stavolta gli inglesi ci battono alla grande! Pensate che il canale televisivo Channel 4 sta per mandare in onda un reality show, dall’emblematico titolo “Guantanamo Guidebook”, nel quale sette volontari maschi verranno sottoposti a tortura ricreando alcune delle pratiche utilizzate nella famigerata base navale americana. Lo scenario, ricreato basandosi su alcuni documenti declassificati ottenuti da fonti statunitensi, verrà allestito in un magazzino di Londra, dove i sette volontari, tre dei quali musulmani, subiranno per 48 ore le forme di tortura più “blande”, come la privazione del sonno, l’utilizzo di temperature estreme e “leggeri” contatti fisici, oltre a nudità forzata e umiliazioni fisiche e religiose. Gli annunci pubblicitari per reclutare queste persone chiedevano quanto “duri” fossero… Secondo i produttori, il programma fa parte di un pacchetto più ampio, inteso ad esaminare il diffuso uso della tortura e valutare se sia giustificato in questa cosiddetta “guerra al terrorismo”.

Guerra al terrorismo? Se volete farvi un’idea di cosa sia il terrorismo, e di chi siano i veri terroristi, vi racconterò la storia di un medico iracheno, attualmente rifugiato ad Amman e minacciato dalle truppe statunitensi qualora rimettesse piede in Iraq. La colpa di questo uomo è stata quella di raccontare, con tanto di prove fotografiche e video, ciò che ha visto durante i due assedi di Falluja, in particolare durante il secondo. Per questo motivo, ha subito tre irruzioni in casa sua da parte degli americani, ed è stato costretto ad abbandonare il paese.

Quando entrò nella città a dicembre, al seguito di un convoglio umanitario britannico, vide che era come se Falluja fosse “stata devastata da uno tsunami”. Afferma che il disastro causato da questo secondo assedio è di gran lunga peggiore del primo, e a titolo di esempio racconta la storia di una ragazza di sedici anni, rimasta per tre giorni chiusa in casa coi cadaveri dei suoi familiari. Quando i soldati irruppero nella sua abitazione, ella vi si trovava in compagnia del padre, della madre, del fratellino di dodici anni e delle due sorelle. Vide i militari entrare e sparare direttamente a suo padre e a sua madre, senza proferire parola.

La ragazza riuscì a nascondersi dietro il frigorifero col fratellino, giusto in tempo per vedere le due sorelle prima picchiate e poi colpite alla testa. A questo punto il fratellino, sconvolto, corse urlando verso i soldati, solo per essere ammazzato pure lui.

Per paura di essere uccisa anche lei, rimase in quella casa senza cibo e senza acqua per tre giorni, prima di essere infine soccorsa e portata in un ospedale.

Questo medico ha numerose storie di questo tenore da raccontare, tutte documentate, e mi limiterò a riportarvene solo alcune.

Ad esempio, il bombardamento della clinica Hay Nazal durante la prima settimana di assedio: conteneva tutti gli aiuti umanitari stranieri e le apparecchiature mediche che avevano a Falluja, e per questo era stata segnalata ai comandanti delle truppe statunitensi affinché non la bombardassero. Neanche a dirlo, fu bombardata per ben due volte durante la prima settimana. E laggiù chiunque sa che anche tutte le ambulanze e i medici furono bersagli privilegiati. Ma una storia davvero interessante, ben documentata e per la quale lui e altri colleghi stanno cercando di far incriminare i militari USA avvenne verso la fine di novembre:

“Durante la seconda settimana dell’assedio arrivarono annunciando che tutte le famiglie dovevano lasciare le proprie abitazioni e radunarsi ad un incrocio stradale portando bene in vista delle bandiere bianche. Diedero 72 ore di tempo, dopodichè sarebbero stati considerati dei nemici. Quanto vado a raccontare è documentato su video: una famiglia di dodici persone, fra le quali un parente col figlio di sette anni, sentito questo annuncio, radunò tutto il cibo e il denaro che avevano e si avviò sventolando le bandiere bianche. Quando raggiunsero l’incrocio dove si stavano radunando le famiglie, udirono qualcuno urlare in inglese “Ora!” e cominciarono spari provenienti da ogni dove. Pur se avevano in mano le bandiere bianche, secondo la testimonianza di un giovane di questa famiglia, la madre fu colpita alla testa e il padre al cuore. Poi in successione le due zie, e poi suo fratello; quando si alzò da terra per gridare aiuto, anche lui fu colpito sul fianco.

Dopo un po’, alzò il braccio in cerca di aiuto e fu colpito al braccio. Dopo un altro po’ alzò debolmente la mano e fu colpito alla mano. Un bimbo di sei anni, appartenente a questa famiglia, stava piangendo disperato fra i cadaveri e fu colpito anche lui. Insomma, chiunque si muovesse veniva colpito.”

Tutto questo è documentato da foto dei cadaveri e delle ferite sui sopravvissuti.

Col sopraggiungere dell’oscurità, alcuni dei sopravvissuti riuscirono a strisciare sino a un edificio, dove rimasero per otto giorni curando le ferite infette con olio da cucina e mangiando radici e qualche dattero.

Interessante, ma troppo lungo da riportare qui, il modo in cui in seguito furono girati filmati propagandistici ad un checkpoint, nel corso dei quali venivano offerti 200 dollari a famiglia per tornare a Falluja, in modo da poter essere riprese dalle telecamere e mostrare gli abitanti che rientravano in città, quando invece nessuno neanche si sognava di tornarci.

Ora, se avete letto il mio intervento precedente (a proposito: a causa di un errore, per i primi due giorni è stata inserita un’immagine che non c’entrava niente con Laura Bush, e in molti si saranno chiesti cosa volesse dire…) capirete ancora di più le mie perplessità in merito al rapimento della giornalista Giuliana Sgrena, dato che guarda caso aveva appena raccolto testimonianze di esuli da questa città…

E allora, osservate bene questo individuo: è il generale James Mattis che recentemente, parlando dell’Iraq, ha dichiarato in un discorso pubblico quanto sia divertente sparare a certa gente…