“La natura del tempo, serenissimo principe, richiede questo, un'osservanza di un vecchio proverbio, che ingiunge di baciare la mano che non possiamo tagliare”
 
– Sebastien Guistinian, ambasciatore veneziano presso Enrico VIII d'Inghilterra
 
L'alleanza Russia-Cina è diventata una centrale di progetti infrastrutturali visionari in tutto l'Artico, l'Eurasia, l'Africa e l'Europa, esemplificati magnificamente dall'evoluzione della Belt and Road Initiative e dai BRICS. Questa alleanza cooperativa ha attinto a una realtà strategica dei veri interessi comuni dell'umanità che è così potente che anche paesi precedentemente in guerra tra loro e soggetti alla manipolazione imperiale si sono sempre più liberati per partecipare a questo nuovo paradigma.
Questa coalizione di nazioni che lavorano con il senso sia della mano manipolatrice dietro le quinte che dell'attenzione comune per la futura cooperazione può essere un fenomeno nuovo nella nostra epoca moderna, ma non è certamente senza precedenti storici. Non solo una tale coalizione internazionale si formò sulla scia della vittoria sindacale del 1865 nella guerra civile che vide nazioni come Germania, Francia, Argentina, Brasile, Russia e Giappone formare un'alleanza anti-impero britannico per il progresso industriale e i lavori pubblici, ma si verificò anche durante l'apice del Rinascimento aureo europeo con un'alleanza nota come Lega di Cambrai (1508-1512).
Tuttavia, proprio come la  coalizione del progresso del 19mo secolo fu fatta deragliare da un'ondata di omicidi, rivoluzioni e guerre, così anche la precedente Lega di Cambrai fu sabotata prima che la sua missione di ripulire il mondo dall'oligarismo potesse essere consumata.
Con la consapevolezza che la storia non si ripete, ma piuttosto gli sciocchi ripetono la storia, una breve analisi delle cause della formazione della Lega di Cambrai e della sua ultima autodistruzione sotto i sofisticati intrighi di Venezia (allora sede di una oligarchia finanziaria internazionale) possono essere meglio comprese e si può evitare il ripetersi di decisioni potenzialmente sciocche. Tra i molti autori a cui sono debitore per questo rapporto di ricerca, includo Gerald Rose, Robert Ingraham e infine Webster Tarpley i  cui studi del 1981 pubblicati sulla rivista Campaigner  continuano a rappresentare alcune delle analisi più approfondite a disposizione dei ricercatori moderni.
 

Perché è nata la Lega?

Il Golden Renaissance è un'incredibile singolarità nell'esperienza umana.
 
