L'anno cinese della Tigre delle Acque Nere è  iniziato col gran botto  – un vertice dal vivo a Pechino tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping – e un piccolo botto – il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a Kiev, in Ucraina. E sì, è tutto interconnesso.
Il consigliere per la politica estera del Cremlino Yuri Ushakov aveva rivelato in anticipo che Putin-Xi avrebbe rilasciato un'importantissima "dichiarazione congiunta sulle relazioni internazionali che entrano in una nuova era", con Russia e Cina in sintonia "sui problemi mondiali più importanti, comprese le questioni della sicurezza".
I ministri degli Esteri Sergey Lavrov e Wang Yi, che hanno lavorato senza sosta prima del vertice, si sono incontrati il ​​giorno prima a Pechino per finalizzare la dichiarazione congiunta. Wang ha sottolineato la crescente interconnessione della Belt and Road Initiative (BRI) con l'Eurasia Economic Union (EAEU) e, con grande interesse del Sud del mondo, ha fatto riferimento ad ampie discussioni sulla cooperazione BRICS, Ucraina, Afghanistan e penisola coreana.
La dichiarazione congiunta Russia-Cina (qui, in russo) non ha smussato gli angoli. Le due potenze globali, tra i punti chiave del vertice, sono contrarie all'espansione della NATO; favoriscono l'ONU e la "giustizia nelle relazioni internazionali"; combatteranno "l'interferenza negli affari interni dei paesi sovrani"; si oppongono a "forze esterne" che minano la sicurezza nazionale; e sono decisamente contrarie alle rivoluzioni colorate.
Un Putin Op-Ed pubblicato da  Xinhua ha dettagliato l'intero spettro delle discussioni sino-russe al più alto livello – dalla spinta a “rafforzare il ruolo centrale di coordinamento delle Nazioni Unite negli affari globali e prevenire che il sistema legale internazionale, con la Carta delle Nazioni Unite al centro, venga eroso" all'"espansione coerente della pratica degli accordi nelle valute nazionali e alla creazione di meccanismi per compensare l'impatto negativo delle sanzioni unilaterali [statunitensi]".
Putin ha definito risolutamente la Cina come "il nostro partner strategico nell'arena internazionale" e ha sottolineato come lui e Xi "hanno in gran parte le stesse opinioni sul modo di affrontare i problemi del mondo".
Ha affermato che questa partnership strategica è “sostenibile, intrinsecamente preziosa, non influenzata dal clima politico e non rivolta contro nessuno. È sostenuta dal rispetto per i reciproci interessi fondamentali, dal diritto internazionale e dalla Carta delle Nazioni Unite”. 
Il Sud del mondo – e forse le zone d'Europa che ora stanno affrontando un inverno gelido con prezzi del combustibile aumentati a causa della situazione di stallo sull'Ucraina – non mancheranno di confrontarlo con la visione del mondo della NATO.
Nel frattempo, a Kiev, Erdogan e Zelensky stavano rivedendo il partenariato strategico turco-ucraino.
Erdogan ha compiuto una vera prodezza a Kiev. Ha chiesto "una soluzione pacifica e diplomatica" in Ucraina, non esattamente seguendo l'implacabile narrativa di War Inc.. Ha anche affermato che la soluzione dovrebbe essere trovata "nel quadro degli accordi di Minsk, sulla base dell'integrità territoriale e del diritto internazionale dell'Ucraina".
Questo si collega esattamente al punto di vista di Mosca. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva precedentemente commentato: "se la Turchia potesse incoraggiare Kiev ad attuare l'accordo di Minsk, Mosca accoglierebbe con favore questo sviluppo".
 

Il Sultano dondola di nuovo

Quindi ecco Erdogan come un benevolo messaggero/pacificatore – l'ennesima giravolta nell'affascinante e infinita saga di quella che potrebbe essere interpretata come la sua ricerca di una posizione post-neo-ottomanista più raffinata in politica estera.
Be', non è così semplice. Erdogan, ancor prima di sbarcare a Kiev, aveva affermato che Ankara è pronta ad ospitare un incontro dal vivo Putin-Zelensky o addirittura "colloqui a livello tecnico".
Questo era il suo suggerimento per promuovere una possibile gita di Putin ad Ankara dopo l'incontro con Xi a Pechino: “Mr. Putin ci ha detto che visiterà la Turchia dopo la sua visita in Cina”.
Erdogan ha invitato Putin a fine gennaio. Il Cremlino conferma che non è stata ancora fissata una data.
