Si è svolto ieri l’evento RUOLI E RESPONSABILITÀ DI INSEGNANTI E GENITORI: FRA TRADIZIONE ED EVOLUZIONE.

Si è svolto ieri l’evento RUOLI E RESPONSABILITÀ DI INSEGNANTI E GENITORI: FRA TRADIZIONE ED EVOLUZIONE.

Un appuntamento propositivo che ha voluto portare un messaggio innovativo nel mondo dell’educazione, cogliendo i nuovi aspetti con ilarità e apertura. Perché non è con la negazione, con la chiusura che si affronta il cambiamento, bensì iniziando a conoscere gli strumenti, a educare al loro corretto utilizzo e con responsabilità imparare a scegliere.

Desidero ringraziare Tiziana Cristofari, Roberto Morello e Graziano Pini per la professionalità, la simpatia e la capacità di promuovere informazioni con semplicità, chiarezza e allegria. Insieme hanno saputo creare un clima di totale apertura e positività.
Grazie al pubblico attento e recettivo, coraggioso nel mettersi in discussione e nel porsi domande. Grazie a tutto lo staff di Nexus, sempre disponibile e attento.

 

NEXUS EVENTI PRESENTA

RUOLI E RESPONSABILITA’ DI INSEGNANTI E GENITORI: 
FRA TRADIZIONE ED EVOLUZIONE


DOMENICA 16 OTTOBRE 2016 - Dalle 14:30 alle 19:30
HOTEL SPLENDID - GALZIGNANO TERME (PD)

PRESENTAZIONE
Un nuovo importante evento aperto a tutti: genitori, figli, insegnanti, alunni… e non solo.
Un intero pomeriggio per comprendere la relazione tra anaffettività e dipendenza tecnologica dei nostri ragazzi e delle circostanze che li conducono ad immergersi nel mondo virtuale fino, in alcuni casi, a diventarne dipendenti al punto di vivere esperienze ed emozioni solo attraverso di esso, e soprattutto comprenderne i pro e contro.
In questa disamina, saranno affrontate le problematiche che coinvolgono attualmente la scuola, la famiglia e la società e che vedono come protagonisti insegnanti e studenti, genitori e figli, aiutando a fare chiarezza sui ruoli e sulle responsabilità reciproche, per mantenere un equilibrio sempre più necessario tra Tradizione ed Evoluzione.
Genitori, insegnanti ed educatori sono chiamati a interrogarsi sulla validità dei propri modelli educativi, sulla conoscenza delle problematiche che emergono nel nuovo quotidiano, in primis la necessità di un utilizzo responsabile dello strumento tecnologico e della rete, per cercare soluzioni che siano di aiuto a coltivare relazioni solide, a fornire ai ragazzi degli strumenti reali di crescita e di maturazione, fra libertà e responsabilità.
Per questo motivo abbiamo richiesto la partecipazione di professionisti di alto profilo, operatori che si sono formati “sul campo” stando tutti i giorni a contatto con i ragazzi e con i loro genitori ed insegnanti, al fine di fornire delle risposte alle domande sempre più crescenti, e spesso taciute, che riguardano il presente e il futuro di tutti noi.

OBIETTIVI
Affrontare le attuali problematiche nell’educazione, nell’istruzione, nel rapporto delle tecnologie con i figli della nuova generazione. Gli strumenti educativi sinora utilizzati non sono più sufficienti e rappresentativi. Bisogna aprirsi ad una nuova dimensione pedagogica che faccia propria le istanze della nuova generazione e offra valide soluzioni formative.
Agli insegnanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

PROGRAMMA
14:30 Registrazione
15:00 Benvenuto e introduzione
15:15 Tiziana Cristofari
16:15 Roberto Morello
17:15 Pausa
17:30 Presentazione Artedemia
17:45 Graziano Pini
18:45 Domande con il pubblico
19:00 Conclusione
 

INTERVENTI RELATORI

TIZIANA CRISTOFARI
Pedagogista, docente e scrittrice

L’ANAFFETTIVITÀ UMANA SI TRASFORMA IN DIPENDENZA TECNOLOGICA
La pedagogia è la scienza dell’educazione che si prefigge di portare l’essere umano ad un benessere psicofisico utopistico, e pertanto l’educazione e la didattica sono in perenne trasformazione data anche l’evoluzione continua della realtà degli studenti e dell’ambiente circostante.
Il ruolo della pedagogia nella relazione docente-discente e genitori-figli è di primaria importanza e per questo motivo bisogna comprenderne le implicazioni in ogni realtà didattica, e quindi anche tecnologica, che si propone agli studenti affinché possano raggiungere i risultati auspicati. Esattamente come è fondamentale comprendere quanto e in che modo l’utilizzo di nuove tecnologie modifichi queste relazioni educative.
Non è possibile invece, né auspicabile, impedire un’evoluzione tecnologica di cui i nostri figli e studenti sono i primi fruitori. Partendo da questo presupposto, noi pedagogisti dobbiamo considerare come il suo utilizzo possa permettere quel miglioramento e quel benessere psicofisico di cui il docente con la scienza pedagogica ne persegue l’utopia; ci interessa pertanto capire la differenza dell’utilizzo come mezzo per soddisfare un bisogno e/o un’esigenza; ma soprattutto ci interessa valutare la nuova tecnologia nelle implicazioni che comporta nella relazione educativa e pertanto pedagogica


