Quale percorso mentale conduce ad ascoltare le parole di un uomo che ha ucciso sistematicamente persone incontrate per caso?
Perché si potrebbe mai desiderare di vedere cadaveri, corpi maciullati, volti di psicopatici assassini? Cosa può dire alla nostra anima una mente già perduta nell'orrore senza fine di un delirio di morte?
Un tempo, mostrare il corpo morto era l'estrema offesa che si poteva fare all'ucciso. Penso alle pagine di grandissima prosa dell'Anonimo Romano sullo scempio del corpo martoriato di Cola di Rienzo...
Oggi, l'esibizione del dolore, della carne percossa e lacerata, dell'orrore è spacciata per informazione e gli sciacalli che cercano venti minuti di popolarità con questi mezzi osceni allargano le braccia e gemono:
"Sì, lo so, è terribile, ma noi dobbiamo fare informazione..."
La schifosa sottocultura televisiva pretende di nobilitare un laido carosello di mostruosità con la scusa dell'informazione; l'autentico scopo è invece - e lo sanno tutti - offrire immagini sempre più atroci, sempre più estreme, per conquistare l'attenzione degli imbecilli che hanno rinunciato alla visione della realtà sostituendola con la visione dello schermo televisivo.
La pseudocultura televisiva esiste sulla sola dimensione del guardare; ma si tratta di un guardare passivo, acritico, ottuso; non è la partecipazione emotiva, non è l'adesione piena e viva al fuori- da-me; la televisione non vuole osservatori pensanti (come può esserlo chi ammira un quadro) ma soltanto ricettori di stimoli audiovisivi, vuole milioni di cani pavloviani, bestie che alla sollecitazione A rispondano sempre con la reazione fisiologica B.
I manager tv pagati milioni di euro vomitano dagli schermi la feccia della bestialità: la sedicente tv verità (e nulla è più falso) si nutre di pianti e abbracci, di isterismi e banalità, di aggressività e ignoranza; il più povero luogo comune diventa tema di "discussioni" in cui l'urlo e l'insulto sono gli strumenti consentiti (auspicati!) del confronto.

I livelli di squallore morale e di inconsistenza culturale che esibisce la tv farebbero piangere di dolore e paura il più modesto intellettuale del Rinascimento.

I padroni delle tv vogliono masse di gente mentalmente prona; incapaci di distinguere il reale dal fittizio, questi subumani non potranno mai sviluppare un senso critico, una volontà, una dignità: sulla poltiglia, svetta più alto e intoccabile colui che gestisce alla fonte la produzione e la distribuzione della "psico-droga televisiva", della quale sono già dipendenti milioni di persone.

Ma per rendere definitiva la sottomissione, per annientare del tutto l'ultima qualità che divide l'uomo dalla bestia, occorre addestrare la gente ad esercizi sempre più difficili; bisogna spegnere nella folla l'estrema ripugnanza, l'ultima parvenza di pietas; bisogna fare accettare alla folla l'orrore nella sua essenza.

E allora, sugli schermi della tv sfilano i serial killers e le loro vittime, i mostri e il loro banchetto, le lame ancora grondanti sangue e le carni che hanno appena squarciato.

E per addestrare meglio alla telesottomissione cerebrale è meglio se la gente viene esposta al trattamento fin da piccoli: le cosiddette fasce protette, violate, saranno ottime come casse di risonanza per fare più scandalo, per fare scalpore, insomma: per fare audience, che è ormai il fine ultimo della vita umana.

Davanti alla marea di fango che monta e vuole inghiottirci, abbiamo il dovere morale di opporre il nostro rifiuto ad essere complici di questo imbestiamento.

I padroni ci vorrebbero tutti idioti guardoni del loro mondo falso e ripugnante. Spegniamo il televisore e non collaboriamo alla nostra disumanizzazione.

Per inceppare il mostruoso macchinario che ci vuole inghiottire basta gettare un granello di pensiero negli ingranaggi dell'ottusità.