La sperimentazione condotta dal dott. Singh all'Università di Birmigham mirava a scoprire se l’aggiunta della guarigione spirituale alle cure convenzionali aiutasse i pazienti a lungo termine con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e malattia infiammatoria intestinale (IBD). Entrambe le condizioni hanno sintomi altamente imbarazzanti e dolorosi, di gravità altalenante. Ogni aspetto della vita di un malato viene influenzato – salute fisica, stato psicologico, mobilità, vita sociale, vita sessuale, vita lavorativa e condizione lavorativa. Non esiste una cura medica per nessuna di queste due condizioni e, come con qualsiasi malattia a lungo termine con poche speranze di recupero, la depressione è spesso un onere aggiuntivo.

Non ci sono cause fisiche di base per i sintomi di IBS, e si ritiene pertanto che siano influenzati da fattori psicologici. Al contrario, chi soffre di IBD ha anomalie interne che causano la patologia. Lo studio mirava a stabilire se la guarigione aiutasse Il primo passo fu per una revisione dei pari interna. Qui è dove altri accademici dell’Università di Birmingham che non erano coinvolti nella sperimentazione dovevano esaminare i documenti di ricerca. Considerando il controverso argomento della sperimentazione, non vi è dubbio che la direzione dell’Università avrebbe garantito che la revisione paritaria sarebbe stata particolarmente rigorosa. Le principali riviste mediche la respinsero semplicemente sulla base del tema della guarigione spirituale. Una di queste dichiarò apertamente per iscritto che i suoi membri non condividevano le terapie complementari. Per una rivista scientifica, questa appariva una ragione particolarmente non scientifica per il rifiuto...


Continua su Nexus New Times #136: https://shop.nexusedizioni.it/collections/nexus-new-times/products/nexus-new-times-nr-136