Proveniente da un'età oscura lunga secoli, quello che oggi chiamiamo “il Rinascimento” è caratterizzato in prima approssimazione da un picco di popolazione umana, longevità e capacità produttive. Piuttosto che trattare questa anomalia come una “prova” che siamo semplicemente un cancro che infesta la madre Gaia come sono soliti fare i moderni ecologisti radicali, è più prezioso vederla per quello che fu:  L'EFFETTO materiale di un fiorire di idee creative, e scoperte che toccano tutti i campi del sapere: medico, artistico, musicale, architettonico, scientifico ed economico. La causa alla base di ciò fu un cambiamento più profondo nella comprensione della legge naturale basato sull'idea che le leggi dell'umanità fossero legittime solo se coerenti con le leggi scopribili (morali e fisiche) della natura. Ciò fu espresso dal filosofo del primo Rinascimento cardinale Nicola da Cusa che affermò nel 1433:
«Vi è nel popolo un seme divino in virtù della loro comune eguale nascita e degli eguali diritti naturali di tutti gli uomini, sicché ogni autorità – che viene da Dio come l'uomo stesso – è riconosciuta come divina quando nasce dal comune consenso di tutti i sudditi... Questo è quello stato coniugale di unione spirituale divinamente ordinato, basato su un'armonia duratura da cui una comunità è guidata nella pienezza della pace verso la beatitudine eterna.
Questa è stata una profonda intuizione che ha rifiutato la nozione popolare di "uomo fatto a immagine di fango" che aveva governato l'Europa sotto le strutture feudali dell'oligarismo dalla distruzione dell'Impero carolingio di Carlo Magno.
Ci volle un po' di tempo prima che questi concetti diventassero  principi organizzativi attivi  nella formazione del primo sistema di stato nazione di Luigi XI di Francia nel 1461, ma quando dimostrarono la loro efficacia nell'organizzare una nazione e nell'attuare i poteri creativi dei cittadini, si diffuse a macchia d'olio. Luigi XI si qualificò come un serio re filosofo che sia Platone che Confucio ai loro tempi sapevano essere la chiave per la salvezza della società quando disse : 
“Quando la giustizia regna in un regno, il bene comune è ben custodito, e così è il particolare: perché la giustizia è tale virtù che mantiene la compagnia umana e la vita comune, purché tutti facciano un uso saggio delle cose comuni come comuni; e delle cose particolari come particolari”.
Dopo aver riorganizzato il sistema bancario corrotto e il sistema fiscale della sua nazione, reindirizzando il tesoro verso i lavori pubblici e l'istruzione di massa, la Francia sotto Luigi XI crebbe in potere e riuscì a evitare gli intrecci militari che caratterizzarono l'Europa per secoli. Il suo successo fu presto replicato in Inghilterra quando Enrico VII di Tudor lasciò la Francia per rovesciare la malvagia dinastia Plantageneto di Riccardo II nel 1485 e seguì l'esempio di Luigi XI. Questa "nuova arte di governo" stava contemporaneamente prendendo piede nelle città-stato italiane di Firenze e Milano, manifestandosi con l'ascesa alla ribalta di figure come Cosimo de Medici, Leonardo Da Vinci e Niccolò Machiavelli. Il principale umanista Enea Piccolomini, seguace di Cusa, fu eletto Papa nel 1460 diventando Pio II che influenzò l'imperatore del Sacro Romano Impero Federico III alla causa umanista.
Una volta che Machiavelli divenne Secondo Cancelliere di Firenze nel 1502, nominò immediatamente Da Vinci come Capo Ingegnere di Cesare Borgia e i due lavorarono a stretto contatto per anni riformando le pratiche militari a difesa di Firenze.
Machiavelli, Leonardo, Borgia (che divenne il capo di Milano con l'aiuto di Machiavelli) capirono bene la natura del male che stava cercando di disfare il nuovo paradigma da loro sostenuto. È in questo momento che ci si rende conto che, per sopravvivere al processo rinascimentale, è necessario distruggere una fonte di male che ha afflitto l'umanità per secoli. Come vedremo in seguito, per secoli è stata Venezia la forza principale che aveva tenuto attivamente il mondo in guerra e la popolazione nel fango e quei grandi umanisti sapevano che questa forza non si sarebbe fermata fino a quando il rinascimento non fosse stato distrutto e l'umanità fosse stata soggiogata sino alla sottomissione totale. Insieme, parallelamente a importanti co-pensatori in tutta Italia, Francia e Spagna, organizzarono un'alleanza che quasi cancellò questo male dalla faccia della terra nel 1508 chiamata Lega di Cambrai.
 

Cos'era Venezia?

