La retorica, la propaganda e le qualità “magiche” del linguaggio sono state usate per migliaia di anni come mezzo per controllare l'opinione pubblica. Codificata per la prima volta da Aristotele nella sua Retorica, l'arte di usare il linguaggio come mezzo di persuasione e di crescente suggestionabilità è stata al centro della lotta per il potere politico sin dai primi giorni della civiltà occidentale. 
Tornando alla Retorica di Aristotele, troviamo già i trucchi del mestiere di quei “chiacchieroni” diligentemente disposti e formalizzati. Questi erano i sofisti e i retori che sembravano sempre sapere esattamente cosa dire, come dirlo e quando dirlo per suscitare e guidare le risposte emotive desiderate del loro pubblico. A seconda che l'oratore volesse influenzare i suoi ascoltatori con rabbia, empatia o pietà, un diverso insieme di immagini e soggetti è stato considerato adatto al lavoro. L'arte della retorica consiste nel sapere quali temi e soggetti scegliere e nell'usare la giusta sequenza di pensieri e immagini per indurre lo stato emotivo desiderato. Nel caso di un oratore che cercava di indurre pietà nel suo pubblico, Aristotele scrisse: 
“Dichiareremo ora quali cose e persone suscitano pietà e lo stato d'animo di coloro che lo sentono. Sia dunque la pietà una specie di dolore suscitato dalla vista del male, mortale o doloroso, che colpisce chi non lo merita; un male che ci si potrebbe aspettare che si abbatta su se stesso o su uno dei suoi amici, e quando sembra vicino”.
 
La Retorica, Libro II, Parte VIII – Aristotele
 
Quindi oggi siamo regolarmente bombardati da nuove "sequenze", che spesso si aprono con immagini di donne e bambini indifesi o civili che soffrono per mano di qualche dittatore o nazione crudele considerata una "minaccia straniera", seguite da ovvietà e luoghi comuni, ad esempio affermazioni generali su " libertà”, “diritti umani” e “democrazia”, e poi nuovi “suggerimenti”. 
Allora come oggi, la retorica era spesso priva di contenuto reale, intuizione genuina o saggezza significativa, per quanto presentata in modo artistico e appassionato, ma era sovversiva e potente proprio perché i suoi praticanti erano in grado di modellare efficacemente le forme e le strategie linguistiche esteriori utilizzate dai più convincenti cantastorie, poeti e comunicatori. Questi includevano la capacità del poeta di usare immagini e raccontare storie che avrebbero plasmato e colorato l'immaginazione del pubblico. 
In termini moderni, i potenti effetti di tale retorica e narrazione possono essere meglio compresi come l'atto di indurre "stati alterati" in cui le immagini e le narrazioni vengono utilizzate in modi sottili e abili per alterare la disposizione emotiva di un individuo o di un gruppo. Questi stati emotivi intensificati vengono quindi utilizzati per suggerire nuove idee, portando infine individui o interi pubblici a una nuova carica o prospettiva. 
In realtà, al pubblico venivano presentati ciò che equivaleva a treni di immagini accuratamente inquadrate , sillogismi eleganti e la giusta quantità di verità e luoghi comuni necessari per creare un'aria di accordo e le condizioni emotive intensificate necessarie per il cambiamento del comportamento o la trasformazione ideologica. 
In contrasto con il tipo di retorica ed eloquenza codificata da Aristotele, quello che conosciamo come metodo dialettico di Platone può essere inteso solo come una risposta strategica diretta ai sofismi e alla retorica usati dalle classi politiche e dagli operatori stranieri che infestano le istituzioni dell'antico ateniese Repubblica: la culla della civiltà occidentale. Lo scopo del metodo dialettico era quello di eliminare i sofismi e le idee sovversive che venivano spesso presentate o "incorniciate" (nel linguaggio moderno della Programmazione Neuro Linguistica (PNL)) utilizzando forme emotivamente avvincenti e modelli linguistici tecnicamente sofisticati e modelli linguistici. Lo scopo di Platone era quello di introdurre un mezzo attraverso il quale si potesse valutare non solo le forme e i sentimenti esteriori suscitati da unmessaggio o immagini ambientate, ma per identificare con precisione come questi messaggi o storie sono stati composti e gli assiomi o le ipotesi sottostanti che qualcuno avrebbe assimilato attraverso l'esposizione a queste narrazioni. Inoltre, la ragione per cui Platone lo considerava così importante era che riconosceva che nessuna repubblica poteva sopravvivere alla tirannia dell'opinione pubblica e alle perversioni del governo oligarchico a meno che un amore più profondo per la saggezza - l'amore per la verità stessa - piuttosto che piacevoli imitazioni e forme esteriori - diventasse l'oggetto primario del desiderio di un popolo, e coltivato al massimo grado nei suoi capi. 
Così Platone nella sua settima lettera scrisse: 
“Sebbene all'inizio fossi stato pieno di un forte impulso alla vita politica, mentre guardavo il corso degli affari e li vedevo trascinati in tutte le direzioni da correnti contrastanti, finalmente la mia testa cominciò a nuotare; e, sebbene non smettessi di guardare per vedere se c'era qualche probabilità di miglioramento di questi sintomi e nel corso generale della vita pubblica, rimandai l'azione finché non si fosse presentata un'opportunità adeguata.
Alla fine, mi è apparso chiaro, riguardo a tutte le comunità esistenti, che erano una e tutte malgovernate. Perché le loro leggi sono entrate in uno stato che è quasi incurabile, se non con qualche riforma straordinaria con la fortuna di sostenerla. E dovevo dire, quando lodavo la vera filosofia, che è per questo che gli uomini sono messi in grado di vedere che cosa sia realmente la giustizia nella vita pubblica e privata. Perciò, ho detto, non ci sarà cessazione dei mali per i figli degli uomini, finché o coloro che perseguono una filosofia retta e vera non riceveranno il potere sovrano negli Stati, o coloro che sono al potere negli Stati per qualche dispensa della provvidenza non diventino veri filosofi”.
 
