relative al fly-by di Hyperion, una delle Lune Minori del Gigante Anellato, occorso durante l'ultimo week-end di Settembre 2005.

Una serie di alcune decine di frames ad elevata definizione (e come non ne vedevamo da tanto, tanto tempo) che mostrano dettagli incredibili di questo piccolo mondo "poroso" e perciò simile, se si vuole, ad una pietra pomice gettata nello spazio.

Hyperion, forse, è una cometa mancata.

Molti pensano che si tratti di un KBO (Kuiper's Belt Object) e cioé un Corpo Celeste originariamente collocato nei recessi del Sistema Solare e quindi proiettato verso il suo interno - ergo verso il Sole - a seguito di eventi ignoti ma indubbiamente - e, forse, violentemente - modificativi dal suo stato originario (impatti, influenze mareali di origine sconosciuta e chi più ne ha, più ne metta).

Questo piccolo Corpo Celeste, tuttavia, durante la sua "corsa" verso le Regioni più interne del Sistema Solare, dopo aver schivato Nettuno ed Urano, ebbe la sventura di avvicinarsi troppo a Saturno.

La conseguenza del passaggio eccessivamente ravvicinato accanto al "Signore degli Anelli" fu la cattura da parte del suo fortissimo abbraccio gravitazionale ed il successivo imprigionamento su un'orbita - diremmo relativamente - stabile, a circa 1,5 milioni di Km di distanza media da Saturno stesso.

Ma ecco qualche informazione su Hyperion (necessaria per capire meglio la incredibile leggerezza commessa dalla NASA e dai suoi Scienziati...):

"...Le immagini delle Sonde Voyager - nonchè le successive analisi fotometriche eseguite da Terra - sembrano indicare che la rotazione di Hyperion è caotica.

Ad esempio, il suo asse di rotazione oscilla così tanto da rendere imprevedibile il suo orientamento nello spazio.

Hyperion è attualmente l'unico corpo conosciuto del Sistema Solare che ruota caoticamente (molti Ricercatori dicono che Hyperion NON si muove nello spazio, ma "rotola" nello Spazio...), ma le simulazioni operate a Terra sembrano indicare che anche altri corpi celesti irregolari si sìano comportati - e tutt'ora si comportino - allo stesso modo (dovremmo però andare a vedere più da vicino qualcuna delle lune minori di Urano e Nettuno per averne la certezza).

Hyperion è peculiare (se non unico), comunque, non solo per il fatto di avere una forma profondamente irregolare, ma anche perché la sua orbita, altamente eccentrica, lo porta sia a subire in maniera eclatante gli impulsi gravitazionali-mareali di Saturno, sia quelle di un altro grande satellite (Titano), al quale Hyperion si avvicina periodicamente.

La combinazione di questi fattori può spiegare, in fondo, la sua rotazione caotica.

Non dimentichiamo, poi, che anche l'orbita risonante, in rapporto di 3 a 4, fra Titano ed Hyperion (significa che per ogni tre orbite di Titano attorno a Saturno, Hyperion ne compie quattro) potrebbe contribuire all'irregolarità della rotazione di quest'ultimo.

Tutte le Lune Saturniane conosciute - tranne Phoebe - hanno il periodo di rotazione uguale a quello di rivoluzione, il che significa che esse finiscono con il mostrare sempre la stessa faccia a Saturno (così come avviene alla nostra Luna).

Tutte le Lune Saturniane, inoltre, tranne Phoebe e Iapetus, hanno un'orbita circolare attorno al piano equatoriale del pianeta-madre.

La distanza media di Hyperion da Saturno è di circa 1,5 milioni di Km; il periodo di rivoluzione di 21 giorni, 6 ore e 39 minuti. Sebbene, come detto, la forma di Hyperion sia fortemente irregolare, abbiamo calcolato che il suo raggio medio è di circa 125 km.

Nel sistema di Saturno ben sei lune hanno dei periodi collegati fra loro da rapporti semplici: il periodo di Mimas è 1/2 di quello di Thetys; il periodo di Enceladus è 1/2 di quello di Dione; il periodo di Hyperion è 4/3 di quello di Titano..."

Ora, sebbene non possediamo dati più precisi sul periodo di rotazione "caotico" di Hyperion, è un dato comunque acquisito che la Sonda Cassini viaggi - attualmente - ad una Velocità Media di circa 6 Km al secondo (parliamo di Velocità Media poichè sappiamo che essa, essendo sempre e comunque soggetta agli impulsi gravitazionali di Saturno e di tutti gli altri mondi accanto ai quali transita, ora più da vicino ed ora da più lontano, subisce delle interferenze che, in misura maggiore, intervengono sulla sua rotta e sulla sua velocità. Una velocità che, di conseguenza, in alcuni momenti e per alcuni periodi si trova ad aumentare mentre, in altri momenti e periodi, decrescerebbe).

Ad ogni modo, rispettando la regola della Velocità Media di cui sopra, possiamo ragionevolmente ritenere che Cassini percorra 60.000 Km. in 10.000 secondi e cioè in 2 ore e 44 minuti circa (con media oraria di circa 21.600 Km).

Ora le foto "raw" diffuse sul Sito NASA-Cassini ci mostrano che Hyperion, mentre Cassini gli si avvicina, NON CAMBIA angolazione.

In altre parole, mentre Cassini si avvicina ad Hyperion (e lo fotografa a ripetizione) NON è tuttavia possibile cogliere alcun movimento (né regolare, né caotico) di questo piccolo ma affascinante Corpo Celeste.

Guardate BENE!!!

distanza: 180.000 Km

{mosimage}

distanza: 120.000 Km (dopo circa 3 ore)


{mosimage}

distanza: 60.000 Km (dopo circa altre 3 ore)

{mosimage}

Ma adesso arriva il "bello" (si fa per dire...): considerando che la Cassini non deve affatto schiantarsi su Hyperion, bensì solo rasentarlo, la lievissima rotazione apparente che si coglie nelle foto riprese a distanza di quasi 6 ore l'una dall'altra - ed a meno di coincidenze fra l'orbita della Sonda ed il movimento di Hyperion (ipotesi, questa, più assurda che impossibile) - è spiegabile solo con la semplice variazione dell'angolo visuale dalla Sonda durante l'avvicinamento (ossìa la veduta di Hyperion muta leggermente, nelle diverse immagini, perchè è Cassini a spostarsi rispetto ad Hyperion il quale...sarebbe sostanzialmente immobile).

Certo: qualche Ricercatore potrebbe legittimamente obiettare - speculando, poichè i dati certi non sono ancora noti - che il periodo di rotazione di Hyperion potrebbe essere "caoticamente" molto lento e che 6 ore non sarebbero mai e poi mai sufficienti per vederlo - sempre "caoticamente" - cambiare posizione davanti agli occhi delle Telecamere della Sonda Cassini.

Va bene, diciamo anche di sì, ma allora perchè nel precedente fly-by...

distanza: 173.000 Km

{mosimage}

distanza: 167.000 Km (dopo circa 20 minuti)

{mosimage}

...bastarono 20 minuti (20 minuti, si badi, e NON 6 ore!) per vedere Hyperion girare e rivoltarsi su sè stesso come un pesce fuor d'acqua?!?

Conclusioni: le immagini dei due fly-bys sono intrinsecamente contraddittorie e, a ben guardare, nelle immagini del fly-by di Hyperion occorso alla fine della settimana scorsa qualcosa non deve aver funzionato a dovere.

Perché? Perché, delle due, l'una:

1) o Hyperion, rispetto alla Sonda Cassini che si stava avvicinando, era - praticamente - fermo (e se questo fosse vero allora avremmo inequivocabilmente smentito la genuinità delle immagini del precedente fly-by di Hyperion, riprese dalla stessa Cassini qualche mese fa - oltre ad aver gettato delle nuove basi documentali per riscrivere la storia del moto di questa piccola luna...) o

2) Cassini, per non aver "colto" nelle sue fotografie il "caotico&costante" rivoltarsi di Hyperion (come dimostrato dalle precedenti immagini NASA), dovrebbe aver coperto una distanza di circa 65.000 Km in - diciamo - più o meno 3 minuti (il che significa viaggiando ad una media di circa 1,3 milioni di Km all'ora).

C'è qualcosa che non va, non credete?

Ma alla NASA sanno quello che fanno e che dicono o, magari, si limitano a pensare - semplicemente - che l'intera Opinione Pubblica sia fatta da "poveri sempliciotti"?

O queste incredibili incongruenze sono un "segnale" gettato verso l'esterno?

O forse ci stiamo sbagliando noi...