Mentre Venezia si stimava una repubblica (letteralmente chiamandosi “la Repubblica Serenissima”) era in tutto e per tutto un'oligarchia totale. La Città-Stato fu fondata dalle principali famiglie dell'oligarchia romana che cercarono rifugio dai Visigoti e dagli Unni quando l'Impero crollò nel 450. Crebbe per secoli come partner minore dell'Impero Bizantino e costituì una forma unica di governo. Fu formato un senato che ammontava a quasi 1500 membri della nobiltà, a sua volta guidato da un Consiglio di 10. In cima a questa piramide c'era un consiglio di tre che utilizzava la figura di un doge eletto per giustificarsi. Il sistema era così efficace che nei suoi oltre 1000 anni, un doge fece un solo tentativo di diventare un rinnegato, un crimine per il quale fu pubblicamente decapitato nel 1355.
Dal basso, la popolazione era puro bestiame che viveva in una continuità di carnevali, prostituzione, peste e povertà.
Dal 1201 al 1204 Venezia riuscì a fare un colpo di stato contro l'Impero Bizantino con il saccheggio di Costantinopoli durante la IV Crociata. Questo fu un colpo da maestro del genio del male che utilizzò le forze europee fanatiche dalla Francia e dal Sacro Romano Impero che pensavano scioccamente di imbarcarsi in una crociata per combattere i turchi in Terra Santa. Questi sciocchi furono convinti a pagare prima i debiti che avevano con Venezia (per l'uso delle navi da trasporto di quest'ultima) assediando e saccheggiando la città cristiana di Costantinopoli. Questo schema doppio permise a Venezia non solo di distruggere la loro sorella maggiore, ma anche di prendere il controllo di tutte le sue rotte commerciali marittime. Venezia ricevette anche un'ingente bustarella dall'Impero Ottomano per aver tenuto i crociati alla larga, lasciando così mano libera ai turchi per distruggere i resti della cultura rinascimentale-umanista di Baghdad nel 1258.
Nel 1350 Venezia aveva il controllo della finanza mondiale attraverso il suo monopolio di lingotti d'oro e d'argento, il commercio marittimo e la rete di intelligence più sofisticata al mondo. La maestria di Venezia nel manipolare le guerre tra potenziali alleati mentre finanziava tutte le parti non si limitava all'Europa. Questa "nuova Roma" aveva persino diffuso i suoi tentacoli attraverso l'Asia ottenendo il monopolio del commercio nei territori controllati dai mongoli in cambio dell'offerta di informazioni politiche ai Khan il cui successo, penetrando in Russia, Kiev, Bulgaria, Ungheria e oltre, venne reso possibile da tali agenti veneziani come Marco Polo e suo padre (Polo divenne anche consigliere di Kublai Khan).
 

Il male veneziano invocato

Cosimo de Medici (sponsor di Cusa e del Consiglio di Firenze del 1438) disse dei veneziani: 
“L'associazione con i veneziani porta due cose che sono sempre state rifiutate dagli uomini di saggezza: la perdizione e la disgrazia” e Ludovico Sforza, alleato di Machiavelli, diceva: “I veneziani sono ostinati e induriti, tengono sempre la bocca aperta per poter mordere potere e usurpare lo stato di tutti i loro vicini per soddisfare l'appetito delle loro anime di conquistare l'Italia e poi oltre come fecero i romani, pensando di paragonarsi ai romani quando il loro potere era al culmine.
Un altro alleato della Lega, Luigi XII di Francia, disse che i veneziani “sono mercanti di sangue umano, traditori della fede cristiana che hanno tacitamente diviso il mondo con i turchi e che già progettano di gettare teste di ponte attraverso il Danubio, il Reno, la Senna, il Tagu e l'Ebro, tentando di ridurre l'Europa a provincia e di mantenerla sottomessa ai loro eserciti”.
Il più eviscerante nel suo attacco fu Papa Pio II che disse: “Come tra le bestie brute le creature acquatiche hanno la minor intelligenza, così tra gli esseri umani i veneziani sono i meno giusti e i meno capaci dell'umanità... Sono ipocriti. Desiderano apparire cristiani davanti al mondo, ma in realtà non pensano mai a Dio e, fatta eccezione per lo stato, che considerano una divinità, non hanno nulla di sacro, nulla di santo... Ogni legge e diritto possono essere violati per amore del potere .”
 

Il successo della Lega

La  Lega di Cambrai  fu istituita il 10 dicembre 1508 unendo l'altamente corruttibile Papa Giulio II, Massimiliano del Sacro Romano Impero, la Francia di Luigi XII e Ferdinando I di Spagna sotto la comune causa di annientare questa "nuova Roma". Machiavelli fu la forza trainante della lega che mise in moto il progetto nel 1507 quando fece in modo che Massimiliano salisse a bordo con l'accordo che Firenze e Milano avrebbero finanziato la causa e fornito informazioni strategiche per tutto il tempo.
Utilizzando eserciti mercenari assoldati, i veneziani non furono in grado di difendersi dall'assalto che cadde su di loro. Territori veneziani come Padova e Pisa furono conquistati dai Cittadini-soldati fiorentini organizzati da Machiavelli, Da Vinci e Borgia e con la decisiva vittoria della Francia ad Agnadello, gli eserciti veneziani furono cancellati il ​​14 maggio 1509. Il Doge mandò un messaggio al Papa chiedendo l'elemosina per pietà e Machiavelli celebrò la vittoria scrivendo che in un giorno i veneziani  "persero ciò che avevano impiegato 800 anni di fatica per conquistare".
I veneziani erano quasi finiti... senza più un esercito a difenderli e la più potente coalizione di poteri uniti insieme con tutte le capacità per finirli... quindi cosa accadde?
 

