La crisi politica del Kazakistan è molto probabile che sia stata sfruttata da attori stranieri alla maniera di alcune delle cosiddette "rivoluzioni di velluto" degli ultimi anni. Non si parla molto, però, di come la questione del "mining" delle criptovalute abbia a che fare con la crisi, dato che nel 2021 il Kazakistan è diventato il secondo centro al mondo per questo tipo di estrazione. 
In realtà, la crisi ci mostra anche l'importanza geopolitica e strategica della questione delle valute digitali. 
Le criptovalute (Bitcoin è la più famosa) sono una sorta di valuta digitale online, e come tali sono fondamentalmente collezioni di dati in codice binario, impiegati come mezzo di scambio, come un bene digitale. 
Di solito non sono emesse da nessuna autorità centrale, e l'intero settore ha sollevato preoccupazioni circa il riciclaggio di denaro, le truffe, la tassazione e altre questioni, e così alcuni governi hanno spinto per una regolamentazione, specialmente nel 2021. 
Nelle reti di criptovalute, il "mining" è la convalida delle transazioni e anche il 
processo attraverso il quale vengono create o "coniate" nuove monete digitali, aggiornando nuovi blocchi di dati in una blockchain (servendo così allo scopo di scambiare "lavoro" per pagamento).  
Così facendo, i "minatori" ottengono nuove criptovalute come ricompensa, il che diminuisce le spese di transazione e crea incentivi. Il lavoro, tuttavia, è eseguito dai computer. Questa industria ha creato una sorta di corsa agli armamenti per macchine più economiche ed efficienti in grado di eseguire i complessi algoritmi necessari per operazioni così difficili. 
L'estrazione di criptovalute potrebbe sembrare una questione "astratta", ma in realtà 
consuma grandi quantità di energia e quindi ha un impatto indiretto sull'ambiente e sulle 
risorse naturali. Richiede un sacco di potenza del computer, il che significa un sacco di elettricità, per non parlare dei rifiuti elettronici dovuti alla rapida obsolescenza dell'hardware utilizzato. 
La provincia cinese del Sichuan è stata uno dei principali centri di estrazione di criptovalute, essendo sede di diversi centri dotati di innumerevoli processori di computer. Questo è stato possibile grazie al gran numero di centrali idroelettriche lì, che permettono un'elettricità più economica. 
Ma le cose sono cambiate. La Cina, una volta un hub globale per il mining, abbastanza inaspettatamente ha vietato il mining di Bitcoin nel giugno 2021, rendendo tutte le transazioni illegali. 
Di conseguenza, gli Stati Uniti sono diventati il leader del crypto mining. Anche il Kazakistan l'ha abbracciato, col conseguente boom del mining di criptovalute. Quest'ultimo è cresciuto così rapidamente che nell'ottobre 2021 ci sono stati rapporti che tale pratica ha preteso il suo pedaggio sulla fornitura di energia elettrica in alcune città. 
L'argomento stesso delle criptovalute fa parte del tema più ampio delle valute digitali in 
generale, comprese quelle (digitali) delle banche centrali. Queste sono centralizzate, a differenza della maggior parte delle altre, e quindi permettono la riscossione delle tasse, la prevenzione di attività illecite, quella della riduzione del reddito da signoraggio, nonché molti altri vantaggi. Pechino può aver bandito i Bitcoin, ma ha anche creato la propria valuta digitale, il cyber yuan, un 
tipo di denaro che non è legato al sistema finanziario dominato dal dollaro. 
Diversi stati sono interessati a controllare non solo le valute digitali, ma anche internet 
stesso, un argomento correlato – e questa non è necessariamente una cosa negativa. La storia stessa di internet è intrecciata con le agenzie governative, e lo sarà sempre. 
Naturalmente, il World Wide Web stesso (Internet) risale all'Advanced Research Projects Agency Network (ARPANET), che fu fondata dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA). 
Nel 2013, l'allora presidente brasiliano Dilma Rousseff voleva dirigere il traffico internet lontano da 
Washington, nel tentativo di contrastare lo spionaggio della NSA: l'audace piano prevedeva la creazione di un sistema di cavi sottomarini in fibra ottica che avrebbe praticamente incanalato tutto il traffico internet tra il continente sudamericano e l'Europa, bypassando così gli Stati Uniti, ma non ebbe seguito. Quindi, nella nostra epoca, sia il regno delle valute digitali che il regno stesso di internet diventano un'arena per la disputa geopolitica. 
Per quanto riguarda quest'ultimo, la Russia, per esempio, ha già progredito verso un tale obiettivo con lo sviluppo di un proprio (in costruzione) internet interno (intranet nazionale) chiamato RuNet, e così hanno fatto anche altri paesi: si parla molto della rete informativa nazionale iraniana, la rete 
Kwangmyong della Corea del Nord e del cosiddetto Grande Firewall cinese, ma non si parla molto dei piani di Washington per creare la propria Internet quantistica nazionale, come annunciato dal 
Dipartimento dell'Energia, a seguito del National Quantum Initiative Act, firmato in legge dall'allora 
Presidente Donald Trump nel dicembre 2018. 
Viviamo in un'epoca di pirateria online, spionaggio, pornografia infantile, terrorismo, attacchi hacker e sofisticate operazioni di riciclaggio di denaro. Allo stesso modo la zona caotica di internet dovrà alla fine essere circoscritta sotto il segno della legge e dell'ordine, come pure alla fine dovranno esserlo anche le valute digitali. 
 
Da InfoBRICS.org, 12 gennaio 2022, https://is.gd/b29rbN