– Lettera di Platone VII 
 
Sfortunatamente, troppi accademici - definiti "studiosi di pane" dal poeta e storico Friedrich Schiller - si sono accontentati di trattare il metodo dialettico come una sorta di filosofia a braccio, come se Platone vivesse in un mondo di pura astrazione, trascurando le reali situazioni politiche dell'epoca che lo portarono a riconoscere che i problemi e la distruzione delle civiltà non erano semplicemente il risultato di sistemi che si rompevano, o di un destino ciclico voluto da Dio o di un evento naturale, ma erano radicati in qualcosa di fondamentalmente più profondo, situato all'interno dei cuori imperfetti e delle anime corrotte delle persone che potevano semplicemente accontentarsi o essere soddisfatte di forme esteriormente piacevoli. Il risultato era sempre lo stesso: un'oscillazione tra il governo tirannico di pochi e il totalitarismo "democratico" giacobino delle folle. 
Quindi la filosofia è emersa non come una pratica pedante, ma dal maggiore riconoscimento che era l'unica cosa che poteva effettivamente salvare società e civiltà dai cicli altrimenti costanti di opulenza, caos, decadimento e corruzione, che sarebbero sempre tornati indietro quando un popolo divenne troppo a suo agio, compiacente e rinuncerebbe alla coltivazione delle facoltà superiori necessarie per concettualizzare la sopravvivenza a lungo termine di una civiltà, delle sue istituzioni e delle sue tradizioni. 
Menti meno evolute di Platone si sono spesso spinte a credere che questi cicli siano lo stato naturale delle cose, semplicemente perché si sono verificati tante volte in passato. Tuttavia, affermare che una cosa è già accaduta tante volte in passato e che quindi deve essere naturale e allo stesso tempo non capire mai le radici più profonde del perché queste cose accadono, come Platone ha dimostrato più e più volte, non è un granché come standard di Verità o come una società effettivamente buona dovrebbe o potrebbe apparire. Queste ultime considerazioni appartengono a un ambito completamente diverso che va ben oltre la mera osservazione empirica e l'induzione generale da un insieme di "fatti". In una parola: richiedono la filosofia, cioè l'amore per la vera saggezza, piuttosto che le descrizioni statistiche e l'abile modellizzazione di "modelli" - nessuno dei quali ci dice effettivamente se qualcosa è buono, o riguarda una qualche verità essenziale sull'universo e sulla natura del Bene. 
Per questo Platone, nella sua Repubblica, ha usato l'esempio dei tragediografi che raffigurano sofferenze e crisi profonde che commuovono le persone in modo emotivamente coinvolgente. Ma, come osserva Platone nel Libro X della sua Repubblica, solo perché certe esperienze erano considerate avvincenti e le persone potevano relazionarsi con esse e vivere un'esperienza catartica, queste cose in sé e per sé non avevano alcuna attinenza con la Verità, il Bene o il modo migliore per cercarlo. 
La dialettica di Platone divenne il mezzo per consentire agli ascoltatori di scoprire gli assiomi sottostanti incorporati nelle "strutture profonde" di una storia, di un discorso o di uno slogan, in modo che si potesse iniziare a distinguere tra la mera imitazione delle cose e la cosa reale, cioè la saggezza e la verità effettive, piuttosto che i semplici resoconti descrittivi o le esperienze familiari presentate come verità essenziali semplicemente in virtù della loro ricorrenza e della loro natura di luogo comune. 
Così Platone nel libro X della Repubblica scrive: 
"Perciò, Glaucone, ho detto, ogni volta che incontri qualcuno degli elogi di Omero che dichiara che è stato l'educatore dell'Ellade, e che è utile per l'educazione e per l'ordine delle cose umane, e che dovresti prenderlo ancora e ancora e conoscerlo e regolare tutta la tua vita secondo lui, possiamo amare e onorare coloro che dicono queste cose: sono persone eccellenti, per quanto si estende la loro luce; e siamo pronti a riconoscere che Omero è il più grande dei poeti e il primo degli scrittori di tragedie; ma dobbiamo rimanere saldi nella nostra convinzione che gli inni agli dèi e le lodi di uomini famosi sono l'unica poesia che dovrebbe essere ammessa nel nostro Stato. Perché se tu vai oltre e permetti alla musa mielata di entrare, o in versi epici o lirici, non legge e ragione dell'umanità,
 
Poi Platone dice qualcosa di ancora più provocatorio: 
«Ed ora che siamo tornati all'argomento della poesia, serva questa nostra difesa a mostrare la ragionevolezza del nostro precedente giudizio nel mandare via dal nostro Stato un'arte avente le tendenze che abbiamo descritto; per ragione ci ha costretto. Ma perché non ci imputi alcuna durezza o mancanza di cortesia, diciamole che c'è un'antica disputa tra la filosofia e la poesia; di cui ci sono molte prove, come il detto del 'cane che guaisce che ulula al suo signore', o di uno 'potente nel vano parlare di stolti' e 'la folla di saggi che aggira Zeus' e i 'pensatori sottili che dopotutto sono mendicanti'; e ci sono innumerevoli altri segni di antica inimicizia tra loro.
Nonostante ciò, assicuriamo la nostra dolce amica e le sorelle arti dell'imitazione, che se solo dimostrerà che il suo titolo esiste in uno stato ben ordinato saremo lieti di riceverla - siamo molto consapevoli del suo fascino; ma per questo non possiamo tradire la verità”.
 