Il fallimento della Lega

Utilizzando l'anello più debole della coalizione, papa Giulio II, i veneziani tirarono fuori una tangente segreta offrendo tutti i territori perduti di Roma e altro al papa, nonché una promessa di acquistare allume dai territori papali a valori gonfiati piuttosto che  dai turchi. Questa tangente trasformò il papa, e di conseguenza Massimiliano contro Francia e Firenze poiché la Lega fu lasciata a disintegrarsi e nel 1512 fu creata una nuova alleanza controllata dai veneziani chiamata Lega Santa che presto includeva Enrico VIII d'Inghilterra e Ferdinando I di Spagna. Gli eserciti di Luigi XII furono decimati nella battaglia di Ravenna nel 1512 costringendolo a ritirarsi in Francia e lasciando Firenze presto sconfitta. L'esercito cittadino di Machiavelli fu prontamente massacrato e il grande condottiero torturato ed esiliato mentre Da Vinci sfuggiva alla morte fuggendo a Roma e poi in Francia.
Il momento di grande potenziale era crollato in un'epoca di tumulti e si scatenò la guerra che non avrebbe visto una tregua importante fino all'istituzione della Pace di Westfalia del 1648 (a sua volta sabotata dalle stesse forze veneziane che ormai erano impegnate a spostare il loro centro di potere nella posizione più strategica di Inghilterra e Paesi Bassi).
Nel manoscritto del 2008  The Modern Anglo-Dutch Empire: It's Origins, Evolution and Anti-Human Outlook , lo storico Bob Ingraham racconta con sordidi dettagli come le principali famiglie di Venezia trasferirono le loro attività fuori dalla laguna durante il XVII secolo per diventare l'impero anglo-olandese. Questa preziosa ricerca racconta la creazione di un nuovo sistema di banca centrale privata innovato dal Banco della Piazza di Rialto di Venezia del 1587 che si trasformò in Banca di Venezia nel 1619. Questo nuovo paradigma bancario creò il modello utilizzato nella creazione della Banca di Amsterdam nel 1609 e poi con la Banca d'Inghilterra nel 1694 dopo che il Partito Veneziano d'Inghilterra orchestrò un colpo di stato noto come la "Gloriosa Rivoluzione".
Questa innovazione finanziaria si basava sulla consapevolezza che è meglio controllare l'emissione di banconote e cambiali da parte di una nazione mascherando una società privata come un'istituzione nazionale piuttosto che tentare semplicemente di imporre una semplice usura a una nazione come era stato fatto in precedenza per secoli.
 

Come non ripetere la storia

Mentre la Pace di Westfalia del  1648  vide una riattivazione del principio rinascimentale enunciato da Cusa, l'Europa tornò presto alla guerra organizzata lasciando i bei principi del trattato a semplici parole su pergamena. Mentre nel 1776 la rivoluzione americana vide ancora una volta una riattivazione di questo principio, la sua diffusione anche in tutta Europa e non solo fu schiacciata con la perversione della rivoluzione francese  che si trasformò in un bagno di sangue irreparabile dal 1791. Mentre anche l'alleanza di nazioni sovrane nel XIX secolo e l'adozione del sistema di Lincoln aveva quasi portato a una nuova era di progresso e cooperazione vantaggiosa per tutti,  anch'esso è stato distrutto da sciocchi di mentalità meschina che sono caduti preda di giochi a breve termine e del proprio ego.
Oggi, 135 nazioni sono state rese solidali con l'alleanza Russia-Cina e questo nuovo slancio per il progresso e la cooperazione ha ispirato un rinnovato nazionalismo anche nella Comunità Transatlantica che era caduta così profondamente sotto il controllo finanziario anglo-olandese durante il XX secolo. Secolo in cui pochi avevano creduto potesse esistere ancora la speranza.
Con quasi 8 miliardi di anime sul pianeta e il potere dell'atomo a portata di mano, la posta in gioco non è mai stata così alta e la libertà di fare lo stupido di fronte al male veneziano non è mai stata così intollerabile.
 
Fonte: