Alla fine degli anni '70, durante la costruzione di un rifugio antiatomico, tra le macerie fu trovato un vaso in frantumi. Gli archeologi sono rimasti sconcertati dagli strani disegni sul recipiente, che risale al 2600 a.C., fino a quando il dottor Aleksandar Durman ha finalmente decifrato il codice: era un calendario. Tuttavia, a differenza dei calendari egizi o sumeri contemporanei, questo calendario europeo non era basato sul sole o sulla luna ma piuttosto sulle stelle. Al centro della mappatura delle stagioni c'era la costellazione che prende il nome dal nobile cacciatore greco, Orione.

Il vaso è stato portato alla luce il 21 marzo 1978, durante la costruzione di quello che oggi è l'Hotel Slavonija a Vinkovci, in Croazia. Gli archeologi lo riconobbero subito come un artefatto dell'antica cultura Vučedol, che fiorì sulle sponde occidentali del fiume Danubio tra il 3000 e il 2200 a.C. Tuttavia, sebbene i ricercatori sapessero che apparteneva al popolo Vučedol, il modello non venne decodificato per diversi decenni.

Mappa della cultura Vučedol. (Dominio pubblico)

La società Vučedol era contemporanea agli inizi di Troia, dell'Antico Regno d'Egitto e dell'impero sumero in Mesopotamia. A differenza di tali civiltà, i Vučedol erano di origine indoeuropea e quindi non adoravano la luna. Era il sole che i Vučedol veneravano ma anche quello non poteva aiutarli a capire le stagioni in quanto vivevano al 45° parallelo. Come molti nell'emisfero settentrionale sanno, il sole non sorge e tramonta nello stesso posto durante tutto l'anno, come accade all'Equatore. Così, il Vučedol guardava invece ai movimenti ordinati delle stelle.

Di estrema importanza era Orione, una costellazione facilmente riconoscibile dalla cintura del cacciatore, che è formata da tre stelle luminose in linea retta. Nella regione in cui vivevano i Vučedol, Orione calava sotto l'orizzonte e scompariva per tutta l'estate.
"Ai tempi della cultura Vučedol, la cintura di Orione, che è la costellazione invernale dominante, scendeva sotto l'orizzonte esattamente il 21 marzo, segnando così l'equinozio di primavera", ha affermato il dottor Aleksandar Durman. I Vučedol si resero conto che Orione segnava l'inizio di un nuovo anno. Da questo semplice fatto, hanno potuto costruire un intero calendario dell'anno.

La Costellazione di Orione come può essere vista ad occhio nudo (CC BY-SA 3.0)

Questo calendario può essere osservato sul vaso trovato nel 1978. Il motivo decorativo è suddiviso in quattro file, una per ogni stagione. La fila più bassa, vicino al fondo del contenitore, rappresenta la primavera. Il vaso è rotto, quindi non si possono vedere tutti i quadranti per ogni riga, ma le immagini che rimangono nella prima fila raffigurano il Sole e la cintura di Orione.

La seconda fila rappresenta l'estate. I quadranti di questa raffigurano le Pleiadi, il Cigno e Cassiopea, costellazioni ugualmente importanti che furono usate anche dai Greci per determinare i movimenti dei cieli. Cassiopea, in particolare, è utile per raccontare il periodo dell'anno. Durante l'estate, le cinque stelle formano una forma a W. Con l'avanzare dell'anno, quella W ruota finché, quando arriva l'inverno, le cinque stelle hanno la forma di una M. La leggenda greca narra che la regina Cassiopea fosse stata incatenata al suo trono e condannata a girare per sempre nel cielo perché aveva affermato che sua figlia era più bella degli dei.
La terza riga rappresenta l'autunno. I quadranti di questa riga mostrano le Pleiadi, i Gemelli e i Pegaso/Pesci. Infine, la riga superiore rappresenta l'inverno. Qui si può vedere il simbolo di Cassiopea capovolto di 180 gradi così come Pegaso/Pesci, le Pleiadi, i Gemelli e il ritorno della costellazione invernale dominante, Orione.
Sebbene lo schema non possa essere noto con certezza, dato lo stato in cui si trova il vaso, i ricercatori ritengono che ogni riga avesse originariamente 12 quadranti, che potrebbero corrispondere al numero di settimane di ogni stagione.
La società Vučedol era altamente strutturata. Sono state trovate prove di personaggi Vučedol apparentemente assai considerati, sepolti con gioielli d'oro. Inizialmente pastori di bestiame, i Vučedol padroneggiarono l'arte della fusione del rame intorno al 3000 a.C. Lavorare il rame non solo forniva vantaggi economici, ma era anche considerato una potente magia. Il rango più alto della società Vučedol era quindi quello dei ramai, una casta dominata dagli sciamani. Si credeva che questi sciamani-fabbri fossero in grado di raggiungere il cuore stesso della Terra e trarne la linfa vitale rappresentata dal rame.

Inoltre, lo sciamano-fabbro fu in grado di manipolare il minerale attraverso processi naturali al fine di alterarne la natura e servire meglio gli esseri umani. Va ricordato che la fusione del rame non è un'impresa facile. Il fabbro sciamano doveva sapere come evitare il gas velenoso, l'arsenico, che è insito nella fusione del rame. Col tempo, il fabbro sciamano avrebbe perso la capacità di coordinare i movimenti del corpo mentre l'arsenico, mai del tutto evitabile, lo uccideva lentamente. Nella cultura Vučedol, le persone nascevano nelle loro caste e professioni.

FONTI:

AFP. "Oldest European Calendar 'deciphered'" Oldest European Calendar 'deciphered' Independent Online, 22 May 2001. Web. 14 July 2016. < http://www.iol.co.za/scitech/technology/oldest-european-calendar-deciphered-66747>.

Durman, Aleksandar. ORION The Oldest Indo-European Calendar. Publication. Vinkovci Tourist Board, n.d. Web. < http://www.tz-vinkovci.hr/files-tzv/file/ORION_ENG_SMALL.pdf>.

Krajnovic, Davor. "Vučedol's Orion." Davor's Current Research. The University of Leinde, The Netherlands, 17 May 2010. Web. 14 July 2016. < http://www.davor.krajnovic.org/vucedol/index.html>.

Stajfer, Josip. "Orion - the Oldest European Calendar." Orion - the Oldest European Calendar. Vucedol Culture, 2003. Web. 14 July 2016. < http://www.oocities.org/vucedol_culture/Orion.htm>.

Fonte dell'articolo: https://www.ancient-origins.net/artifacts-other-artifacts/oldest-known-calendar-europe-based-orion-constellation-006296