La quantità di sciocchezze e di isterismi che i commentatori e gli intellettuali di ogni genere hanno prodotto su questi passaggi è sbalorditiva, non solo per il loro numero, ma soprattutto per l'apparentemente intenzionale e sistematica elusione del paradosso reale posto da Platone. Al contrario, Platone è stato spesso trattato come una sorta di letterato puro, come se nei suoi dialoghi non ci fossero sfumature o ironie, ma solo prosa diretta. 
In realtà, la natura del paradosso presentato da Platone è davvero profonda, nel senso più profondo del termine. Coloro che trattano le sue parole come effusioni puramente letterali o retoriche non solo evitano la natura essenziale della questione in esame, ma perdono l'opportunità di apprezzare i ricchi frutti che tali indagini portano. Ironia della sorte, i molti commentatori di Platone non avrebbero tanti problemi con questi passaggi se riconoscessero che la sfida di Platone sul "permettere ai poeti di entrare nella nostra Repubblica" era in sostanza un Platone che si comportava da poeta, solo mascherando la sua poesia con la prosa e fingendo un'argomentazione per far emergere qualcosa di più profondo sulla natura del linguaggio e della verità, e sul ruolo che l'arte effettivamente svolge in una società impegnata nella bellezza, nella verità e nella bene. Si può tracciare un netto contrasto tra questi fini e una cultura di "virtue-signalling", la ricerca infinita della novità e "l'arte per l'arte", quest'ultima spesso inquadrata come una pura questione di "libertà di espressione", ma che in realtà è solitamente priva di qualsiasi discussione significativa sulla qualità del contenuto o sul valore sostanziale di un'idea artistica o di un'idea poetica rappresentata. 
A causa di queste fallacie, l'idea di libertà effettiva e i mezzi necessari per tutelarla si riducono spesso a vuoti luoghi comuni o alla decadenza del semplice sfoggio delle convenzioni e dello scioccare/ offendere le persone per il proprio gusto. Nei tempi moderni, questa ossessione per la novità e per lo shock del pubblico è stata spesso sostenuta come una grande virtù e il simbolo ultimo di una società "libera" - anche se la società e le anime che la abitano diventano sempre più marce, brutte e decadenti - proprio come Dante l'ha rappresentata nella sua Divina Commedia. 
Ahimè, lo scopo di Platone era quello di sapere se le idee che si trovano al centro di ogni storia, argomento o narrazione appartenevano effettivamente a qualcosa di essenziale della Verità, oppure erano semplicemente imitazioni, qualcosa che poteva suonare bene o apparire corretto, familiare o piacevole, ma che in realtà non era "la cosa reale". 
Che ne sarebbe di una società che non fosse più in grado di fare queste distinzioni? 
In una parola: l'obiettivo finale di Platone era quello di sviluppare la capacità di fare distinzioni tra la cosa reale - la verità effettiva - in modo che le persone potessero imparare ad amare la cosa reale e a cercare la cosa reale, piuttosto che le imitazioni e le rappresentazioni abilmente modellate (che spesso erano ideologicamente sovversive). E invitò persino i poeti a dimostrare come l'arte e la poesia potessero fare proprio questo, dichiarando scherzosamente: 
"Nonostante questo, assicuriamo alla nostra dolce amica e alle arti sorelle dell'imitazione che, se solo dimostrerà di avere il diritto di esistere in uno Stato ben ordinato, saremo lieti di riceverla".
 
Soprattutto, si capiva che il vero re filosofo, o saggio responsabile della supervisione di una repubblica sovrana ,doveva essere necessariamente colui che non poteva essere semplicemente ingannato dall' "arte dell'imitazione" - la mimesi - esemplificata dai poeti e dai tragici —i "creatori di immagini"—che potrebbero suscitare e dirigere le emozioni del loro pubblico creando scene strazianti e immagini catartiche che lascerebbero naturalmente le persone in stati di accresciuta emozione e suggestionabilità. 
Senza tali re filosofi o una guida saggia per contrastare la saturazione della società con la retorica e la "mimesi", Platone capì che nessuna repubblica poteva sopravvivere, poiché l'imitazione di situazioni ed eventi reali da parte di poeti e artisti non era di per sé una prova della sua validità o verità, e quindi non potrebbe mai essere uno standard per giudicare quale dovrebbe essere il futuro o la direzione di una repubblica sovrana. 
Ed è qui che la nostra storia sulla lingua prende una svolta. 
Opinione pubblica
Avanzando rapidamente all'inizio del ventesimo secolo, troviamo libri come Public Opinion di Walter Lippman, Psicologia di massa di Freud e in seguito opere come The Battle for the Mind: A Physiology of Conversion and Brain-Washing: How Evangelists, Psychiatrists, Politicians, and Medicine Gli uomini possono cambiare le tue convinzioni e il tuo comportamento e La struttura della magia I e II , che esplorano la relazione tra pensiero, linguaggio e immagini e i vari modi apparentemente "magici" in cui il mezzo del linguaggio può plasmare le credenze e comportamenti di un gruppo o di un'intera massa di individui apparentemente indipendenti. 
Nell'opinione pubblica di Lippman , l'autore esamina il controllo delle popolazioni di massa attraverso la manipolazione dei "quadri dentro la testa degli esseri umani": 
“Le immagini dentro la testa degli esseri umani, le immagini di se stessi, degli altri, dei loro bisogni e scopi, e delle relazioni, sono le loro opinioni pubbliche. Quelle immagini su cui agiscono gruppi di persone, o individui che agiscono in nome di gruppi, sono l'opinione pubblica, con le lettere maiuscole.
 
Walter Lippman - L'opinione pubblica (1923)
 
