Abbiamo a lungo sospettato che le organizzazioni di fact-checking non siano altro che un bieco meccanismo di censura più interessato a manipolare le opinioni che a stabilire fatti reali, ma ora abbiamo la prova assoluta, grazie a una causa intentata contro Facebook dal giornalista John Stossel. 
Nel 2020, un fact checker di Facebook chiamato "Science Feedback" ha schiaffato le etichette "Falso" e "Mancanza di contesto" su due video postati da Stossel. I video presentavano interviste di Stossel con esperti che discutevano il ruolo trascurabile del cambiamento climatico negli incendi della California del 2020. Mentre non negavano che il cambiamento climatico 
fosse reale, proponevano che ci fossero altri fattori che probabilmente contribuiscono di più, come la cattiva gestione delle foreste. 
Perché i suoi video sono stati segnalati come disinformazione? Secondo i fact checker di Facebook, Stossel stava "fuorviando" le persone quando ha affermato che "gli incendi boschivi sono causati dalla cattiva gestione delle foreste, non dal cambiamento climatico". Ma secondo Stossel, in realtà egli non ha mai fatto questa affermazione. 
Secondo lui, le etichette hanno danneggiato la sua reputazione di giornalista investigativo e hanno provocato una perdita di lettori. È interessante notare che quando Stossel ha contattato Science Feedback per i suoi fact check, due revisori hanno accettato di essere intervistati. Per quanto riguarda il primo video che è stato segnalato, hanno ammesso di non averlo mai 
guardato. Nel caso del secondo video, un recensore ha spiegato che "non gli piaceva il suo tono". Come notato dal New York Post
"Insomma, non si può scrivere nulla sul cambiamento climatico a meno che non si dica che è il peggior disastro nella storia dell'umanità e che dobbiamo spendere trilioni per combatterlo". 
"Il problema è l'omissione di informazioni contestuali piuttosto che i 'fatti' specifici sono sbagliati", ha detto il fact checker a Stossel, che afferma: 
"Va bene se alla gente non piace il mio tono. Ma Facebook dichiara il mio post 'parzialmente falso', un termine che definisce sul suo sito web come comprendente 'imprecisioni fattuali'. Il mio video non contiene inesattezze fattuali... Voglio che Facebook impari che la censura – specialmente la censura sciatta e maliziosa, la censura senza alcun processo di appello significativo – non è la strada da percorrere. Il mondo ha bisogno di maggior libertà di discutere le cose, non 
meno". 
Quindi, Stossel ha fatto causa per diffamazione, e qui viene il bello, perché per difendere Facebook, i suoi avvocati hanno dovuto almeno temporaneamente dire la verità. Nel loro documento legale, sostengono che i fact check sono protetti dal Primo Emendamento perché sono opinioni, non affermazioni di fatti! Commentando il caso, il blogger sui cambiamenti climatici Anthony Watts scrive: 
"Facebook ha appena fatto saltare l'affermazione del 'fact check' in tribunale. Nella sua risposta alla citazione per diffamazione da parte di Stossel, Facebook risponde a pagina 2, riga 8 del documento del tribunale, che Facebook non può essere citato in giudizio per diffamazione (che è fare un'affermazione falsa e dannosa) perché i suoi 'fact check' sono semplici dichiarazioni di opinione piuttosto che affermazioni di fatto. 
"Le opinioni non sono soggette a reclami per diffamazione, mentre le false affermazioni di fatto possono essere soggette a diffamazione... Così, in un tribunale, in un documento legale, Facebook ammette che i suoi 'fact checks' non sono realmente controlli di 'fatti', ma semplicemente 'opinioni'. 
"Questo mi appare come un disastro di pubbliche relazioni, e forse un incombente disastro legale per Facebook, PolitiFact, Climate Feedback e altre entità di sinistra che si impegnano in 'fact checking' di parte. 
"Tali 'fact checks' ora si dimostrano essere semplicemente un'agenda per sopprimere la libertà di parola e la discussione aperta della scienza, mascherando l'attivismo liberale dei media come qualcosa di presumibilmente fattuale, nobile, neutrale, degno di fiducia, e basato sulla scienza. Non è niente di tutto questo". 
 
