Intervenendo ad un dibattito organizzato dal comitato inglese contro la guerra, Mehmet, un profugo afghano, ha ricordato che "nell'assurdità violenta e drammatica di questa guerra condotta da Usa e Gran Bretagna contro il mio paese, c'è una cosa che rende ancora più tragico quello che sta succedendo: bin Laden è un prodotto del vostro mondo, di quel mondo occidentale e civilizzato che oggi spara missili contro la popolazione inerme e ridotta alla fame dell'Afghanistan".

Ha ragione Mehmet, si è detto e scritto ormai tante volte. Ma la memoria dei "potenti", come si sa, è corta. Cortissima quella di Tony Blair, alleato di ferro del presidente americano George W. Bush, che promette di "distruggere il terrorismo in maniera permanente e totale" e che lancia la sua "fatwa" civile e occidentale contro bin Laden e il regime dei Taleban che lo proteggono, "un governo retrogrado, che non rispetta i diritti umani e che tratta le donne senza alcun rispetto e in maniera violenta e repressiva". Anche con i soldi inglesi.

La memoria corta di Blair fa sì che nessuno o quasi parli più di quanto stretti fossero i legami di bin Laden con il Regno unito e non solo negli anni '80, quando cioè Whitehall e Washington pompavano miliardi nelle casse dei "guerrieri musulmani" impegnati a combattere i sovietici in Afghanistan. Nel 1994 Osama bin Laden arrivò indisturbato a Londra, visse a Wembley per qualche mese, il tempo per mettere in piedi un ufficio nella capitale noto con il nome di "Advisory and Reformation Committee". Il portavoce del comitato, impegnato a lanciare fatwa e a inneggiare alla jihad via fax dal suo appartamento a Dollis Hill, era il "rispettabile" uomo d'affari saudita Khalid al-Fawwaz.

Da Londra al-Fawwaz, amico di molti giornalisti e personalità, organizzava viaggi e interviste nella base di bin Laden in Afghanistan e nel frattempo faceva propaganda soprattutto contro il regime saudita. Ad un certo punto i legami di bin Laden con la Gran Bretagna erano diventati talmente forti (e imbarazzanti) che il governo americano si trovò di fronte alla richiesta di inserire anche il Regno unito nella lista nera dei paesi che sponsorizzavano il terrorismo. Non solo: molti dei stati arabi oggi considerati possibili obiettivi da Blair e Bush, avevano apertamente accusato la Gran Bretagna di offrire ospitalità a estremisti musulmani ricercatissimi.

Negli anni '80, quando il nemico da combattere era l'Unione sovietica, i corpi speciali di sua maestà, le Sas, offrivano (in Scozia) addestramento ai "guerrieri musulmani" che ricordano con una certa gratitudine la tappa inglese, prima di andare ad arruolarsi nell'esercito di bin Laden. Almeno duemila persone l'anno (negli anni '80 e '90), la maggior parte sostenitori della Jihad, fecero di Londra la loro base per chiamare a raccolta i fratelli musulmani e prepararli alla guerra santa: avevano scelto l'Inghilterra per le "tradizioni di democrazia e giustizia". Ma oltre a predicare e addestrarsi, raccoglievano fondi e riciclavano denaro sporco destinato alle organizzazioni come quella di bin Laden.
Oggi il governo Blair ha messo al bando praticamente tutte le organizzazioni mediorientali e non solo quelle: la nuova legge antiterrorismo infatti è tra le più repressive e onnicomprensive (il concetto di terrorismo è estremamente ampio e quindi applicabile anche a tre amici con materiale ritenuto sovversivo) d'Europa.
Non è un caso dunque che di fronte alle accuse del parlamento francese - la Gran Bretagna continua ad essere un paradiso per il riciclaggio di denaro sporco da parte delle organizzazioni terroristiche - il premier Tony Blair abbia reagito in maniera molto poco diplomatica liquidando il rapporto come "offensivo, male informato, pieno di errori e quindi totalmente inesatto". Ma nelle 400 pagine redatte dal socialista Arnaud Montebourg si spiega in dettaglio come la City abbia permesso l'espansione del riciclaggio, grazie al suo severo codice di confidenzialità. Nonostante la dura reazione di Blair, il rapporto ha trovato conferme nell'indagine che da mesi la Bbc News Online sta conducendo. Anche i giornalisti britannici sono arrivati alla conclusione che il sistema messo in atto dal governo per combattere il riciclaggio di denaro sporco è totalmente inadeguato.