratorio come afferma Montagnier o sia apparso naturalmente come Nature Magazine, Bill Gates e il dottor Fauci affermano, resta il fatto che l'attuale pandemia di coronavirus ha accelerato il collasso del sistema finanziario mondiale e ha costretto i leader del mondo a discutere la realtà di un nuovo paradigma necessario e di un nuovo ordine economico mondiale. Resta da vedere se quel nuovo sistema sarà guidato dai cartelli farmaceutici e dai finanziatori che gestiscono la politica sanitaria globale o se sarà guidato dagli stati nazionali che modellano i termini di quel nuovo sistema attorno ai bisogni umani.
Se gli stati nazionali riescono a rimanere al posto di guida di questo nuovo sistema, allora questo dovrà essere guidato da alcuni principi fondamentali di assistenza sanitaria per tutti, riforma della pratica scientifica e una più ampia riforma politica/economica in cui la sacralità della vita umana è posta al di sopra di tutte le considerazioni di profitto monetario. In questa luce, tali programmi ad alto impatto in progetti a lungo termine nella scienza spaziale, nella difesa dagli asteroidi, e nelle esplorazioni su Luna e Marte, saranno necessari nel campo astrofisico come i programmi sulla fusione nucleare lo saranno nel campo atomico. Ad unire entrambi i mondi, è il dominio delle scienze della vita che interseca le proprietà elettromagnetiche degli atomi, delle cellule e del DNA con le proprietà elettromagnetiche su larga scala della Terra, del Sole e della galassia nel suo complesso.


Traduzione di Matteo Martini                         
Fonte: https://risingtidefoundation.net/2022/02/10/dr-luc-montagnier-and-the-coming-revolutions-in-optical-biophysics/