Facebook censura il British Medical Journal
Più di recente, Facebook ha addirittura censurato il British Medical Journal (BMJ) per un articolo che evidenziava potenziali problemi con la sperimentazione del vaccino COVID della Pfizer, e il BMJ è una delle più antiche e rispettate riviste mediche del mondo! 
All'inizio di novembre 2021, il BMJ ha pubblicato un rapporto di denuncia che sosteneva come ci fossero seri problemi di integrità nei dati sulla sperimentazione dei vaccini COVID della Pfizer. L'articolo è stato censurato da Facebook ed etichettato variamente come "falso", "parzialmente falso" o "contesto mancante". Alcuni utenti hanno riferito che l'articolo non poteva essere neanche condiviso. 
Il fact check di Facebook dell'articolo del BMJ è stato fatto da Lead Stories, un appaltatore di Facebook. Il titolo della sua confutazione di fact checking riportava: "Fact Check: Il British Medical Journal non ha rivelato rapporti squalificanti e Ignorati su difetti nelle prove del vaccino COVID-19 della Pfizer". 
In risposta, il BMJ ha sconfessato il fact check, definendolo "impreciso, incompetente e irresponsabile". In una lettera aperta indirizzata a Mark Zuckerberg di Facebook, il BMJ esorta Zuckerberg ad "agire rapidamente" per correggere il fact check errato, rivedere i processi che hanno permesso che si verificasse in primo luogo, e "a riconsiderare il suo investimento e l'approccio al fact checking in generale". Come notato dal BMJ nella sua lettera, il fact check di Lead Stories: 
- Si è riferito in modo impreciso al BMJ come a un "blog di notizie". 
- Non è riuscito a specificare qualsiasi affermazione di fatto che l'articolo del BMJ fosse sbagliato; e 
- Ha pubblicato il fact check sul sito web di Lead Stories sotto un URL che contiene la frase "allerta-bufala "   
Lead Stories ha rifiutato di affrontare le imprecisioni quando contattato direttamente dal BMJ. Il BMJ solleva anche "una preoccupazione più ampia" nella sua lettera: 
"Siamo consapevoli che il BMJ non è l'unico fornitore di informazioni di alta qualità ad essere stato colpito dall'incompetenza del regime di controllo dei fatti di Meta. Per fare un altro esempio, vorremmo evidenziare il trattamento da parte di Instagram (anch'esso di proprietà di Meta) riservato a Cochrane, fornitore internazionale di revisioni sistematiche di alta qualità. Invece di investire una parte dei sostanziosi profitti di Meta per aiutare a garantire l'accuratezza delle informazioni mediche condivise attraverso i social media, avete apparentemente delegato 
responsabilità a persone incompetenti nello svolgimento di questo compito cruciale. 
Il controllo dei fatti è stato un punto fermo del buon giornalismo per decenni. Quello che è successo in questo caso dovrebbe essere motivo di preoccupazione per chiunque apprezzi e si affidi a fonti come il BMJ". 

Fact-checkers proteggono l'agenda tecnocratica
Uno dei principali finanziatori dell'industria del falso fact-checking è l'industria farmaceutica. NewsGuard e altre organizzazioni di fact checking sono piene di conflitti di interesse di Big Pharma, e la loro parzialità a favore dell'industria farmaceutica è innegabile. 
Le organizzazioni di fact-checking sono anche chiaramente influenzate da organizzazioni tecnocratiche come il World Economic Forum, che sta guidando l'appello per un Grande Reset. NewsGuard, per esempio, è partner di Publicis, una delle più grandi società di PR del mondo che ha un enorme elenco di clienti Big Pharma, e Publicis a sua volta è un partner del World Economic Forum. 
NewsGuard ha anche ricevuto una gran parte del suo capitale iniziale da Publicis. Senza dubbio, Big Pharma e il Grande Reset sono strettamente intrecciati e lavorano insieme verso lo stesso obiettivo, il quale non è altro che il dominio del mondo e la schiavizzazione della popolazione globale sotto uno stato di polizia biomedica.
Per comprendere il potere esercitato dalle società di PR come Publicis, occorre anche rendersi conto che le PR hanno, a grandi linee, sostituito la stampa libera. Questo ha avuto un effetto devastante, e non credo di esagerare quando dico che sono state le PR mascherate da notizie a dare vita a tutto il fenomeno delle "fake news".
Tuttavia, in autentico doppio linguaggio orwelliano, questi stessi spacciatori di false notizie da PR affermano che tutti gli altri stanno spacciando notizie false. Vogliono farci credere che le loro pubbliche relazioni siano la verità, anche se in genere sono prive di dati e di fatti verificabili.
C'è un'organizzazione di verifica dei fatti su cui si possa fare affidamento? La risposta semplice e diretta è no. Esistono tutte per un unico scopo: metaforicamente "urlare più forte" di chiunque le cui opinioni differiscano da quelle ufficialmente sanzionate dalla narrativa ufficiale su un determinato argomento e sopprimere la verità che interferisce con l'attuazione della loro agenda.

(Fonte: Mercola.com, 1 gennaio 2022)