Diego Antolini parla della qualità dell'informazione italiana e internazionale sul coronavirus, di come questa sia orientata a generare panico e insicurezza, ma anche sulla possibile natura del "virus programmato" e sulla geopolitica come chiave per comprendere l'emergenza attuale.