A questo proposito, mentre la maggior parte degli accademici tende a trattare il famoso paradosso di Platone del "dovremmo permettere ai poeti di entrare nella nostra Repubblica?" come i deliri di un aspirante Kim Jon Un intento a bandire chiunque non segua la linea dello Stato, in realtà, Platone stava individuando proprio il problema della “Pubblica Opinione”, con il riconoscimento che i poeti, i cantastorie e i “mitopoieti” erano quelli con il potere e l'abilità di plasmare le “immagini dentro la testa degli esseri umani”. 
Ma per apprezzare appieno come la saggezza classica sia stata usurpata e sovvertita dai "maghi" del linguaggio e della persuasione più e più volte, specialmente oggi, dovremmo considerare la nostra matrice narrativa occidentale. In modo velato , assume la forma delle ombre proiettate dai "maghi" - psicologi sociali, scienziati del comportamento e "esperti" di pubbliche relazioni - che lavorano per modellare e determinare "le immagini all'interno della testa degli esseri umani". 
Oggi, questi prendono la forma di modelli linguistici accuratamente curati presentati sotto forma di slogan accattivanti eseguiti in circuiti di feedback sui punti vendita MSM: messaggi comportamentali aumentati e di Programmazione Neuro Linguistica (NLP) incorporati liberi dagli svolazzi e dagli abbellimenti artistici del vecchio, ma mirato e distillato fino all'essenziale del "cambiamento di comportamento". Questi sono gli slogan e le banalità apparentemente vuote che in qualche modo, quasi magicamente, sembrano lasciare così tanti individui "incantati" e frammentati in personalità multiple, cittadini orgogliosi che difendono con sicurezza e contemporaneamente mantengono idee reciprocamente contraddittorie, fungendo da immagini parlanti ambulanti o dal famoso "Doppio" di Orwell Parlare." 
Portando l'attenzione sulla funzione del linguaggio e su coloro che usavano il linguaggio come mezzo per sovvertire ideologicamente le menti della popolazione, Platone identificava uno dei paradossi cruciali cui deve far fronte ogni individuo che guarda seriamente alla questione dell'artigianato statale e alla possibilità di contraffazione una repubblica in grado di resistere sia alle tempeste dell'opinione pubblica che alla tirannia del governo oligarchico. 
Allora, come oggi, sollevare il velo e rivelare le "strutture magiche" più profonde dei tanti slogan e "incantesimi" usati dai maghi del linguaggio e dai maghi degli psyops rimane al centro della battaglia per la mente. 
Come Platone comprese, da questo dipende il destino delle repubbliche. 
Alzare il velo
All'inizio del XX secolo, l'interesse per l'uso del linguaggio e della psicologia come mezzo per manipolare il comportamento e la percezione raggiunse nuove vette. L'impulso a questo cambiamento fu per molti versi innescato dal successo di repubbliche ancora giovani come gli Stati Uniti, e dalla relativa rapida comparsa dell'industrialismo e dal superamento della supremazia marittima dell'Impero Britannico da parte di nuovi e vasti sistemi di sviluppo ferroviario e interno, come la ferrovia transcontinentale di Lincoln e la leadership delle nazioni europee che lottavano per liberarsi dagli aristocratici di "sangue blu" dalla mentalità feudale della City di Londra e dalla sua rete di colonie di "libero scambio", compresa la Confederazione degli Stati Uniti del Sud. La comparsa di nuove resistenze contro queste antiche forme imperiali dominate dalla manodopera schiavizzata - la cui incarnazione più moderna è l'Impero coloniale britannico dell'epoca - fece della trasformazione strategica del controllo imperiale una questione esistenziale. Purtroppo, l'indebolimento dei metodi settecenteschi e gli esperimenti falliti del fascismo e del nazismo europei hanno reso chiaro alle classi dirigenti ereditarie, situate all'interno degli antichi centri finanziari europei, che la forza pura e le tirannie di tipo "boots on the ground" non erano un mezzo di controllo praticabile a lungo termine. Come disse notoriamente Aldous Huxley, "è necessaria una qualche forma di consenso". 
Così, proprio nel periodo in cui Freud pubblicò per la prima volta la sua Psicologia delle masse, Walter Lippman scrisse dell'importanza dell'"opinione pubblica" e fu molto schietto su chi la controllava, descrivendo un: 
“Un insieme sociale urbano potente, socialmente superiore, di successo e ricco [che] è fondamentalmente internazionale in tutto l'emisfero occidentale e, per molti versi, Londra ne è il centro. Conta tra i suoi membri le persone più influenti del mondo, includendo come fa i gruppi diplomatici, l'alta finanza, le alte sfere dell'esercito e della marina, alcuni principi della chiesa, i grandi proprietari di giornali, le loro mogli, madri e figlie che brandiscono lo scettro dell'invito. È allo stesso tempo un grande cerchio di chiacchiere e un vero set sociale”. 
Per apprezzare le dimensioni psicologiche di questa rivoluzione e la nuova era delle operazioni psicologiche (psyops) che sarebbero state condotte sulla moderna civiltà occidentale, si considerino le parole di Lord Bertrand Russell, discendente di una delle più antiche famiglie ereditarie di "sangue blu" d'Europa. Descrivendo lo spostamento dell'attenzione delle classi dirigenti ereditarie dalle forme tradizionali di dominio coloniale nel periodo postbellico, Russell scrisse: 
“Penso che l'argomento che sarà di maggiore importanza politicamente sia la psicologia di massa. La psicologia di massa è, scientificamente parlando, uno studio non molto avanzato, e finora i suoi professori non sono stati nelle università: sono stati pubblicitari, politici e, soprattutto, dittatori. Questo studio è immensamente utile agli uomini pratici, sia che desiderino diventare ricchi o acquisire il governo. È, ovviamente, come scienza, fondata sulla psicologia individuale, ma finora ha impiegato metodi basati su regole empiriche basate su una sorta di buon senso intuitivo. La sua importanza è stata enormemente accresciuta dalla crescita dei moderni metodi di propaganda. Di questi, il più influente è ciò che viene chiamato "educazione". La religione ha un ruolo, anche se in diminuzione; la stampa, il cinema e la radio hanno un ruolo sempre più importante”.
 
Bertrand Russell - L'impatto della scienza sulla società (1951)
 
Russell ha tuttavia affermato esplicitamente che alla popolazione non sarebbe stato permesso di sapere come sono state generate le sue convinzioni: 
“Anche se questa scienza sarà studiata diligentemente, sarà rigidamente confinata alla classe dirigente. Alla popolazione non sarà permesso di sapere come sono state generate le sue convinzioni. Quando la tecnica sarà stata perfezionata, ogni governo che è stato incaricato dell'istruzione per una generazione sarà in grado di controllare i suoi sudditi in modo sicuro senza bisogno di eserciti o poliziotti.
 
Bertrand Russell - L'impatto della scienza sulla società (1951)
 
Questi metodi e le loro forme più avanzate sono nati per la prima volta attraverso lo studio dell'ipnosi, della terapia di gruppo, delle "dinamiche di gruppo" e dei traumi nelle vittime di shock da proiettili da parte di psichiatri militari britannici e specialisti della guerra psicologica presso la Tavistock Clinic e la relativa guerra psicologica anglo-americana nodi. [1]
Fino ad oggi, Tavistock continua a trovarsi coinvolta in discutibili "ricerche", compreso il recente scandalo che coinvolge il tasso allarmante di bambini piccoli che vengono spinti di corsa verso la "transizione di sesso". 
Tuttavia, per i nostri scopi, il caso del Dr. William Sargant rimane uno degli esempi storici più illustrativi rispetto allo sviluppo della moderna guerra psicologica e alla sua prima genesi durante la seconda guerra mondiale e il dopoguerra. Sargant ha scritto due libri degni di nota, The Battle for the Mind: How Evangelists, Psychiatrists, Politicians, and Medicine Men Can Change Your Beliefs and Behavior (1959) e The Mind Possessed: A Physiology of Possession, Mysticism and Faith Healing (1971).
In The Mind Possessed: A Physiology of Possession, Mysticism and Faith Healing (1971) , Sargant racconta: 
“L'origine di questo libro risale alla seconda guerra mondiale e al trattamento delle nevrosi da battaglia, disturbi psicologici derivanti da esperienze di guerra orribili e mentalmente opprimenti. I soldati che erano crollati, in combattimento o dopo, a volte erano totalmente preoccupati dai loro ricordi di ciò che era loro successo. In altri casi, questi ricordi erano stati repressi nella mente subconscia, ma causavano sentimenti di depressione, stanchezza, irritabilità, paure irrazionali o incubi". (pag. 3) 
 
