A tutti è noto il detto "stiamo attenti a ciò che desideriamo" o che "vediamo solo ciò che cerchiamo" e forse alcuni di voi hanno avuto partner in passato che nei vostri confronti affermavano di "darli per scontati e renderli invisibili". I più conservatori di noi potrebbero considerare questo tipo di frasi come soggettive e appartenenti a libri di auto-aiuto, ma quando guardiamo alla storia, le prove confermano che gli esseri umani sono pienamente capaci di rendere invisibili le apparenze fisiche se non ci si concentra su di esse, anche qualcosa di fondamentale per la realtà quale un colore. Il colore blu in particolare...

Viste diverse vedono tonalità diverse

Il sistema visivo umano ci consente di vedere una gamma di circa un milione di colori, ma non siamo in grado di determinare in che modo tutti percepiamo questi colori in modo diverso. Il blu è il colore del cielo, degli specchi d'acqua, probabilmente un muro nel tuo ufficio o una maglietta, ma un recente articolo di ricerca discusso su Science Alert ha spiegato che fino a tempi relativamente recenti nella storia umana nessuno vedeva il colore "blu".

Fino a tempi relativamente recenti nella storia umana nessuno vedeva il colore "blu". (Светлана Фарафонова / Adobe Stock)

Vale a dire che il “blu” non esisteva, almeno non nel modo in cui lo pensiamo oggi. Anche questo non è un brillante gioco di parole; Kevin Loria ha riferito per Business Insider nel 2015 che "le prove per le persone che non vedono il blu risalgono al 1800".

NON stiamo parlando di "The Dress"

Prima di proseguire, molti di voi ricorderanno "il vestito" che fece sensazione in Internet nel 2015. Togliamolo di mezzo. Centinaia di milioni di spettatori non erano d'accordo sul fatto se le bande colorate sull'abito qui sotto fossero nere e blu oppure bianche e dorate. Questo fenomeno ha rivelato differenze nella percezione del colore umano e NON è la stessa cosa dell'affermazione che il colore blu "non è mai esistito" nella storia.

La fotografia del vestito che ha fatto discutere milioni di utenti di Internet sui colori presenti. (Uso corretto)

Un'antica assenza del colore blu

La storia dell'"essere il blu invisibile nella storia" inizia nel 1858 quando William Gladstone, che in seguito divenne Cancelliere dello Scacchiere e poi Primo Ministro della Gran Bretagna, lesse L'Odissea di Omero. Gladstone ha notato che Homer descrisse il colore del mare come "vino scuro" – portandolo a domandarsi; perché non "blu profondo?" Gladstone ha studiato questa curiosità e ha contato i riferimenti cromatici nell'Odissea scoprendo che mentre il nero è stato menzionato quasi 200 volte e il bianco circa 100, il blu non è apparso una volta. Ampliando la sua ricerca ha poi stabilito che "blu" non esisteva proprio nella scrittura in greco. Da nessuna parte.

Il filosofo e filologo ebreo tedesco Lazarus Geiger ha seguito con passione le osservazioni di Gladstone e ha analizzato le antiche saghe islandesi, il Corano, il folklore indù, cinese, l'arabo e un'antica versione ebraica della Bibbia. I suoi studi hanno determinato che il "blu" non è mai stato menzionato una volta in nessuna di queste culture e ha scritto:

"Questi inni, di più di diecimila versi, traboccano di descrizioni dei cieli. Quasi nessun argomento viene evocato più frequentemente. Il sole e il gioco di colori dell'alba che arrossisce, giorno e notte, nuvole e fulmini, l'aria e l'etere, tutti questi si disvelano davanti a noi, ancora e ancora... ma c'è una cosa che nessuno imparerebbe mai da questi antichi canti... ed è che il cielo è azzurro".

Pittura su tela su compensato. L'accord bleu (RE 10), 1960, pezzo per tecnica mista di Yves Klein (1928–1962). Con pigmento IKB su tela e spugne. (CC BY-SA 3.0)

Il colore blu era davvero invisibile agli antichi?

Non avendo parole per il blu, gli scienziati hanno dovuto considerare che forse gli antichi non vedevano il colore, quindi non avevano descrittori per esso. Gli occhi degli antichi erano diversi dai nostri? Perché la gente non vedeva il blu?

Non si sa esattamente cosa stesse passando per la mente di Omero quando descrisse il mare "vino-scuro", ma gli antichi avevano sicuramente la stessa biologia ottica e capacità di vedere il blu che abbiamo oggi. Ma davvero 'non vediamo' le cose se non abbiamo parole per descriverle? La risposta è no. Poiché non esisteva il "blu" come categoria di colore nel modo in cui lo definiamo, il colore non era distinto dal verde.

La sfocatura del blu e del verde

Cercando di scoprire quando il "blu" ha iniziato ad apparire nel linguaggio come un colore a sé stante, Geiger ha scoperto uno schema ripetuto in tutto il mondo; ogni lingua prima aveva parole per bianco e nero, che rappresentavano l'oscurità e la luce e subito dopo le persone usarono una parola per il rosso, il colore del sangue e del vino. I successivi colori ad apparire nella lingua furono il giallo e poi il verde, e l'ultimo colore ad apparire in ogni lingua del mondo fu il blu.