ROBERTO MORELLO
Coach digitale, esperto delle dinamiche della rete

DIGITO QUINDI SONO. L’ERA DEI NATIVI DIGITALI. 
La foresta non è così diversa dal mondo che viviamo o da quello digitale. Le regole e la prudenza caratterizzano ogni fase educativa portata ai nostri figli.
Spesso non educhiamo i figli ad un uso corretto delle nuove tecnologie solo perché il mondo digitale “non ci appartiene”, ci dimentichiamo anche, semplicemente, di spiegare le regole che stanno alla base di ogni esperienza sociale: la prudenza, l’amicizia, il rispetto di se stessi e degli altri, la vergogna.
Durante il mio intervento vi parlerò di digitale senza parlare di informatica, di come alcuni comportamenti nel mondo reale vengono distorti in quello digitale.
Conoscere per educare perché negare non è mai educare…


GRAZIANO PINI
Sociologo della salute, counselor, formatore e designer relazionale

L’AMORE NON È SUFFICIENTE PER ACCOMPAGNARE I FIGLI AD ESPRIMERE I PROPRI TALENTI E AD ECCELLERE.
Il passaggio dalla famiglia patriarcale alla famiglia nucleare e alle diverse forme di famiglie attuali, il lavoro femminile, lo sviluppo delle nuove tecnologie hanno messo in crisi il ruolo educativo della famiglia stessa e delle altre agenzie di socializzazione. I nostri bambini, ragazzi e studenti trascorrono molto più tempo con le nuove e vecchie tecnologie e nelle comunità virtuali che con adulti di riferimento significativi e/o con i loro pari.
Le difficoltà educative, di contenimento e di sostegno da parte dei genitori; le difficoltà formative degli insegnanti sono un effetto di questi sviluppi storici e del ruolo della tecnologia nei processi formativi.
L’iperattività, il bullismo, l’aggressività, BES, DSA, posso essere lette e spiegate come l’espressione di comportamenti devianti ma anche come il tentativo delle nuove generazioni di comunicarci un disagio ed una sofferenza non ancora completamente intercettata.
L’alta presenza di stranieri nelle nostre scuole ha favorito l’apertura delle stesse a nuove competenze e sensibilità ma siamo ancora lontani a vivere ed agire un’integrazione reale che faccia sentire accolti gli stranieri e non minacciati gli autoctoni.
Un vero patto educativo fra scuola, famiglie e le realtà presenti nel territorio diventa quanto mai necessario al fine di facilitare il percorso di crescita dei bambini e degli adolescenti ricostruendo e consolidando la coesione e l’inclusione sociale.

Presentazione di ARTEDEMIA - La prima non-scuola al mondo
Via Telesio 22 - 20145 MILANO
SONO APERTE LE ISCRIZIONI
La scuola inizia il 12 Ottobre ed abbiamo ancora 8 posti.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
347 0654586 - 049 9115516
E-mail: eventi@nexusedizioni.it


» scarica Il comunicato stampa

» scarica l'offerta formativa insegnanti

» scarica la locandina


Quota di partecipazione € 25,00 (*tessera annuale associativa inclusa)
Ingresso GRATUITO fino ai 18 anni 

*Tessera annuale associativa NEXUS Eventi € 5,00
Prenota il tuo evento compilando il modulo in fondo alla pagina o scarica e compila il modulo di partecipazione
 


I RELATORI

TIZIANA CRISTOFARI
Laureata alla Facoltà di Scienze della Formazione con indirizzo in Scienze dell’Educazione (oggi Scienze Pedagogiche).
Master in “Politiche dell’Incontro e Mediazione Culturale. Pratiche dei Saperi e dei Diritti per una Nuova Cittadinanza in Contesto Migratorio”.
Ho insegnato all’università Roma Tre a ragazze diversamente abili materie del corso di studi (pedagogia, filosofia, psicologia, antropologia).
Ho insegnato alle scuole primarie e alle scuole superiori di secondo grato materie quali storia e filosofia, pedagogia e psicologia. 
Da circa 8 anni sono presidente dell’Associazione Di.Sco. che si occupa di dispersione scolastica e da 5 anni ho uno studio di consulenza pedagogica. 
Dall’anno scorso ho aperto una scuola per l’infanzia che spero presto possa avere anche la primaria e la secondaria di primo grado.

PUBBLICAZIONI
Articoli sul blog www.figlimeravigliosi.it
Articolo sulla rivista Professione Pedagogista: Chi sono i migliori insegnanti. Riflessioni obiettive sulle competenze non accademiche degli insegnanti
LIBRI
Ore di straordinaria follia (romanzo-saggio per adolescenti e adulti); Un musetto di cioccolata (intercultura per bambini); Ecco cosa non dicono libri e corsi di automotivazione (formazione); Invidia e solitudine (romanzo-saggio).
DVD
La maestra a casa, tutto il programma di storia della scuola primaria, dalla nascita del mondo alla caduta dell’Impero Romano d’occidente raccontato con la mia voce e centinaia di immagini.


