Con tutta la pubblicità e la raccolta di fondi per il cancro al seno, raramente (se mai) sentiamo o vediamo i risultati di ricerche intraprese e riportate da vari paesi che rivelano come il cancro al seno possa essere prevenuto con una goccia di un minerale presente sul e dentro il pianeta Terra probabilmente sin da quando quest’ultimo esiste! Una sola goccia di una soluzione di entrambe le forme di questo minerale naturale al 100%, sfregata alternativamente su ogni seno ogni giorno, può prevenire una percentuale molto significativa di tumori al seno! La maggior parte di noi conosce il motivo per cui non siamo informati di questo – è l’assenza del “brevetto” necessario per poterci fare pagare tutti gli abnormi prezzi (i minerali naturali non sono brevettabili), non solo per realizzare un enorme profitto, ma anche per recuperare i 2,6 miliardi di dollari necessari per l’approvazione del mercato. Senza tale approvazione, i venditori e i distributori di prodotti “non approvati” sono minacciati di confisca obbligatoria dei loro prodotti qualora pubblicizzassero in qualsiasi modo la verità sulla ricerca che ci dice cosa faranno i loro prodotti! (Non sto affatto scherzando! Qualora fosse necessaria una documentazione sui precedenti casi di violazioni coatte della “libertà di espressione” garantita dal Primo Emendamento, si prega di consultare il libro Death by Regulation di Mary Ruwart, PhD). 

Ma torniamo a quella goccia al giorno. Una goccia di cosa? Una combinazione di iodio e ioduro in acqua nota come “soluzione di Lugol” sin dalla sua prima realizzazione nel 1829 da parte di Jean Lugol, un medico francese. Durante il primo Novecento, divenne ovvio che il Giappone, l’Islanda e altri paesi in cui la dieta tradizionale era ricca di iodio e ioduro avevano il più basso tasso di cancro al seno in tutto il mondo, ma non era noto come mai ciò accadesse. Sfortunatamente, questa osservazione non è più attuale poiché la dieta giapponese, tra le altre, è diventata sempre più occidentalizzata. [...]

Una goccia al giorno può tenere lontano il cancro al seno!

Solo una o due gocce al giorno della soluzione di Lugol possono tenere lontano il cancro al seno! Anche se è probabile che non si tratti di una riduzione del rischio del 100 per cento, è comunque molto significativa e probabilmente in grado di ridurre il rischio di tumore della mammella allo stesso livello o quasi dei paesi con il più basso rischio di cancro al seno al mondo. Purtroppo lo iodio di Lugol alla massima concentrazione è disponibile solo su ricetta, in quanto un altro gruppo di “dipendenti pubblici”, questa volta della Drug Enforcement Administration (DEA) ha deciso che molti di noi potrebbero diventare spacciatori di droga se fossimo liberi di acquistarlo. Dal sito web della DEA23: “Di fronte alla crescente minaccia dell’abuso di metamfetamina negli Stati Uniti e alla facilità con cui la metanfetamina viene prodotta clandestinamente utilizzando lo iodio, la DEA sta aumentando i controlli normativi sullo iodio nel tentativo di impedire il dirottamento di iodio verso i laboratori clandestini di droga.” Ironia della sorte, questo stesso sito afferma anche: “La DEA attualmente non ha prove che la soluzione di Lugol venga deviata come fonte di iodio per scopi illeciti.” Poiché (qualunque sia la ragione) è necessaria una ricetta per lo iodio di Lugol alla massima concentrazione, consultate il vostro medico esperto e competente in medicina naturale. (La soluzione di Lugol disponibile online è regolamentata in modo significativamente, a volte molto significativamente, più debole rispetto alla massima concentrazione.) [...]

La dieta tradizionale giapponese era ricca di fonti naturali di iodio.

 

Perché non prendere una tavoletta?

Le compresse di iodio/ioduro, ad esempio lo iodoral ampiamente disponibile sul mercato, assunte una volta al giorno ridurranno significativamente il rischio di cancro al seno. Il contenuto di iodio e ioduro di una
di queste compresse è il doppio della quantità presente in una goccia di iodio di Lugol. Alcuni medici esperti e competenti in medicina naturale considerano questa quantità troppo vicina all’estremità inferiore di quella
necessaria a eliminare la funzione tiroidea nel tempo, mentre altri medici esperti e competenti in quest’area non la pensano così. Poiché ognuno di noi è un individuo a sé, se state pensando di utilizzarlo sotto forma di compressa, verificate col vostro medico (sì, uno esperto e ben informato in medicina naturale!). Ovviamente, un modo più sicuro per utilizzare queste tavolette di iodio/ ioduro in concentrazioni più alte è usarne una a giorni alterni. Tuttavia, (a mio parere, non ci sono ricerche su questo punto) lo sfregamento dello iodio direttamente sul seno garantisce che esso sia effettivamente presente nella massima concentrazione; se si forma una cellula di cancro al seno, è più probabile che lo iodio sia in loco per combinarsi tempestivamente con il grasso naturale presente nel seno per formare lo iodolattone (descritto nell'articolo integrale, ndr) ed eliminare le cellule del cancro al seno!

Continua su:

Clicca qui per acquistare la rivista