Lo scopo apparente della visita di Erdogan a Kiev, parte di un Consiglio strategico di alto livello, era quello di firmare un cosiddetto accordo di libero scambio di nuova generazione, inclusa la molto complicata – per Mosca – produzione congiunta di droni Bayraktar, prodotti da Baykar Makina, una società di proprietà nientemeno che del genero di Erdogan, Selcuk Bayraktar.
Sì, in Erdoganistan è tutto in famiglia. E il problema è che il drone da combattimento Bayraktar TBT 2 – come quelli venduti in Ucraina dal 2018 – continuerà ad essere utilizzato contro la popolazione civile di Donetsk. Lavrov e persino lo stesso Putin sono stati molto espliciti al riguardo nei confronti di Ankara.
Il percorso geopolitico di Erdogan include S-400 russi in entrata e F-35 statunitensi in uscita, che riceve gas e tecnologia nucleare russi mentre vende quei Bayraktar ai nemici della Russia, e persino il sostegno, espresso dal ministro della Difesa turco Hulusi Akar a fine gennaio, allla  Convenzione di Montreux del 1936, che è molto specifica sulla restrizione della NATO nel Mar Nero: " È fuori questione rinunciare a [Montreux] nelle condizioni odierne".
Il quartier generale della NATO a Bruxelles non ne sarà contento.
Finora, Erdogan e il suo Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) avevano attivamente abbandonato Montreux a beneficio dell'ancora inverosimile Canale Istanbul che collegherà il Mediterraneo al Mar Nero, "interamente sotto la sovranità della Turchia", secondo Erdogan – ovviamente un affare molto succoso dal punto di vista della NATO. Eppure il fatto è che Ankara, impantanata in una palude economico-finanziaria, non ha mezzi per costruire il Canale.     
Il cammino sul filo del rasoio geopolitico lascia ancora in bilico i veri obiettivi dell'Organizzazione degli Stati turchi (OTS), ex Consiglio turco, che cristallizza l'attrazione del panturkismo – o panturanismo. È già andata oltre la Dichiarazione di Susha dell'anno scorso, che ha consolidato un turco-azero "una nazione, due stati"; ora comprende questi due più Kazakistan, Uzbekistan e Kirghizistan, e ha corteggiato attivamente Ungheria, Afghanistan, Turkmenistan e, ultima ma non meno importante, Ucraina.     
L'OTS si è riunito in un'isola ben protetta a Istanbul lo scorso novembre. Hanno discusso in dettaglio del fatto che l'ambiente politico estremamente complesso nell'Afghanistan dei talebani potrebbe riversarsi su nuovi casi di terrorismo e migrazione incontrollata. Non ci sono state fughe di notizie sui futuri passaggi pratici di OTS.    
Molto più che un ponte che collega l'Asia Minore e il Caucaso all'Asia centrale, o una sorta di benigna forma di "dialogo" tra il Caucaso meridionale e l'Asia centrale, l'OTS, in teoria, porta tutte le trappole di un blocco dal Mar Nero nello Xinjiang, sotto un'egemonia turca non troppo mascherata, il che implica un serio elemento da cavallo di Troia: la presenza della NATO.
Resta da vedere come l'OTS si interfaccia con la Shanghai Cooperation Organization (SCO), che riunisce gli "stans" come membri a pieno titolo, così come l'Iran, ma non la Turchia, che è solo un osservatore. Le massime potenze della SCO sono ovviamente Russia e Cina, il che non consentirebbe in alcun modo, ad esempio, al Caspio di essere aperto alle politiche predatorie occidentali, alla violazione delle sfere di influenza russa e iraniana e, soprattutto, a un blocco di "sicurezza" con La NATO che "guida da dietro".     
 

Il discorso in quei corridoi del palazzo

È abbastanza illuminante valutare come i media di Erdogan – oltre il 90% completamente controllati in tutta la Turchia –  rispecchino quelli che potrebbero essere i veri calcoli che turbinano nei corridoi di quel palazzo sultanese di 1000 stanze ad Ankara.
Vedono che la Russia "ha invaso la Crimea e ha annesso l'Ucraina orientale" e sta cercando di "consolidare la sua posizione nel Mar Nero e nell'Europa orientale". Allo stesso tempo, vedono l'Impero che strumentalizza la Turchia come una semplice "linea del fronte" in una guerra più ampia, con la strategia della NATO di "assediare" la Russia e la Cina applicata anche alla Turchia.