Le vittime di shock da proiettile sono diventate una risorsa privilegiata per sperimentare e studiare gli effetti apparentemente "magici" sperimentati da persone che si sono trovate in vari stati emotivi indotti da traumi o intensificati, ad esempio "stati alterati". 
Ciò che i primi psichiatri e psicologi militari di Tavistock scoprirono era che gli "stati alterati" potevano essere indotti con vari mezzi. Hanno anche scoperto che eventi o situazioni non devono nemmeno essere reali per indurre tali stati: immagini o ricordi, reali o irreali, potrebbero avere lo stesso effetto di indurre stati alterati negli ascoltatori. La ricerca e gli esperimenti hanno mostrato che gli stati alterati possono essere indotti, controllati e diretti sempre più con l'uso di droghe, alcol, ma anche con il linguaggio stesso. 
Sulla questione esplicita dell'ipnosi e di come si collega alla guida degli stati alterati, Sargant ha descritto l'ipnosi nel modo seguente: 
“Uno stato di accresciuta suggestionabilità, intensa sensibilità all'ambiente circostante e prontezza a obbedire ai comandi anche quando vanno controcorrente, è una delle caratteristiche più sorprendenti del comportamento ipnotizzato, e l'ipnosi ha dato il nome alla fase 'ipnoide' di attività cerebrale. […] questa fase può essere causata da stress e crea uno stato di suggestionabilità notevolmente accresciuta in cui un essere umano adotta acriticamente idee a cui normalmente non sarebbe aperto. Breuer si interessò a questo fenomeno alla fine del secolo scorso e le sue scoperte, riportate in un magistrale capitolo a cui contribuì in un libro congiunto con Freud, furono ripetutamente confermate nella nostra esperienza con le abreazioni di droga durante la guerra. Breuer inizia citando Moebius come dicendo, nel 1890: "La condizione necessaria per il funzionamento (patogeno) delle idee è, da un lato, una disposizione innata, cioè isterica, e, dall'altro, uno speciale stato d'animo... Deve assomigliare a uno stato di ipnosi: deve corrispondere a una sorta di coscienza in cui un'idea emergente si incontra senza resistenza da parte di qualsiasi altro, in cui, per così dire, il campo è sgombro per il primo arrivato. Sappiamo che uno stato di questo tipo può essere provocato non solo dall'ipnotismo, ma anche da shock emotivi (lotta, rabbia, ecc.) e da fattori estenuanti (insonnia, fame e così via).'”(Id., p. 32) 
 