Nel 2006 Jules Davidoff, uno psicologo della Goldsmiths University di Londra, condusse un progetto di ricerca con i membri della tribù Himba della Namibia, la cui lingua non ha una parola per il blu né distingue tra verde e blu. Secondo un documentario della BBC (che da allora è stato accusato di drammatizzare eccessivamente i risultati) i membri della tribù sono stati testati per scoprire se potevano effettivamente vedere il blu o meno mostrando loro uno schema speciale; un cerchio con 11 quadrati verdi e un quadrato blu.

A sinistra: pastori tribali namibiani che hanno partecipato all'esperimento sul colore Himba. (CC BY-SA 3.0) A destra: test del colore Dustin Stevenson intitolato "The last color term", (25/04/2013).

Sebbene sia piuttosto ovvio per noi, la maggior parte dei membri della tribù Himba ha avuto grosse difficoltà a dire a Davidoff quale dei quadrati era di un colore diverso. E quei partecipanti che hanno notato una differenza hanno impiegato "molto più tempo e hanno commesso più errori" di te o io che possiamo individuare chiaramente e rapidamente il quadrato blu. Non solo l'esperimento sembrava confermare che la lingua influisce su ciò che percepiamo, ma ha anche rivelato che la lingua Himba aveva molte più parole, termini e concetti descrittivi per i tipi di verde rispetto all'inglese.

Senza una parola per un colore particolare, non c'è modo di identificarlo come diverso dagli altri vicini; ed è percepito come una sfumatura di un altro colore. Quindi, prima che il blu venisse definito con una parola, gli esseri umani vedevano le cose blu come sfumature di verde.

Puoi scoprire di più su come il linguaggio modella la nostra capacità di rilevare i colori  nell'articolo di Kevin Loria  su Business Insider e in questo affascinante episodio di RadioLab, che ha ispirato il suo film.

Che dire della creazione del colore blu?

L'antica società egiziana fu la prima ad adottare una parola per il colore blu perché fu la prima cultura a produrre coloranti blu. Il famoso colore “blu egizio” appare in opere d'arte come le tombe di Mereruka dell'Antico Regno (2600-2100 a.C.) ed è quasi esattamente lo stesso blu trovato in una bara risalente al periodo greco-romano (330 a.C.–-AD 400), a conferma di sistemi di produzione ben sviluppati e standardizzati da oltre duemila anni.

Coppa contenente pigmento blu egizio di Pompei. Il blu egiziano, noto anche come silicato di rame di calcio, o CaCuSi 4 O 10,  o cuprorivaite, è considerato il primo pigmento sintetico mai sviluppato. (Dan Diffendale CC BY-NC-SA 2.0)
 
Il blu è venuto a rappresentare il fiume Nilo, il cielo e in seguito l'universo, la creazione e la fertilità. L'unica fonte naturale di blu era il raro e costoso minerale lapislazzuli che veniva estratto in quello che oggi è l'Afghanistan. Vitruvio, l'architetto e scrittore romano del I secolo, disse che "gli ingredienti erano sabbia, rame (da un minerale come azzurrite o malachite) e natron (una miscela naturale di composti di sodio, compreso il carbonato di sodio).

 

Rispetto a cos'altro siamo ciechi?

Pensando che non abbiamo visto il blu perché non avevamo una parola per descriverlo viene da chiedersi, cosa potremmo osservare ogni giorno e ogni notte, proprio sotto il nostro naso, che non possiamo vedere perché non abbiamo una parola per descriverlo? Beh, ironia della sorte, una risposta a questa domanda è... più blu!

Nel 2017, il chimico Mas Subramanian dell'Oregon State University (OSU) ha scoperto "YInMn blue" dal nome degli elementi Ittrio, Indio e Manganese, durante la sperimentazione "con materiali per applicazioni elettroniche". Secondo il comunicato stampa dell'OSU, il bellissimo blu è stato scoperto durante un incidente in un laboratorio di chimica nel 2009 e ora sta entrando nel mercato. “È stata una fortuna, in realtà; una felice scoperta accidentale", ha detto Subramanian nel giornale.

Fotografia di "YInMn Blue" sintetizzata nel 2017 dal chimico (OSU) Mas Subramanian e dal suo team in laboratorio. (CC BY-SA 4.0)

Sebbene questo nuovo blu assomigli a "L'accord bleu" (mostrato in precedenza) e "blu cobalto", le sue proprietà "sono più forti e più durevoli" secondo Subramanian. Formato da una struttura cristallina unica che consente agli ioni manganese di assorbire le lunghezze d'onda della luce rossa e verde, il pigmento riflette solo il blu.

Questo blu intenso e vibrante è così durevole "e i suoi composti sono così stabili anche in olio e acqua" che la versatilità del nuovo pigmento trova una varietà di applicazioni commerciali nelle vernici. Ad esempio, "per mantenere freschi gli edifici riflettendo la luce infrarossa... [e] rispettando i nostri requisiti di sostenibilità, nessuno dei nuovi ingredienti del pigmento blu è tossico", secondo il comunicato stampa dell'OSU.

Immagine di copertina: gli antichi sembravano avere problemi a vedere o riconoscere il colore blu. Fonte: Kokhanchikov /Adobe Stock

Fonte: https://www.ancient-origins.net/unexplained-phenomena/color-blue-0010720