ROBERTO MORELLO
Con qualche amico fondo nel 2009 l’Associazione “Bimbi in Rete” che si trasforma per la forte richiesta di operatori in “Esperimenta” nel 2015.
In questi anni mi sono occupato di educazione digitale in scuole di ogni ordine e grado, formando studenti, docenti e genitori (circa 360 serate per i genitori ad oggi).
Ho dato lo spunto ad un progetto che intende educare i bambini a partire dalla 4^ elementare scrivendo due libri didattici dal titolo: Internino e Faccialibro.
Ho scritto 3 libri per adulti: Nativi digitali – Istruzioni per l’(ab)uso, Genitore Analogico Manuale di Sopravvivenza – Conoscere per Educare, Genitore Analogico Manuale di Sopravvivenza – Il Cyberbullismo.
Ho formato attraverso un progetto promosso dall’AIC (Associazione Italiana Calciatori) numerosi calciatori professionisti con incontri dal titolo: La Web Reputation.
Ho tenuto sulla materia un seminario alla facoltà di Filosofia presso l’Università di Padova.
Ho formato diversi centri di ascolto legati alle ULSS nel Veneto.


GRAZIANO PINI
Sociologo della salute, Life coach, Counsellor di coppia, Counsellor pedagogico, Facilitatore del metodo Tutta Un'Altra Vita® (TUAV) e Designer relazionale.
Da decenni si occupa di ricerca interiore, crescita personale, evoluzione della coscienza, educazione e salutogenesi. 
Ha collaborato con Enti Pubblici, Scuole ed Università, Associazioni e Centri culturali e professionali, Aziende sanitarie dell'Emilia Romagna e di altre regioni italiane.
Dopo aver studiato le vecchie culture sapienzali e le nuove scienze moderne (fra le quali fisica e medicina quantistica, epigenetica, neuroscienze sociali, neurocardiologia, psicobiologia, noetica, sincronoetica, PNL) individualmente e con scienziati e maestri nazionali e internazionali ha strutturato un proprio metodo di lavoro.
Formatore e trainer su corsi l'Anno migliore della mia vita; l'Amore imperfetto; l'Arte di essere e il linguaggio del cuore; L'Arcipelago delle emozioni: come trasformare ansia e stress in serenità e gioia; Genitori ed insegnanti coach: accompagnare i figli ad esprimere i propri talenti;Laboratorio di comunità resiliente, empatica ed economia solidale;Lavoro che manca, lavoro che stressa come creare il proprio lavoro.
Ha pubblicato La multidisciplinarietà come premessa e la trasdisciplinarietà come sfida, per una nuova cosmologia della prevenzione e della cura in Cipolla C., Maturo A. (a cura di) Scienze sociali e salute nel XXI secolo, FrancoAngeli. Co-curatore del libro dal titolo Della salute dei giovani, Franco Angeli; nella stessa pubblicazione autore di due saggi e co-autore di un terzo rispettivamente Oltre il paradigma bio-psico-sociale? Il benessere nei giovani, Osservatorio provinciale della salute dei giovani: una proposta di intervento sociosanitario
 


DOVE E COME ARRIVARE

     
      HOTEL SPLENDID
      presso Raddison Blu Resort
      Via Francesco Petrarca
      35030 Galzignano Terme (Padova)
      Tel +39 (049) 919 5555
       Google Maps


ATTENZIONE: Per accedere all'hotel Splendid ci sono due entrate:
- da via Montenovo, alla rotonda imboccare la seconda uscita in via Francesco Petrarca, avanti 700 metri sulla destra trovate l'ingresso diretto all'hotel Splendid, proprio di fronte allo stabilimento termale La Contea;
- entrando nel complesso Raddison Blu Resort da viale delle Terme 84, sulla vostra destra troverete l'hotel Sporting, a sinistra l'hotel Majestic, proseguite dritto fino alla fine della strada, girate a sinistra e ancora a sinistra prima di arrivare al cancello in fondo alla via e proseguite verso l'hotel Splendid.


PRENOTAZIONE E CONDIZIONI DI PAGAMENTO
Il pagamento all'evento può essere effettuato in loco (indicare pagamento in loco nel modulo sottostante nella finestra delle note aggiuntive) oppure anticipato a mezzo bonifico bancario, conto corrente postale. Per la partecipazione agli eventi a pagamento organizzati da Nexus Eventi è obbligatoria la tessera associativa 2016 di € 5,00.

Il versamento deve essere intestato all'Associazione Culturale NexusEventi
Estremi per il pagamento:
bonifico bancario: IBAN: IT46P0760112100000007650892
conto corrente postale: 7650892

Per il rilascio della ricevuta fiscale è necessario richiederla in fase di registrazione e indicare i dati completi della ragione sociale con i rispettivi numeri di Partita Iva e Codice Fiscale

L'eventuale disdetta di prenotazione deve essere comunicata entro le 18:00 del giorno antecendente alla data dell'evento in caso contrario sarà comunque richiesta la quota d'ingresso.