Per quanto riguarda l'induzione di vari stati di accresciuta suggestionabilità, Sargant ha riconosciuto parallelismi tra i predicatori fondamentalisti che potevano invocare immagini del fuoco infernale e della rabbia di Dio come mezzo per indurre cambiamenti radicali nella struttura delle credenze, antichi rituali dionisiaci pieni di vino e danze orgiastiche e voodoo tribale rituali pieni di tamburi ritmici e danze frenetiche, che potrebbero essere tutti usati per indurre eventi catartici che hanno lasciato i partecipanti "magicamente" guariti dai loro disturbi apparenti, "demoni" o stress. Si riteneva che le qualità trasformative "magiche" del linguaggio e i loro effetti ipnotici giocassero un ruolo importante in tali rituali a causa della natura delle immagini e del linguaggio carichi. Il linguaggio è stato anche visto come uno dei mezzi più nascosti per indurre e guidare gli "stati alterati", in contrasto con l'uso di droghe, 
Come abbiamo precedentemente dimostrato e continueremo a esplorare, gli stessi nodi essenziali della guerra psicologica sono ancora molto attivi fino ad oggi, anche se alcuni con nomi e forme diversi, e discretamente intrecciati attraverso il sistema dei " Cinque Occhi " con nomi apparentemente benigni come il comportamento Insights Team (BIT) alias "The Nudge Unit" o dietro la facciata di istituzioni educative "d'élite" come il London Imperial College o l'East Anglia . Queste istituzioni hanno il compito di "spostare" e "ri-inquadrare" il modo in cui le popolazioni pensano all'assistenza sanitaria e all'etica medica , all'istruzione , alla gestione della "scarsità", all'ambiente, allocazione delle risorse, libero flusso di informazioni e, in definitiva , controllo della popolazione e "ingegneria genetica".
La struttura della "magia"
Dopo il lavoro pubblicato di Sargant è stata la pubblicazione di The Structure of Magic I & II di Richard Bandler e John Grinder. Il loro scopo era usare la linguistica come mezzo per "modellare" esattamente come le trasformazioni emotive e i cambiamenti ideologici avvenivano negli individui attraverso modelli linguistici e immagini, quella che divenne nota come Programmazione Neuro Linguistica (PNL). Il linguaggio e i "modelli linguistici" che le persone usavano come mappe della realtà sono diventati l'obiettivo principale, portando allo sviluppo di una panoplia di trucchi e tecniche ipnotiche, tra cui "visualizzazioni", "ancoraggi", "ri-inquadratura", "calibrazione, ” e un attento studio delle “sotto modalità” del linguaggio ovvero postura, tono di voce, gesti delle mani. 
La PNL è servita a modellare sistematicamente i vari modelli linguistici e gli schemi linguistici più efficaci nell'indurre "stati alterati" e nell'innescare trasformazioni nei pensieri e nei sentimenti fondamentali dei pazienti. Combinando la linguistica e la modellazione di individui ad alte prestazioni, in particolare terapeuti efficaci che sembravano dire istintivamente le cose giuste per operare trasformazioni fondamentali nei loro clienti, la PNL è emersa come una forma sorprendentemente simile di modellazione dell'uso efficace del linguaggio da parte di Aristotele nella sua Retorica, anche se senza la necessità di un'antica eloquenza, invece mirata e distillata nelle semplici strategie e strutture necessarie per indurre e guidare "stati alterati" e nuovi sistemi di credenze. 
Bandler chiamava quei terapeuti che istintivamente usavano i metodi da lui modellati "maghi", a causa delle trasformazioni apparentemente magiche che erano in grado di effettuare nei loro clienti. 
In parole povere, l'idea della PNL era che molte persone operassero con mappe linguistiche impoverite che modellavano il modo in cui le persone navigavano nel mondo reale. I modelli linguistici limitati hanno ristretto le scelte e le capacità degli individui di operare nel mondo reale. Le soluzioni sono state viste come una questione di trasformazione, espansione o arricchimento di queste mappe linguistiche utilizzando una miriade di tecniche diverse. 
In particolare, Bandler è stato allievo di Gregory Bateson, collaboratore di Aldous Huxley e psicologo noto per il "controllo mentale" dell'MK-Ultra. Bateson fu pesantemente coinvolto in esperimenti finanziati dalla CIA che utilizzavano droghe e ipnosi su vittime di traumi presso un ospedale per veterani della California; seguì anche il lavoro di Bandler sull'ipnosi e visitò le sedute con i suoi pazienti. Bandler studiò in particolare il lavoro dell'ipnotista Milton Erickson, descrivendo utilmente il linguaggio ipnotico ericksoniano come "artatamente vago, ma sistematicamente tale". Infatti, un linguaggio "artatamente vago" permetteva di usare l'ambiguità, le "lacune" nelle descrizioni e il potere complessivo della suggestione ipnotica per creare l'impressione che gli ascoltatori fornissero liberamente il proprio significato e riempissero naturalmente le lacune: l'"illusione della scelta". Queste tecniche hanno l'effetto di solidificare le credenze nelle "strutture profonde" della psiche. La sensibilità e la suggestionabilità a questi elementi era quindi qualcosa che poteva essere accentuato aumentando la tensione emotiva e l'intensità delle immagini traumatiche o dei pensieri emotivamente strazianti, soprattutto se indotti in contesti di gruppo, dove si poteva ricreare un'aria di empatia e l'accettazione calda e materna di una casa amorevole - funzionando come un sistema familiare artificiale - con l'effetto di disarmare emotivamente gli individui. 
Come spiegato in precedenza , abbiamo avuto un esempio interessante dell'intera panoplia di dispositivi ipnotici usati per indurre trance e stati alterati nello spazio di poche dichiarazioni nel recente discorso del 6 gennaio 2022 pronunciato dal presidente Joe Biden: 
“La Bibbia ci dice che conosceremo la verità e la verità ci renderà liberi. Conosceremo la verità. Chiudi gli occhi. Torna a quel giorno. Cosa vedi?
I rivoltosi infuriavano, sventolando per la prima volta all'interno di questo Campidoglio, la bandiera confederata che simboleggiava la causa per distruggere l'America, per farci a pezzi. Anche durante la Guerra Civile, non è mai successo. Ma è successo qui nel 2021.
Cos'altro vedi? Una folla, che sfonda finestre, sfonda le porte, sfonda il Campidoglio, bandiere americane sui pali usate come armi come lance, estintori lanciati alla testa degli agenti di polizia. Una folla che professa il proprio amore per le forze dell'ordine ha aggredito quegli agenti di polizia, li ha trascinati, li ha spruzzati, li ha calpestati".
 
