Il diciannovesimo secolo è talmente ricco di segreti che i rinomati scrittori di fantascienza del 20° secolo avrebbero dovuto piuttosto guardare al passato. Ma a quell'epoca questa conoscenza non era disponibile per l'uomo comune. Fortunatamente è arrivata l'era digitale, che tra gli altri vantaggi ha reso disponibili gli archivi digitali di documenti e di foto da tutti gli angoli della Terra.

Spulciando fra gli archivi di vecchie foto, ti ritrovi a pensare di stare scrivendo un romanzo di fantascienza. Ma è davvero fantascienza?

È piacevole lavorare con gli archivi digitali del Brasile, dove la censura non era sufficientemente motivata. A volte vi trovi cose utili. Se le foto della Biblioteca Nazionale della Nuova Zelanda mostrano i suoi tetti tagliati, che possono essere osservati anche a occhio nudo in tutte le foto,

l'archivio brasiliano ha qualcosa da far vedere. Ma non allontaniamoci dall'argomento e leggiamo un po' di fantascienza.
Una volta, c'erano paesi in cui si potevano trovare tram di questo genere (guarda la foto principale). Sembrano normali tram, ma senza pantografo e fili. Ho già scritto a proposito di questi tram in vari paesi.

C'era stata una discussione su questi tram ed ero abbastanza convinto che non vi fossero miracoli sulla loro funzionalità, l'energia elettrica veniva trasmessa dalle rotaie. Ma quei lettori che conoscono una o due cose di ingegneria sarebbero scettici in proposito. È chiaro che la trasmissione di corrente elettrica in questo modo comporterebbe grandi dispersioni di energia. I tram avrebbero anche smesso di funzionare ogni volta che iniziava a piovere. Ma i tram funzionavano regolarmente, non solo una volta nel corso di un giro di prova.

Se osservate attentamente, non vedrete alcun filo attaccato al tram, mentre il carico utile che trasporta è considerevole. Inoltre, gli interni di tali tram sono decisamente sorprendenti.

Si scopre che c'erano tram di lusso. È difficile immaginare qualcosa di simile da qualche parte nel nostro paese. Tuttavia, esistevano, e all'incirca cento anni fa. Sono particolarmente incuriosito dalla cupola sul soffitto. Cosa c'è dentro? Se l'illuminazione è già lì, allora probabilmente c'è qualcos'altro. Potrebbero esserci degli altoparlanti? Probabilmente no, troppo audace per quel tempo. Ma a giudicare dai materiali d'archivio di quegli anni, non sappiamo molto di quel periodo, quindi non si può escludere nulla. Ad esempio, in quegli anni si svolgevano esposizioni (fiere) di questo genere:

Questa è solo una fiera dell'elettricità a Parigi (1881). Se si ingrandisce e si osserva attentamente, si noterà che l'intero padiglione è colmo di strani oggetti, la maggior parte dei quali non assomiglia a familiari dispositivi generatori di elettricità. Ma per qualche motivo, ci sono molti modelli simili a chiese, apparati, aste e altri oggetti che hanno delle mini-cupole. Stranamente, molte lampadine sono accese e si illuminano. Potrebbe esserci un cavo di alimentazione esterno o sono solo batterie? Una fantasiosa speculazione: e se quelle mini-cupole, come nella foto che segue, fossero la fonte di energia?

Nel catalogo, sono modestamente chiamati prodotti industriali. Apparentemente buoni prodotti. Uno di essi sembra addirittura una menorah, e probabilmente non solo per ragioni estetiche.

Probabilmente si illuminava dopo essere stato posizionato sul lampadario e con una lampada dal design speciale all'interno. Si potevano allestire anche in modo leggermente diverso.

Se si osserva attentamente, le lampade gemelle si muovono su e giù per mezzo di sospensioni. Ma dove sono i cavi elettrici o i tubi del gas (se c'è del gas)? Il segreto principale dietro al funzionamento della lampada probabilmente verte sul contrappeso, in particolare a qualcosa al suo interno. Per quanto ne so, si chiama tain (amalgama di stagno).

Ovviamente tali elementi non venivano realizzati solo per i lampadari.

Apparentemente, venivano massicciamente installati su pali, fornendo ai nostri tram l'energia per muoversi. Ma poi è successo qualcosa e i tram sono stati commutati ad un altro tipo di alimentazione, come avrete già notato in questa foto. Però le mini-cupole rimasero ancora in piedi per qualche tempo dopo, probabilmente nascoste nelle case vicine dove potevano ancora essere utilizzate, o forse qualcuno si era semplicemente dimenticato di smantellarle. Capita. Come possiamo essere sicuri di qualcosa se persino i bagni pubblici sembravano provenire da una fiera?

Questo è una specie di modello della cupola di San Pietro, ma per qualche altro scopo. Anche l'intelaiatura del fondo della cupola veniva realizzata per un motivo.

Se riuscite a immaginare come sia la geometria frattale, potete osservarla qui nella sua forma pura. L'intera frangia qui non è per bellezza. Questo tipo di tetto non è altro che un modello modificato della sommità della cupola di una chiesa ortodossa, dove nella parte superiore si trovano due sfere, il materiale metallico delle travi forma una testa e nel nostro caso il pomello sopra la sfera viene spostato dall'alto verso il basso e disperso lungo il perimetro del tetto. Dal punto di vista tecnico sembra assai idoneo, ma qualsiasi manutenzione a tale altezza sarebbe complicata. Lo stesso principio viene utilizzato anche nelle seguenti strutture:

Paesi così fantastici, dove non era necessario estrarre petrolio e scatenare guerre per esso, si trovavano in tutti i continenti in cui esisteva la civiltà, fino a quando una ristretta cerchia di persone inventò un ingegnoso sistema per arricchirsi. Ma questa è completamente un'altra storia.

Ma poiché abbiamo iniziato a discutere di cupole e di sfere, dovremmo guardare qualcos'altro.

Qualcuno ha mai visto sfere su cupole di vetro? Probabilmente no. Inoltre non si possono incastonare con lampade in questo modo. Quindi, come può questa sfera brillare come una gigantesca lampadina? Inoltre, la luminosità della sfera nella prima foto diminuisce uniformemente, il che contraddice tutte le leggi fisiche. Un altro po' di fantascienza. Ma questo è nulla rispetto a un generatore che avesse sufficiente energia per alimentare contemporaneamente tutte quelle illuminazioni. Molto probabilmente, se fossero lampade a incandescenza, la potenza sarebbe considerevole. Ritorniamo mentalmente all'immagine della fiera sull'elettricità. Esistevano generatori di potenza sufficiente che potevano convertire l'elettricità atmosferica in energia utilizzabile, ad esempio per il funzionamento di dispositivi meccanici?

Probabilmente sì... um.... Nessun tubo in entrata o in uscita, nessun manometro. Questo non è un serbatoio per la produzione di birra. Vi ricorda qualcosa?

È una cappella con una presa per l'approvvigionamento idrico, situata in una normale città dell'Impero russo (ovviamente molto tempo fa). All'interno di questa cappella c'era una pompa per l'acqua in profondità, che la inviava al primo livello dell'edificio. Ma le valvole del motore erano probabilmente all'interno. Una versione precedente della foto ha quelle valvole visibili, ma invece della pompa, la trasmissione è collegata al sistema di distribuzione collettiva. Un sistema alquanto sofisticato.

(Fonte: tart-aria.info)