"Un frame, questa volta davvero incredibile

{mosimage}

e, riteniamo, di straordinario valore, ci arriva - in data 7 Luglio 2006 - dallo Spazio di Saturno per mostrare un lungo "streak in the sky": una Scia Luminosa che attraversa quasi la totalità del campo visivo di una delle fotocamere poste a bordo della Sonda Cassini.
Circa due anni fa, avevamo già rilevato uno "streak" similare il quale, in due frames Cassini consecutivi, aveva attraversato una modesta porzione del campo visivo di una delle telecamere della Sonda (ben visibili, sullo sfondo dell'immagine ed oltre alla Striscia Luminosa, anche alcune stelle ed i segni del transito di qualche raggio cosmico.
Oggi, 7 Luglio 2006, lo streak è diverso: questa volta non si tratta di una luce fissa in (lento?) movimento nello spazio; adesso lo streak, come potrete meglio valutare Voi stessi nei detail magnifications di cui ai frames 2 e 3, appare diretto verso le profondità di Saturno - il frame Cassini originale, infatti, raffigura il lato notturno del Gigante Anellato.

Di che cosa si può trattare?

Questa volta, dopo aver esperito le analisi del caso, abbiamo una teoria.

L'immagine dell'oggetto, una volta sottoposta ad un sensibile (ma non eccessivo) stretching, evidenzia una sostanziale disomogeneità nella intensità luminosa (o, se preferite, nella "tessitura") della striscia.

Ed infatti, come questo ed il successivo dettaglio mostrano bene,

{mosimage}

{mosimage}

essa alterna momenti di "brillamento" a cui fanno contrasto dei momenti in cui la luce dello streak pare indebolirsi sensibilmente.

Si tratta, come qualcuno avrà probabilmente già intuito, di alcuni segnali visuali caratteristici del passaggio di un "bolide": una meteora, insomma (una shooting star, o stella cadente).
Un corpo celeste vagante che, passato troppo vicino a Saturno, sta ora andando a dirigersi - viaggiando a grandissima velocità (ipotizziamo intorno ai 40/45.000 Km/h) verso le profondità dell'atmosfera del Gigante Anellato.

Profondità che, ovviamente, non verranno mai raggiunte, poichè la roccia vagante (o qualunque altra cosa essa fosse...) si sta già disintegrando negli strati superiori della densa atmosfera di Saturno e, nel farlo, sprigiona questa intensa luce che, nel volgere di 1 o 2" (il tempo di esposizione usato, riteniamo, dalla fotocamera di Cassini), ha già disegnato una splendida e luminosissima traccia bianca nell'oscurità.

Se la nostra ipotesi fosse corretta - come pensiamo che sia -, saremmo orgogliosi di battezzare questa meteora (la prima, immortalata su una fotografia, che va a disintegrarsi nell'atmosfera di un Pianeta diverso dalla Terra) come Lun-Ex-It One-2006-07.

La NASA, per ora, non ha detto nulla.

Caption originale:"N00063521.jpg was taken on July 07, 2006 and received on Earth July 07, 2006. The camera was pointing toward Saturn that, at the time, was approximately 2.476.952 Km away.
The image was taken using the CL1 and CL2 filters. This image has not been validated or calibrated".

{mosimage}