Presidente Joe Biden – 6 gennaio 2022
 
Prima di istruire gli spettatori a "chiudere gli occhi", le frasi precedenti utilizzavano le parole "la Bibbia" e "verità". La parola "verità" è stata ripetuta tre volte in breve tempo. In questo modo si assicurava che “la Bibbia” e la “verità” fossero poste in primo piano nella psiche dell'ascoltatore subito prima dell'inizio dell'incantesimo. Agli ascoltatori è stato quindi chiesto di “Chiudere gli occhi. Cosa vedi?" Le istruzioni sono state seguite da una visualizzazione guidata in cui alle persone è stato chiesto di immaginare "rivoltosi infuriati", "la bandiera confederata", una "guerra civile" e l'America che si squarcia. 
Le domande "Cosa vedi ?" e "cos'altro vedi ?" serviva anche come quelli che gli ipnotisti chiamano "comandi incorporati" (scritti in grassetto). Inoltre, "cos'altro vedi" funziona come un "vincolo". Perché le immagini dell'insurrezione non sono mai messe in discussione, ma solo quante. Questo crea "l'illusione della scelta", una tattica comune utilizzata in tutte le narrazioni MSM. 
La visualizzazione guidata includeva una buona quantità di "cornice" e immagini suggestive, inclusi mob che rompono finestre, "bandiere americane sui pali usate come armi", "estintori lanciati alla testa degli agenti di polizia" e apparenti sostenitori di Trump che calpestavano i capi degli stessi funzionari delle forze dell'ordine che avrebbero sostenuto. 
Così, agli ascoltatori è stata presentata una particolare "sequenza" in cui sono stati "innescati" con le parole "verità" e "Bibbia", poi invitati a impegnarsi in una "visualizzazione" in cui sarebbero stati "ancorati" a una serie di immagini violente. In sostanza, la dichiarazione cercava di instillare ciò che l'ipnotista e co-creatore della PNL Richard Bandler chiama "falsi ricordi". Queste immagini potevano poi essere utilizzate per suggerire che altri eventi avrebbero potuto essere simili "insurrezioni", fungendo da innesco automatico o "spunto". Non sorprende che lo stesso linguaggio sia stato usato per suggerire che le proteste dei camionisti canadesi condividono parallelismi con la presunta "insurrezione" del 6 gennaio. 
Un concetto chiave identificato da Bandler è la questione della sequenza. Le immagini di apertura o le visualizzazioni presentate ai clienti servono come inizio di una "induzione alla trance". Aprendo con una serie di immagini viscerali, si crea uno stato emotivo elevato. Questa fase di apertura è poi seguita da una serie di truismi e luoghi comuni che ogni ascoltatore può identificare o condividere, e poi - e solo poi - una volta stabilito con successo uno stato emotivo elevato, vengono introdotte nuove suggestioni. 
Passando rapidamente al 2022, le immagini di strade e città dilaniate dalla guerra o di donne e bambini spaventati vengono regolarmente utilizzati come mezzo per indurre il tipo di stati emotivi necessari affinché i "suggerimenti" prendano piede. Quindi troviamo persino sbocchi di propaganda che generano immagini di come potrebbero apparire altre città se venissero bombardate, con l'effetto di indurre il pubblico a "immaginarsi" nella stessa situazione, provando le stesse emozioni di paura, impotenza, empatia. 
Nel caso della propaganda e dei messaggi dei media mainstream, il potere della suggestione ipnotica e dei relativi metodi dipende dalla struttura e dalle intenzioni sottostanti degli oratori o dai messaggi che rimangono nascosti, con solo quella che la PNL chiama la "struttura di superficie" visibile alla popolazione generale. D'altra parte, lo scopo di una sana dialettica è quello di portare alla luce le "strutture profonde" di qualsiasi messaggio o idea e farne l'oggetto consapevole dell'attenzione. La conseguenza della mancanza di una sana dialettica è che il pubblico è portato a credere che le storie e la realtà siano semplicemente ciò che appaiono in superficie, indipendentemente da come le "strutture profonde" incorporate in quelle storie gli facciano pensare e comportarsi effettivamente, o cosa politiche che supportano. 
Gli apprendisti stregoni
Dopo 100 anni di psicologia sociale applicata e ricerca nelle scienze comportamentali, troviamo che le massime precedentemente citate di Lord Russell si sono cristallizzate con l'istituzione del Behavioral Insights Team (BIT) e delle "Nudge Units" incorporate nei governi occidentali e nelle agenzie sovranazionali come The Nazioni Unite e World Economic Forum (WEF). Lì troviamo sviluppate nelle loro forme più all'avanguardia della psicologia di massa e delle scienze comportamentali cose come il "nudging comportamentale" e la Programmazione Neuro Linguistica (PNL), utilizzate metodicamente per indurre "stati alterati", creare un nuovo "Grande Narrativa” e guidano il processo decisionale delle persone senza la necessità di “processi riflessivi”. Scienziati comportamentali e psicologi sociali si riferiscono a questo come il bersaglio di "motivazioni automatiche", cioè la mente inconscia. 
Nel documento MindSpace (2010) della BIT, troviamo un'elaborazione sistematica della struttura concettuale da utilizzare per indirizzare e guidare in modo specifico le "motivazioni automatiche" della popolazione. 
A pagina 14 della sezione “Introduzione” è riportato uno schema che illustra le differenze caratteristiche tra i due sistemi:
Pagina 18 nella sezione “Guida per l'utente” presenta un elenco di controllo delle influenze sul nostro comportamento:
Un approccio chiave è la pratica del "framing" della PNL. Ad esempio, il rapporto del governo comportamentale della BIT (2018) descrive l'uso di tecniche di "framing" per quanto riguarda la presentazione delle decisioni politiche in termini di decessi, piuttosto che di vite salvate, e il profondo impatto che può avere sui decisori: 
 
“Gli effetti di framing si riferiscono a come la presentazione di un problema, non il suo contenuto sostanziale, può determinare se viene notato e come viene interpretato. Ad esempio, la figura seguente mostra che i politici e i dipendenti pubblici erano più propensi a scegliere un'opzione politica rischiosa quando veniva presentata in termini di numero di morti che potrebbe prevenire (piuttosto che di quante vite potrebbe salvare).
Ad esempio, la maggior parte dei media mainstream ora inquadra regolarmente i titoli usando frasi come "secondo la ricerca", "dicono gli scienziati" e "studi suggeriscono". Nonostante indossino un velo scientifico, queste non sono affermazioni scientifiche, sono appelli al pensiero di gruppo cioè “prova sociale”; le affermazioni sono progettate per sfruttare la nostra percezione dell'autorità e indurre la nostra mente a prendere una "scorciatoia" mentale. La ricerca su questo lavoro è stata fatta da Michael Cialdini, l'autore di Influence . Cialdini ha spiegato come la percezione dell'autorità potrebbe essere una potente influenza comportamentale perché l'autorità è spesso percepita come una "scorciatoia mentale" per le persone. 
Ad esempio, andiamo dal dottore e seguiamo il consiglio del dottore perché hanno studiato medicina e hanno ricevuto anni di istruzione formale. Quindi, secondo la ricerca di Cialdini, avere fisioterapisti che intonacano tutti i loro diplomi, riconoscimenti e diplomi sulle pareti dell'ufficio ha aumentato del 30% la compliance del paziente ai reggimenti di esercizio raccomandati. Pertanto, sfruttare l'apparenza di autorità agli occhi della popolazione diventa un fattore chiave per "spingerla" a prendere "scorciatoie" mentali di fronte a problemi complessi e sfaccettati. 
Tuttavia, la mente inconscia prende un intero host di "scorciatoie" e ha molti "predefiniti". La seconda influenza nella checklist di MindSpace sono gli "incentivi". La checklist descrive gli incentivi nel modo seguente: "le nostre risposte agli incentivi sono modellate da scorciatoie mentali prevedibili come evitare fortemente le perdite". 
A pagina 20 di MindSpace , gli autori descrivono questa potente influenza comportamentale - "le perdite incombono più dei guadagni" - nel modo seguente: 
“Non ci piacciono le perdite più di quanto ci piacciono i guadagni di un importo equivalente. La maggior parte degli attuali schemi di incentivi offre ricompense ai partecipanti, ma una recente revisione delle sperimentazioni di trattamenti per l'obesità che comportano l'uso di incentivi finanziari non ha riscontrato effetti significativi sulla perdita o sul mantenimento del peso a lungo termine. Un'alternativa potrebbe essere quella di inquadrare gli incentivi come un onere che verrà imposto se le persone non riescono a fare qualcosa".
 