Quindi "la paura della Turchia è ora forte quanto la paura della Russia e della Cina".
Sembrano capire che se la War Inc. ottiene ciò che desidera disperatamente, “il Mar Nero si trasformerà nel Mediterraneo orientale. Gli Stati Uniti e l'Europa che si stabiliscono completamente nel Mar Nero significa che non se ne andranno mai". Ciò "potrebbe portare alla distruzione della Turchia a medio e lungo termine".
E poi c'è la svolta decisiva: “L'Ucraina non può fermare la Russia. Ma la Turchia può”. Questo è esattamente ciò a cui sta giocando Erdogan. “Agli Stati Uniti e all'Europa dev'essere impedito di stabilirsi nel Mar Nero. Le relazioni Turchia-Russia devono essere preservate”. Il problema è come "l'integrità e la difesa dell'Ucraina debbano essere sostenute".
Tutto quanto sopra si lega perfettamente a Erdogan, tornato da Kiev con tutte le pistole retoriche spianate, dicendo che l'Occidente vuole "peggiorare" la crisi ucraina. I media di Erdogan lo inquadrano come "un gioco pronto per spingere la Turchia contro la Russia". 
Erdogan finora non ha mai messo in discussione "l'ordine internazionale basato su regole". Ha sempre voluto rivolgere due messaggi diversi all'Est e all'Ovest. Per l'Asia, l'enfasi era sull'antimperialismo, le terribili conseguenze del colonialismo, lo stato di apartheid israeliano e l'islamofobia occidentale. In Occidente, ha impressionato la sua versione del dialogo fra civiltà (ed è stato bollato come "un autocrate").
Alla fine Erdogan non è intossicato dall'ovest, al contrario. Vede l'ordine guidato dagli Stati Uniti come una potenza neocoloniale interessata solo a depredare le risorse delle terre dell'Islam. Naturalmente è culturalmente handicappato – aderendo, nella migliore delle ipotesi, alla memorizzazione di versi coranici, all'ascolto della musica militare ottomana e al farsi fotografare con la strana pop star turca. Non legge; è tutto basato sull'istinto.
Una conversazione sul neo-ottomanesimo erdoganiano al Grand Bazaar di Istanbul batte qualsiasi analisi di think tank. I bazaari ci dicono che è qualcosa in continuo mutamento. In termini di politica estera, è passato dall'essere pro-UE alla frustrazione per essere stata esclusa, unita alla certezza che la Turchia è stanca di essere uno stato cliente degli Stati Uniti. È come se Erdogan, istintivamente, avesse colto l'attuale, abissale debacle strategica dell'Occidente collettivo – il che spiega il suo sforzo, ora, di costruire una cooperazione strategica con Russia-Cina.
Ha dunque subito una conversione? Considerando la sua leggendaria volatilità, tutte le scommesse sono annullate. Erdogan ha la memoria lunga, e non ha dimenticato che Putin è stato il primo leader mondiale a condannare il – fallito – tentativo di colpo di stato del 2016 da parte dei soliti sospetti dell'intelligence, e a sostenerlo personalmente.
La strada da percorrere per la Turchia di Erdogan onde diventare un partner strategico della Russia è ancora lunga. Eppure ha un talento nel sapere da che parte stanno soffiando i venti geopolitici – e questo indica l'integrazione dell'Eurasia, il partenariato della Grande Eurasia concettualizzato dalla Russia e il primato del partenariato strategico Russia-Cina manifestato attraverso BRI, EAEU e SCO.    
C'è anche un mini-boom eurasista in Turchia. Sono laici; anti-NATO – proprio come Russia-Cina; considerano l'Impero come l'indiscusso piantagrane dell'Asia occidentale; e vogliono legami più stretti con Mosca e Teheran.
In  Nostalgia for the Empire: The Politics of Neo-Ottomanism, M. Hakan Yavuz sostiene che "il neo-ottomanismo costituisce una rete di interrelazioni tra il discorso dominante dell'islamismo, i ricordi residui della grandezza ottomana e il desiderio preminente di ricostituire la nazione turca come potenza regionale con radici storiche”.   
La citazione che vale è "potere regionale". Perché non un forte “potere regionale” profondamente integrato in una forte Grande Eurasia – invece di un semplice vassallo occidentale (in decomposizione)? Non c'è da stupirsi che Erdogan muoia dalla voglia di passare del tempo con Putin ad Ankara.