Con il linguaggio accresciuto dalle sollecitazioni comportamentali e dalla "modellazione" linguistica della PNL, diventa possibile creare messaggi in cui una "struttura superficiale" è formulata in un modo particolare, portando a un insieme definito di suggestioni e stato emotivo, mentre la "struttura profonda" vale a dire la parte tranquilla, è incorporata con assiomi e presupposti che inducono gli individui a comportarsi in modi che potrebbero altrimenti sembrare contrari alle loro convinzioni e non sono indicati da nessuna parte nella "struttura superficiale". 
È qui che la rilevanza della dialettica di Platone diventa più evidente. Mentre i messaggi di retorica e propaganda cercano di nascondere le "strutture profonde" del linguaggio curato, una vera dialettica serve come mezzo per andare sotto la presentazione della struttura superficiale di qualsiasi messaggio al fine di portare alla luce le loro "strutture profonde" e sottoporle a un processo rigoroso di prova e di indagine. Questo di solito prende la forma di esperimenti mentali e di dialogo - il metodo socratico - che servono come un rigoroso processo di verifica delle ipotesi, immaginando come potrebbe essere un mondo organizzato attorno a tali presupposti, come le persone con assiomi x, y, z potrebbero comportarsi in vari scenari. In questo modo, siamo in grado di portare alla luce le strutture sottostanti delle affermazioni immaginando come potrebbero essere applicate in situazioni più difficili o sfumate, 
In questo senso, la dialettica è l'essenza del pensiero scientifico e della sperimentazione, mentre la retorica è semplicemente la modellazione esteriore di capacità comunicative e modelli linguistici persuasivi ed efficaci. 
La principale differenza tra le prime forme di retorica antica, le successive sottili immagini usate da artisti del calibro di Edward Bernays e dagli appassionati di psicologia freudiana e la moderna NLP e i messaggi e le "spinte" infuse di scienza comportamentale risiede nella copiosa quantità di lavoro che è stata perfezionando queste tecniche e sviluppando nuovi livelli di precisione all'avanguardia, proprio come prescritto da Lord Russell: 
“Gli psicologi sociali del futuro avranno un certo numero di classi di scolari su cui sperimenteranno diversi metodi per produrre una convinzione incrollabile che la neve è nera. Presto arriveremo a vari risultati. Primo, che l'influenza della casa è ostruttiva. Secondo, che non si può fare molto a meno che l'indottrinamento non inizi prima dei dieci anni. Terzo, che i versi messi in musica e ripetutamente intonati sono molto efficaci. In quarto luogo, che l'opinione che la neve sia bianca deve essere considerata come un morboso gusto per l'eccentricità. Ma prevedo. Spetta ai futuri scienziati rendere precise queste massime e scoprire esattamente quanto costa pro capite far credere ai bambini che la neve è nera e quanto meno costerebbe far credere loro che sia grigio scuro”.
 
Bertrand Russell - L'impatto della scienza sulla società (1951)
 
Non solo questo, ma con l'aggiunta di tutta una serie di altri dispositivi ipnotici volti a guidare le "motivazioni automatiche" delle persone, i moderni maghi psyops hanno essenzialmente sviluppato la capacità di dirigere questi "stati alterati" in tempo reale, utilizzando il aiuto di "spunti", "adescamento", "ancore" e dispositivi correlati NLP. Insieme a una semplice comprensione delle strutture superficiali e profonde e alla natura della suggestione ipnotica, si possono facilmente immaginare gli effetti potenti e molto pericolosi che queste tecniche hanno. 
Conclusione
L'apprezzamento per le sottigliezze della verità e del linguaggio, piuttosto che per le imitazioni e gli slogan "dove tutte le ambiguità e le sfumature di significato sono state eliminate" rimane al centro della sopravvivenza di ogni repubblica. Mentre lo scopo della filosofia e dell'amore per la saggezza è quello di comprendere ciò che sta alla base della nostra esperienza e percezione del mondo, in modo tale che possa emergere una società veramente buona, la retorica e il linguaggio dei "maghi" e degli spin-doctor della moderna Matrix narrativa sono progettati per vincolare le persone in sistemi di pensiero e sentimenti predeterminati utilizzando modelli linguistici accuratamente curati , inquadrando in definitiva la realtà in modi che avvantaggiano i poteri politici e finanziari regnanti. 
Anche al tempo di Platone, osservò come le varie istituzioni di Atene fossero state governate da sofismi e abili retori in modo tale che le istituzioni del suo tempo fossero completamente marce. Capì che a meno che un popolo non fosse in grado di essere governato da veri filosofi, o che coloro che occupano posizioni di potere si dedicassero alla filosofia e potessero così discernere la natura più profonda delle cose e le leggi naturali che governano ogni e tutti i sistemi, le leggi dello stato e il suo governo rimarrebbe incurabile. 
Platone capì che senza un popolo e una leadership dediti all'amore per la saggezza sui propri interessi personali e meschine presunzioni, i maghi e i maghi del linguaggio e degli psyops sarebbero sempre rimasti in grado di creare nuove illusioni e ombre affinché le masse inseguissero e chiamassero il loro proprio, pur rimanendo schiavo e ignorante. 
 
Come riconobbe Platone, tutti i libri di incantesimi, i maghi e i discorsi gentili del mondo non sarebbero stati all'altezza di nessun vero re filosofo, saggio o persona dedita all'amore per la saggezza, poiché rimarrebbero per sempre capaci di nominare e identificare gli errori e l'artificialità delle storie e delle ombre tessute dai maghi. 
Allora come oggi, da questo dipende il destino delle repubbliche. 
 

Fonte: https://canadianpatriot.org/2022/06/14/lifting-the-veil-from-ancient-rhetoric-to-modern-psyops-how-the-magicians-are-destroying-the-republic/


[1] Questo spostamento verso il controllo psicologico di massa è stato anche accompagnato da una modernizzazione del controllo imperiale, con la vecchia forma coloniale dell'imperialismo che ora si sta trasformando nella muffa finanziaria che il pluripremiato regista Michael Oswald ha soprannominato " The Spider's Web " - Wall Street è l' estensione nordamericana di questo sistema. 
 
David B. Gosselin  è un poeta, traduttore e linguista con sede a Montreal. È il fondatore del  sito di poesia The Chained Muse  e il fondatore del  Podcast New Lyre . La sua nuova raccolta di poesie si intitola  Modern Dreams .
 
(Traduzione di Matteo Martini)